AP&B Alimentazione, Prevenzione & Benessere n. 4 - 2018

Direttore Scientifico

Franca Marangoni

Direttore Responsabile

Patrizia Alma Pacini

© Copyright by
Nutrition Foundation of Italy e Pacini Editore Srl

Coordinamento redazionale

Cecilia Ranza

Redazione

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38 - 20124 Milano
Tel. 02 76006271 - 02 83417795
Fax 02 76003514
info@nutrition-foundation.it

Grafica

Pacini Editore Srl
Via Gherardesca 1 - 56121 Pisa
Tel. 050 313011
Fax 050 313000
info@pacinieditore.it / www.pacinimedicina.it

Periodico mensile - Testata iscritta presso il Registro pubblico degli Operatori della Comunicazione (Pacini Editore Srl iscrizione n. 6269 del 29/08/2001)

 
L'Editoriale

I modelli alimentari da seguire per il controllo del declino cognitivo

Franca Marangoni

Il Tema

Dalla cianidina (e non solo) il contributo delle arance rosse al benessere dell'organismo

Francesco Leonardi e Marianna Giardina

L'Intervista all'Esperto: Emanuele Cereda

Nel controllo del declino cognitivo emergono le conferme al ruolo di un'alimentazione equilibrata

di Cecilia Ranza

La Scheda

Fagioli e fagiolini, Leguminose diverse

 

 

L'Editoriale

 
 
 

I modelli alimentari da seguire per il controllo del declino cognitivo

Franca Marangoni
Direttore Scientifico AP&B

 

Che l’alimentazione potesse in qualche modo influenzare i processi cognitivi è noto fin dall’antichità. Già in tempi non sospetti, per esempio, fosforo e zucchero venivano considerati i nutrienti chiave per favorire memoria e concentrazione.
Grazie ai progressi della ricerca scientifica, oggi sappiamo che l’associazione dieta-cervello è molto più complessa e che molteplici sono i fattori coinvolti nella regolazione e nel mantenimento della funzione cognitiva, dalla nascita e fino all’età più avanzata.
Si tratta di nozioni fondamentali per permettere alle future generazioni di aspirare alla buona salute complessiva, oltre che a una vita più lunga (obiettivo già in parte raggiunto nel nostro Paese). Di modelli alimentari efficaci nel controllo del declino cognitivo e dei relativi meccanismi d’azione (in parte noti e, in parte, ancora da verificare)parla nell’Intervista di questo mese Emanuele Cereda, medico specializzato in Scienza dell’Alimentazione, ricercatore all’IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia (U.O.C. Dietetica e Nutrizione Clinica).
Il valore nutrizionale dell’arancia è invece al centro del Tema, a firma di Francesco Leonardi, Vice Presidente della Fondazione Italiana per l’Educazione Alimentare (Food Education Italy), e di Marianna Giardina, Dietista, che approfondiscono la varietà dei componenti di un frutto tipico di alcune aree del nostro Paese, tali da fare di questo agrume più di una “semplice” fonte di vitamina C.


Buona lettura!

 

 Scarica questo articolo
 

Il Tema

 

Gli studi si focalizzano sull'equilibrio glucidico e sulla prevenzione dell'incremento del peso

 

Dalla cianidina (e non solo) il contributo delle arance rosse al benessere dell’organismo

Francesco Leonardi1, Marianna Giardina2

1Fondazione Italiana per l'Educazione Alimentare (Food Education Italy)
2Dietista, Catania

L’associazione tra consumo di arance e salute è storicamente correlata al suo alto contenuto di vitamina C (acido ascorbico). La progressiva diffusione di questo concetto nel mondo prese le mosse in Inghilterra attorno alla metà del XVIII Secolo, quando James Lind (medico scozzese, incaricato di trovare soluzioni alle molte carenze sanitarie della Royal Navy) dimostrò i benefici effetti svolti dagli agrumi nella prevenzione e cura dello scorbuto, malattia grave (e letale se non contrastata), dovuta alla carente assunzione di questa vitamina nel corso delle interminabili traversate oceaniche tipiche dell’epoca. Gli studi di Lind, veri e propri trial clinici, ebbero amplissima eco e il succo di arance e limoni divenne parte integrante e obbligatoria della dieta del.la marina britannica.
A queste evidenze si sommarono nel tempo le dimostrazioni relative alle attività antiossidanti, immunoprotettive e metaboliche della vitamina C, che resta ancora oggi il componente più noto e caratterizzante degli agrumi.

Quali vitamine e quali minerali

Il numero totale di elementi oggi identificati nell’arancia (Tabella 1) è però elevato (441) e poco noto al grande pubblico1. Anche se si escludono le fibre, di cui è più ricca la parte spugnosa bianca della scorza (albedo) e le 192 sostanze volatili, che ne definiscono la ricchezza sensoriale in termini di profumo, aroma e gusto, i nutrienti solubili che vengono assunti con una spremuta d’arancia restano comunque molti: circa 250.

 

 

  • Vitamine. Tra le 14 vitamine, oltre alla già citata vitamina C, devono essere ricordate quelle del gruppo B (la vitamina B1 e la B2 assunte con 100 g di arancia coprono, rispettivamente, circa il 10% e il 6% del fabbisogno giornaliero) e la vitamina A, il cui contenuto (70 mcg/100 gr) rappresenta una buona fonte di retinolo, specie se rapportato agli altri frutti disponibili nella stessa stagione.
    Consumando un’arancia dal peso medio di 150 gr (al netto della scorza) si assumono circa 75 mg di vitamina C che, secondo le tabelle dei LARN2 (Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia, 2014), sono sufficienti a coprire il fabbisogno medio giornaliero (AR) di un soggetto adulto sano. Negli anziani, il fabbisogno potrebbe essere superiore perché, con l’avanzare dell’età, l’assorbimento intestinale di vitamina C può progressivamente ridursi.
    Anche se si considera il PRI, ovvero il livello di copertura ottimale dei fabbisogni quotidiani di vitamina C per il 97,5% della popolazione adulta sana (Tabella 2), risulta evidente che il consumo di 200 g di arance al giorno è sufficiente per contribuire in gran parte all’assunzione dei 105 mg/die indicati per il sesso maschile dagli 11 anni in poi e degli 85 mg/die indicati per il sesso femminile, sempre a partire dagli 11 anni (da non trascurare l’incremento del fabbisogno per le donne in gravidanza e allattamento). Insieme al consumo di altri alimenti (frutta, verdura, ortaggi) le porzioni di arance indicate in tabella contribuiscono al raggiungimento degli apporti giornalieri raccomandati di vitamina C, con il vantaggio che le arance non richiedono trattamenti (lavaggio o cottura), che potrebbero ridurre il contenuto di vitamine idrosolubili e di sali minerali.
    È noto infatti che le vitamine idrosolubili sono particolarmente sensibili alle temperature (termolabili) e alla luce (fotosensibili): ecco perché, per tutti i prodotti freschi (arance comprese), si consiglia sempre di evitare l’esposizione al sole e di non prolungare la conservazione.

Il ruolo della vitamina C

Tra le molteplici azioni svolte dalla vitamina C, va ricordato il ruolo che essa svolge nella sintesi del collagene e nella riparazione dei tessuti; assicurare un rapporto adeguato di vitamina C è dunque fondamentale per garantire la cicatrizzazione di ferite e suture. L'azione antiossidante della vitamina C è correlata alla sua capacità di legarsi a molecole di ossigeno o metalli, neutralizzando l'azione dei radiclai liberi e contribuendo così a ridurre fenomeni a carattere degenerativo e dismetabolico. La vitamina C attiva inoltre i processi di assorbimento del ferro, migliorandone la biodisponibilità.

  • Minerali. Nelle arance sono presenti molti sali minerali. Tra questi meritano di essere menzionati potassio, sodio, magnesio, calcio e fosforo.
    Non solo: il succo d’arancia rossa è anche una buona fonte di acqua (circa 88%).
    Ecco perché l’assunzione di una spremuta, dopo attività fisica, contribuisce non solo alla reidratazione, ma anche al reintegro di potassio, magnesio, fosforo e calcio, i sali minerali di cui l’organismo ha bisogno per portare a termine reazioni enzimatiche, per sostenere i processi metabolici con produzione di energia (per prima la fosforilazione ossidativa), per promuovere l’eccitabilità delle membrane cellulari e la contrazione dei muscoli (compreso quello cardiaco), e così via.
    L’ottimo sostegno al mantenimento del bilancio idrosalino fornito dalle spremute di arancia è quindi una risorsa per tutti, ma soprattutto per le due fasce d’età estreme, bambini e anziani.

 

 

  • Acidi Organici. Gli acidi organici, citrico, malico e isocitrico, possono essere annoverati tra i principali costituenti solubili dei succhi d’arancia. Nei frutti sono inoltre ben presenti gli acidi succinico, ossalico, formico e acetico. L’acido citrico e l’acido malico sono in parte combinati come sali di potassio: sotto questa forma costituiscono veri e propri sistemi tampone, indispensabili all’organismo per mantenere l’equilibrio acido-base di tutti i fluidi, che siano circolanti (sangue) o presenti dentro e fuori le cellule.
  • Carboidrati. I carboidrati forniti dal succo d’arancia sono una decina. La loro frazione solubile (saccarosio, fruttosio e glucosio) apporta una quota energetica ridotta (34 Kcal/100 g), ma comunque utile per completare uno spuntino di metà pomeriggio. Da ricordare inoltre il ruolo sensoriale di questi zuccheri che, assieme agli acidi organici già citati (citrico, malico, isocitrico), risultano determinanti per l’aroma, profumo e gusto.

Aminoacidi liberi e sostanze azotate

Gli aminoacidi liberi e le sostanze azotate, sebbene ben rqappresentate nella loro varietà, costituiscono una parte minima (5-10%) dei solidi totali del succo d'arancia e, pertanto, non possono essere considerati nel computo del fabbisogno proteico medio giornaliero.

  • Carotenoidi e flavonoidi. Sono 21 i carotenoidi e 24 i flavonoidi (tra antocianine, flavanoni, flavoni e flavonoli) presenti nelle arance e che determinano i colori della polpa. Questi pigmenti cromatici bioattivi sono un arsenale chimico di difesa, che non solo tutela i frutti da infezioni e lesioni, ma agisce anche come complesso di agenti termo-fotoprotettori.
    La presenza di questo gruppo di molecole, indispensabile alla salute del frutto, è esplicitata dalla gamma con le quali i carotenoidi pigmentano le diverse cultivar (dal giallo pallido all’arancio intenso) e dalle diverse tonalità di rosso (fino al rosso-viola) con cui le antocianine colorano, in modo esclusivo, le varietà pigmentate di Tarocco, Moro e Sanguinello, tipiche delle terre di Sicilia. Il contenuto di carotenoidi e di flavonoidi va di pari passo con l’intensità della pigmentazione delle arance, che si completa durante tutto il ciclo di maturazione del frutto e che è funzione dell’esposizione della coltivazione verso Nord.
  • Carotenoidi. I carotenoidi (luteina, betacarotene, zeaxantina, beta-criptoxantina, violaxantina e licopene) sono soprattutto concentrati nelle arance gialle: precursori della vitamina A, hanno proprietà antiossidanti generali, ma soprattutto dirette a rinforzare le difese cutanee, proteggendo la pelle da insulti oncogeni o di carattere infiammatorio. Più specificamente, la beta-criptoxantina è coinvolta nello sviluppo corretto dell’apparato scheletrico; la zeaxantina e la luteina sono captate a livello oculare, con un effetto protettivo dimostrato e diretto a livello della macula, riducendo così il rischio di maculopatia senile; infine il licopene ha dimostrato di contrastare l’ossidazione delle LDL (con una diminuzione del rischio di aterosclerosi), ma anche il rischio oncologico, soprattutto a livello prostatico.
  • Flavonoidi. Il ruolo dei flavonoidi come possibile risorsa di benessere e salute è oggetto di approfondimento da qualche anno. Nello specifico, sono ormai molte le ricerche che, partendo dalla notevole capacità di contrasto dei prodotti dell’ossidazione e dall’attività antinfiammatoria delle antocianidine, ne hanno studiato i possibili benefici nei confronti del rischio oncologico, ma anche cardiovascolare. Nel primo ambito, anche un recente studio caso-controllo italiano3 ha dimostrato l’associazione tra maggiore assunzione di proantocianidine con gli alimenti e la riduzione del rischio di carcinoma prostatico. Nel secondo, le ricadute positive dell’assunzione alimentari di antocianidine si sono messe in luce nel riequilibrio pressorio4, ma anche nel ridurre il rischio di eventi cardio e cerebrovascolari5,6.
    Peculiare delle arance rosse è il contenuto di cianidina (cianidin 3-glicoside), i cui effetti benefici ad ampio spettro sono al centro della ricerca da circa vent’anni, prima in vitro e su modelli animali, per poi approdare alle dimostrazioni in vivo. A suscitare l’interesse della ricerca, infatti, erano state le osservazioni raccolte sulla capacità della cianidina di stimolare l’attività lipolitica e di migliorare la funzionalità complessiva delle cellule adipose(adipociti)7; sul versante metabolico, inoltre, una dieta arricchita con cianidina aveva migliorato la sensibilità all’insulina e ridotto la glicemia in animali diabetici8.
    Negli anni successivi, infatti, la ricerca ha messo alla prova l’ipotesi di un possibile ruolo della cianidina assunta con gli alimenti (e, nello specifico, con le arance rosse) nella prevenzione del dismetabolismo glucidico9, come dell’incremento ponderale, pilastri portanti (insieme all’ipertensione e alla dislipidemia) della Sindrome Metabolica (SM).
    Una review10 pubblicata nel gennaio del 2018 su Advances in Clinical and Experimental Medicine riassume le attività attribuibili alla cianidina e alle altre antocianidine presenti in frutta e verdura, sottolineando due elementi fondamentali: ogni antocianidina esercita un’azione diretta su uno specifico aspetto del metabolismo glucidico e dell’attività delle cellule adipose; ma tipo e quantità di antocianidine variano da alimento ad alimento. Se ne deduce, ancora una volta che, per garantire all’organismo il panel più completo possibile di questi nutrienti, è indispensabile attenersi a un’alimentazione variata e di qualità. Il contributo delle arance (e, nello specifico, le arance rosse) è significativo, in termini qualiquantitativi, soprattutto perché si colloca in un periodo dell’anno a ridotta varietà di frutta.

I flavonoidi già entrati in terapia

Di alcuni flavonoidi sono ta tempo riconosciuti gli effetti terapeutici. Si tratta nello specifico di:
1)esperidina, di cui si sfrutta la prevalente attività antiossidante. L’esperidina è utilizzata per la prevenzione e il trattamento della fragilità capillare e come coadiuvante nelle terapie delle sindromi varicose in generale (comprese le sindromi emorroidarie);
2)diosmina, di cui si sfrutta la prevalente azione antinfammatoria: inibendo le prostaglandine, molecole ad attività proinfammatoria, la diosmina agisce infatti sulla parete venosa, migliorando il tono vasale; ma l’effetto protettivo si estende alla microcircolazione generale e al fusso linfatico in periferia.

Conclusioni

  • Nel succo di arancia (gialla e rossa)sono presenti circa 250 nutrienti solubili, tra vitamine, minerali, acidi organici, carboidrati e flavonoidi.
  • L’assunzione quotidiana di arance copre gran parte del fabbisogno di vitamina C e assicura un buon apporto di vitamina A e delle vitamine B1 e B2.
  • L’apporto di sali minerali e carboidrati, insieme con l’elevato apporto di acqua (88% del frutto intero), fanno dell’arancia un ottimo reintegratore idrosalino dopo attività fisica e un valido complemento allo snack pomeridiano.
  • La presenza di acidi organici, in parte salificati con potassio, contribuisce al mantenimento dell’equilibrio acido-base.
  • Il contenuto eccellente in carotenoidi e di antocianidine (queste ultime concentrate nel succo delle arance rosse di Sicilia) è potenzialmente importante nella strategia nutrizionale di prevenzione delle principali malattie croniche non trasmissibili (metaboliche, cardiovascolari, oncologiche).
  • L’efficacia nutrizionale espressa naturalmente dall’insieme delle molteplici sostanze presenti nell’arancia non sembra finora riproducibile artificialmente.
  • Il ruolo nutrizionale del frutto è infatti riconducibile non tanto alla dimostrata salubrità di ciascun componente, quanto alla sommatoria sinergica degli effetti positivi che questa complessità esercita, contribuendo a contrastare ossidazione, infiammazione, stimoli mutageni e alterazioni degli equilibri metabolici.
  • La molteplicità di sostanze bioattive presenti nell’arancia, che hanno dimostrato di poter esercitare un’azione coadiuvante nella prevenzione delle principali patologie croniche non trasmissibili, è un patrimonio nutrizionale al quale attingere, inserendo l’arancia, soprattutto quella rossa, nell’ambito delle scelte alimentari mediterranee, che poggiano in gran parte sulla regola del 5, vale a dire sul consumo quotidiano di 3 porzioni di frutta + 2 porzioni di verdure/ortaggi.

Bibliografia

1Rapisarda P. Qualità dei succhi e dei frutti. In: Citrus. Trattato di agrumicoltura. (Vacante V, Calabrese F, coordinatori). Ed. Agricole 2009, pp. 419-438.

2SINU (Società Italiana di Nutrizione Umana). LARN: Livelli di Assunzione di Riferimento di Nu.trienti ed energia per la popolazione italiana (IV Revisione). SISC Ed. Ottobre 2014.

3Praud D, Parpinel M, Guercio V, et al. Proanthocyanidins and the risk of prostate cancer in Italy. Cancer Causes & Control 2018 Jan 19.

4ennings A, Welch AA, Fairweather-Tait SJ, et al. Higher anthocyanin intake is associated with lower arterial stiffness and central blood pressure in women. Am J Clin Nutr 2012;96:781-8.

5Cassidy A, Mukamal KJ, Liu L, et al. High anthocyanin intake is associated with a reduced risk of myocardial infarction in young and middleaged women. Circulation 2013;127:188-96.

6Hollman PCH, Geelen A, Kromhout D. Dietary flavonol intake may lower stroke risk in men and women. J Nutr 2010;140:600-4.

7Tsuda T, Ueno Y, Yoshikawa T, et al. Gene expression profile of isolated rat adipocytes treated with anthocyanin. Biochem Biophys Acta 2005;1733:137-47.

8Sasaki R, Nishimura N, Hoshino H, et al. Cyanidin 3-glucoside ameliorates hyperglycemia and insulin sensitivity due to down regulation of retinol binding protein 4 expression in diabetic mice. Biochem Pharmacol 2007;74:1619-27.

9Rózanska D, Regulska-Ilow B. The significance of anthocyanins in the prevention and treatment of type 2 diabetes. Adv Clin Exp Med 2018;27:135-42.

10Bjelakovic G, Nikolova D, Gluud LL, et al. Antioxidant supplements for prevention of mortality in healthy participants and patients with various diseases. Cochrane Database Syst Rev 2012;(3):CD00717.

 
 Scarica questo articolo
 

L’intervista all'esperto

a cura di Cecilia Ranza

 

 

Quali sono le certezze attuali e quali i filoni più promettenti per contenere il rischio demenze

 

Nel controllo del declino cognitivo emergono le conferme al ruolo di un'alimentazione equilibrata

Risponde Emanuele Cereda
UOC Dietetica e Nutrizione Clinica, Policlinico San Matteo, Pavia

 

Tra soli 12 anni, secondo le stime 2015 del Dipartimento per gli affari economici e sociali dell’ONU, 1 miliardo e 400 milioni di individui nel mondo avranno 60 anni o più: il principale fattore di rischio di demenze vascolari e Alzheimer, di fatto non modificabile, farà pesare il suo ruolo, proiettando a cifre insostenibili le stime di crescita per queste malattie (+ 45%) e per i costi relativi indotti (fino a 1,7 miliardi di euro all’anno).
Che fare? Già nel 2012 l’OMS aveva chiarito, nel suo documento “Dementia: a public health priority”, i molti legami tra rischio di demenze (a iniziare dall’Alzheimer) e stili di vita, inquadrati poi in sette fattori modificabili: basso livello di istruzione, ipertensione della mezza età, obesità della mezza età, diabete, sedentarietà, fumo, depressione.
Non c’è dubbio che la nutrizione entri di diritto nella prevenzione e nella cura di tre tra questi fattori (ipertensione, obesità, diabete), anche perché la centralità della corretta alimentazione nel promuovere la salute generale nel tempo è accertata.
Inoltre, guardando alle sole malattie della cognitività, la farmacologia stenta a trovare soluzioni. Ecco perché la risorsa più promettente poggia proprio sui pilastri preventivi che già funzionano in ambito cardiovascolare e oncologico: alimentazione, attività fisica e abbandono del fumo; aggiungendo, proprio per la specificità d’organo, l’allenamento cognitivo.
Emanuele Cereda, Medico Ricercatore, UOC Dietetica e Nutrizione Clinica, Fondazione IRCCS, Policlinico San Matteo di Pavia, si occupa da tempo del legame tra nutrizione e cervello. Con lui, AP&B approfondisce questo tema, complesso e cruciale.

 
DOMANDA: Quali premesse (epidemiologiche, biochimiche, cliniche) sono necessarie prima di approfondire i legami emergenti tra abitudini alimentari e protezione delle funzioni cognitive?

RISPOSTA: Allo stato attuale ci sono evidenze note, accanto ad altre in consolidamento. Il fattore demografico è il primo: non tutte le demenze sono imputabili all’età, è vero, ma è indubbio che il maggior numero di casi si sviluppa nei soggetti più anziani. Un altro fattore non modificabile, nel caso della demenza di Alzheimer, è la familiarità per la malattia. Per questo è indispensabile ridurre l’impatto dei fattori di rischio modificabili. Già negli anni ‘20 del secolo scorso, per esempio, era stata dimostrata l’associazione tra diabete e alterazioni delle performance cognitive; oggi si sa che soffrire di diabete di tipo 2 aumenta il rischio di demenza di Alzheimer fino al 46%1. Inoltre: è ormai dimostrato che i chili di troppo in età adulta, se prevalenti a livello del girovita (grasso viscerale), sono associati ad aumento del rischio di demenze nella terza e quarta età2,3. Proprio l’aumento del grasso viscerale3 promuove un quadro metabolico e clinico ben diverso da quello indotto dall’eccesso di grasso sottocutaneo distribuito in modo più uniforme. Indipendentemente dal BMI, infatti, la massa grassa viscerale si associa ad alterazioni del profilo lipidico e glucidico, ad aumento dei livelli di molecole pro-infiammatorie (proteina C reattiva, TNF-alfa e Interleuchina-6), a riduzione dell’elasticità delle pareti arteriose (che condiziona l’insorgenza di ipertensione). Tutti questi fattori favoriscono le malattie vascolari centrali (coronaropatia, cerebrovasculopatie) e periferiche (arteriopatia obliterante), che a loro volta accelerano il declino cognitivo. In un articolo recente4 si paragonano gli eventi della vita e le abitudini personali al passaggio della sabbia in una clessidra: più stimoli negativi accumuliamo, più veloce sarà lo scorrere della sabbia, cioè l’invecchiamento precoce di organi e apparati, cervello compreso. Per questo si è giunti a coniare il termine “infiammazione sistemica”, che illustra bene il danno diffuso, sommatorio e insidioso imposto all’organismo dagli stress fisici e psicologici subiti fin dalla vita prenatale, per esposizione all’ambiente e per le scelte di stile di vita.

D.: Partendo da queste considerazioni, quali sono stati i principali filoni di ricerca sul rapporto tra alimentazione e prevenzione/rallentamento del declino cognitivo?

R.: Il legame tra scelte nutrizionali e protezione delle funzioni cognitive è dimostrato, ma per ora indiretto. Conosciamo bene il ruolo dell’alimentazione nel determinare il rischio di malattie cardiovascolari e metaboliche e si sa che proprio queste malattie si riverberano sulla salute del cervello. Già una decina d’anni fa5 era nota l’associazione tra Dieta Mediterranea (DM), come schema alimentare complessivo, e protezione delle funzioni cognitive. La DM nel suo insieme aveva già dimostrato gli effetti favorevoli sul profilo lipoproteico e sul metabolismo glucidico, accanto alla capacità di proteggere l’elasticità delle pareti vasali e di apportare, tra le altre, sostanze in grado di sostenere le difese antiossidanti. Ultimo, ma non per importanza, va citato l’elemento frugalità, criterio fondante della DM e primo argine all’aumento ponderale. Alcune recenti revisioni della letteratura6,9 ripercorrono una per una le proprietà degli alimenti caratterizzanti della DM, ma precisano anche che gli effetti positivi vengono dal consumo calibrato e armonico di tutti i cibi che ne fanno parte, senza focalizzare un solo gruppo alimentare o un solo alimento. Vengono citati i benefici di frutta oleaginosa, altri alimenti vegetali e olio extravergine di oliva (EVOO): sono i principali fornitori di fitocomposti antiossidanti, in grado di ridurre lo stress ossidativo e la perossidazione dei grassi, che contribuiscono all’infiammazione sistemica già citata, accelerando anche il declino cognitivo. Il consumo regolare (almeno 2 volte alla settimana) di pesce grasso apporta gli omega-3 (DHA + EPA): gli omega-3, insieme con EVOO e fibre, riducono la sintesi delle già citate molecole pro-infiammatorie (Proteina C reattiva, Interleuchina-6,TNF-alfa). Un apporto regolare di omega-3, inoltre, contrasta anche il rischio di insufficienza cardiaca e di fibrillazione atriale, quindi anche il rischio di ictus. Vorrei ricordare che, per quanto riguarda il solo DHA, EFSA (Autorità europea per la sicurezza degli alimenti) ha accettato il seguente claim7: «Il DHA contribuisce al mantenimento della normale funzione cerebrale– Questa indicazione può essere impiegata solo per un alimento che contiene almeno 40 mg di DHA per 100 g e per 100 kcal. L’indicazione va accompagnata dall’informazione al consumatore che l’effetto benefico si ottiene con l’assunzione giornaliera di 250 mg di DHA». Sul versante proteico, la prima risorsa proteica per tutte le popolazioni mediterranee, vicine o lontane dalle coste, erano i legumi; e chi abitava all’interno contava, più che sulla carne, su latte, latti fermentati e formaggi freschi (ricotte soprattutto), consumati sempre con parsimonia. Oggi sappiamo che i latticini parzialmente scremati e l’assunzione quotidiana di yogurt contribuiscono al controllo pressorio. Nella DM delle origini, infine, era incluso l’apporto di vino giovane, limitato ai pasti e sempre in quantità controllate. Senza bisogno di citare il paradosso francese (l’incidenza di malattie vascolari non va di pari passo con l’alto consumo di formaggi grassi, probabilmente proprio per la protezione dei polifenoli forniti dai loro vini giovani), oggi sappiamo che il consumo consapevole di alcolici (da lieve, pari a meno di 7 drink/settimana a moderato, 7-13 drink/settimana) è associato a riduzione del rischio di ictus ischemico, di TIA silenti, di patologie a carico della sostanza bianca, quindi di tutti gli eventi cerebrovascolari che accelerano il declino cognitivo e aumentano il rischio di demenze. In attesa di nuovi dati, l’indicazione a riflettere sulle scelte alimentari personali, rendendole più aderenti alle indicazioni, mi sembra ovvia.

D.: La Dieta Mediterranea, però, non è il solo pattern nutrizionale corretto ad aver ricevuto l’approvazione a livello internazionale: quali sono i dati relativi a queste ulteriori abitudini alimentari? 

R.: Anche in questo caso, abbiamo riscontri indiretti, ma consistenti. Citerei la recentissima revisione sistematica sul rapporto tra nutrizione e ictus, firmata dal gruppo di lavoro SINU8, da cui emerge la forte raccomandazione a favore non solo della DM, ma anche della proposta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension). È dimostrato che DASH tiene sotto controllo il principale fattore di rischio per l’ictus ischemico (l’ipertensione) e che mostra una tendenza protettiva persino nei confronti dell’ictus emorragico, notoriamente più difficile da prevenire, perché la sua fisiopatologia è decisamente più complessa. Sugli altri schemi alimentari “sani” (tra cui Nordic Food Index e Okinawan Diet) la review conferma che hanno un effetto protettivo nei confronti della salute generale. Nota bene: in tutti questi schemi prevalgono gli alimenti vegetali caratteristici di ciascuna area geografica; gli alimenti di origine animale non sono esclusi, purchè l’apporto sia limitato; si conferma infine la necessità di un consumo consapevole di alcol. Tutti questi regimi sono declinati sempre nel segno della frugalità, della varietà e della scelta di metodi di cottura a limitato uso di grassi, con ridotta formazione di composti potenzialmente lesivi (vapore, bollitura, stufatura). Le popolazioni che aderiscono di più a questi pattern dietetici mostrano una migliore sopravvivenza, in quantità e in qualità, compreso il mantenimento nel tempo delle funzionalità cognitive. Da citare infine c’è l’approccio alimentare MIND (Mediterranean-DASH Intervention for Neurodegenerative Delay), l’unico specificamente mirato sul declino cognitivo: combinando alcuni specifici elementi della DM e di DASH9, focalizza l’apporto di frutti di bosco e verdure a foglia verde scuro come fonte naturale di vitamina K, folati, luteina, licopene, beta-criptoxantina, alfa e beta carotene. Una rigorosa adesione alla MIND, che metta in tavola una o due porzioni al giorno di vegetali a foglia verde scuro, sembra rallentare in modo significativo il declino cognitivo, a confronto con un consumo sporadico o assente. Va detto che anche nel gruppo di soggetti con una moderata adesione alla MIND emerge una certa protezione dal declino cognitivo, sebbene meno significativa.

D.: Ci sono elementi a favore della supplementazione con singoli nutrienti, o con complessi di nutrienti?

R.: Se ci atteniamo all’assunto di partenza, vale a dire la protezione delle funzioni cognitive in soggetti sani, senza segni e sintomi di malattia, la ricerca ci consegna un quadro in piena evoluzione4, su cui è indispensabile lavorare. Ovvero: per chi è sano, il miglior intervento preventivo, per ora, sta nel rispetto di quanto abbiamo già affermato. Abbiamo invece qualche elemento positivo in più, sempre e solo in ottica preventiva, nel caso di una popolazione selezionata, cioè nei soggetti in cui è presente un alto rischio di malattia. Nel confronto con una preparazione placebo, una combinazione bilanciata di nutrienti specifici (omega-3, vitamine, fosfolipidi, colina, selenio e uridina monofosfato), infatti, somministrata a persone con segni prodromici di Alzheimer, prima cioè che la malattia si evidenzi10, ha dimostrato di rallentare la progressione di alcuni segni (come l’atrofia dell’ippocampo) e di migliorare i punteggi di valutazione dello stato cognitivo. Sottolineo ancora una volta che il vantaggio si evidenzia soltanto se l’intervento è precoce, prima che la malattia dia segnali conclamati.

D.: Ci sono studi che hanno valutato un approccio multimodale: alimentazione corretta, più attività fisica, più allenamento cognitivo?

R.: Inizierei citando la ricerca FINGER11 (FINnish GERiatric intervention study to prevent cognitive impairment and disability) del 2015, in cui una popolazione tra i 60 e i 77 anni, con performance cognitive nella media, o appena inferiori, e un rischio medio per cardiovasculopatie e Alzheimer (punteggio ≥6 su 15, valutato con il CAIDE Score) ha seguito per 24 mesi due protocolli: o un intervento attivo multimodale(dieta, esercizio fisico, monitoraggio cardiovascolare, training cognitivo), o consigli generali di salute. Questo studio è il primo a essere stato condotto su una popolazione anziana, selezionata per il rischio di rapido declino cognitivo, ma senza segni e sintomi di malattia; ha dimostrato che seguire con costanza nel tempo il complesso degli interventi mirati sui maggiori aspetti della salute generale e cognitiva ottiene risultati soddisfacenti e comporta costi minimi. Nel gruppo seguito con l’approccio multimodale, infatti, il rischio di declino cognitivo si è ridotto in modo significativo rispetto ai controlli. Anzi, in alcuni soggetti i punteggi delle diverse performance sono addirittura migliorati. Più recentemente, uno studio multicentrico francese12 ha paragonato per tre anni, su donne e uomini dai 70 anni in su ancora sani, 4 interventi: 1) placebo (gruppo di riferimento); 2) intervento multimodale (alimentazione corretta più attività fisica più allenamento cognitivo), associato a supplementazione quotidiana di omega-3 (800 mg/die di DHA e 225 mg/die di EPA); 3) intervento multimodale più capsule placebo; 4) sola supplementazione di omega-3. Dopo tre anni, i punteggi cognitivi dei tre gruppi che avevano seguito l’intervento multimodale (da solo, o associato a omega-3) e o che avevano assunto soltanto DHA + EPA sono stati migliori rispetto al gruppo placebo. Attenzione, però: anche nel gruppo placebo, la cognitività di chi aveva in partenza livelli più alti di DHA + EPA non è stata penalizzata, mentre nei soggetti con bassi livelli basali dei due omega-3 le performance sono declinate. In parole semplici: si conferma la necessità di un’alimentazione corretta, che includa sempre adeguati apporti di questi polinsaturi. Questi esempi ci dicono che siamo di fronte a un filone robusto di ricerca, sul quale c’è ampio margine di manovra, pur ricordando che il complesso della dieta ha un ruolo preminente rispetto a quello del singolo nutriente.

D.: Indicazioni pratiche e sviluppi futuri: che cosa si può dire?

R.: L’articolo pubblicato da Ageing Research Reviews4 sintetizza bene il presente e il futuro. Per il presente c’è piena conferma al binomio tra nutrizione adeguata e life-style corretto per sostenere la salute dell’individuo. Il concetto di “salute” include ovviamente tutti gli organi, cervello compreso. Prima ci si adegua, migliori saranno i risultati nel tempo. Per il futuro, il discorso si fa più complesso. Cito per sommi capi gli aspetti su cui si sta lavorando. Dobbiamo chiarire quali sono i biomarker migliori per valutare, a livello centrale (sistema nervoso centrale) e nei tessuti periferici, l’impatto dei fattori stressogeni (fisici e psicologici) che promuovono l’infiammazione sistemica. Occorre sviluppare metodi di valutazione delle funzioni cognitive standardizzati e accettati da tutti. Soltanto così i risultati delle ricerche future potranno essere interpretati in modo uniforme a livello internazionale. È indispensabile infine individuare i bersagli davvero utili per la prevenzione, vale a dire: quali sono gli interventi positivi e sinergici? Quali sono invece quelli che, singolarmente ottimali, potrebbero non esserlo se adottati insieme? È obbligatorio a questo punto citare il contributo che verrà dall’approfondimento sul dialogo tra intestino e cervello (brain-gut axis), mediato dai ceppi batterici che, nel microbiota intestinale, proteggono integrità e funzionalità delle mucose intestinali: quali sono? Come cambiano da individuo a individuo? Come possiamo stimolarne la proliferazione? Una dieta adeguata permette di selezionare e “coltivare” i batteri benefici e di sostenere l’interazione positiva degli stessi con il nostro sistema immunitario (in gran parte localizzato nell’intestino). In questo modo contribuisce a mantenere un basso livello di infiammazione locale e sistemica e quindi a ridurre anche il livello di neuro-infiammazione. In conclusione: la complessità delle ipotesi di lavoro sul rapporto tra nutrizione e cervello è davvero notevole. In attesa di risultati mirati, che sicuramente verranno, abbiamo una certezza: anche il cervello si può difendere bene, scegliendo e seguendo lo stile alimentare e di vita indicato da tutte le linee guida.

Bibliografia

1Cheng G, Huang C, Deng H, et al. Diabetes as a risk factor for dementia and mild cognitive impairment: a meta-analysis of longitudinal studies. Intern Med J 2012;42:484-91.

2Prickett C, Brennan L, Stolwyk, R. Examining the relationship between obesity and cognitive function: a systematic literature review. Obes Res Clin Pract 2015;9:93-113.

3Cereda E, Sansone V, Meola G, et al. Increased visceral adipose tissue rather than BMI as a risk factor for dementia. Age Ageing 2007;36:488-91.

4Miquel S, Champb C, Dayc J, et al. Poor cognitive ageing: Vulnerabilities, mechanisms and the impact of nutritional intervention. Ageing Research Reviews 2018;42:40-55.

5Bernhardt NE, Kasko AM, Cereda E, et al. A Life-Course Contribution of Nutrition to Future Cognitive Decline. In: Bernhardt NE, Kasko AM, eds. Nova Sc. Publ. 2008, pp. 63-106.

6Aridi YS, Walker JL, Wright ORL. The Association between the Mediterranean Dietary Pattern and Cognitive Health: a Systematic Review. Nutrients 2017;9:674.

7Regolamento UE 2012; 16 maggio. Elenco delle indicazioni sulla salute consentite. EFSA J 2010;8:1734 e 2011;9:2078.

8Iacoviello L, Bonaccio ML, Cairella G, et al. on behalf of Working Group for Nutrition and Stroke. Diet and primary prevention of stroke: systematic review and dietary recommendations by the ad hoc working group of the Italian society of human nutrition. Nutr Metab Cardiovasc Dis 2018;28:309-34.

9Pistollato F, Iglesias RC, Ruiz R, et al. A Nutritional patterns associated with the maintenance of neurocognitive functions and the risk of dementia and Alzheimer’s disease: A focus on human studies. Pharmacol Res 2018;131:32-43.

10Yassine H. Targeting prodromal Alzheimer’s disease: too late for prevention? Lancet Neurol 2017;Oct 30.

11Ngandu T, Lehtisalo J, Solomon A, et al. A 2 year multidomain intervention of diet, exercise, cognitive training, and vascular risk monitoring versus control to prevent cognitive decline in at-risk elderly people (FINGER): a randomised controlled trial. Lancet 2015;385:2255-63.

12Andrieu S, Guyonnet S, Coley N, et al. MAPT Study Group. Effect of long-term omega 3 polyunsaturated fatty acid supplementation with or without multidomain intervention on cognitive function in elderly adults with memory complaints (MAPT): a randomised, placebo-controlled trial. Lancet Neurol 2017;16:377-89.

 

 Scarica questo articolo

La Scheda

 

Fagioli e fagiolini

Che cosa sono

Entrambi appartenenti alla famiglia delle Leguminosae, fagiolini e fagioli sono però differenziati per tipo di consumo (del fagiolino si consumano baccello e semi, del fagiolo soltanto i semi) e per composizione nutrizionale (valore energetico e tenore di nutrienti). In effetti, i fagiolini sono i baccelli immaturi del fagiolo, ricchi di acqua, ma con un apporto di proteine e carboidrati molto contenuto: per questo sono considerati in cucina alla pari degli ortaggi. I fagioli invece, nelle diverse varietà, sono ricchi di proteine come tutti i legumi e vanno consumati in alternanza con carne, pesce, derivati del latte e uova.

Che cosa contengono

Il valore energetico dei fagiolini che, come già accennato, sono costituiti per il 90% circa da acqua, è mode.sto. Ottimo invece l’apporto di fibre e più che valido anche quello di minerali, potassio e fosforo soprattut.to, oltre che di vitamina C e folati totali. Dal canto loro i fagioli (tutte le varietà) associano un apporto energetico decisamente più elevato a un contenuto di carboidrati (amidi per lo più) e proteine nutrizionalmente rilevante. Inoltre i fagioli sono ricchi di fibre. Alcuni studi ne hanno dimostrato l’effetto saziante. Il profilo nutrizionale dei fagioli è completato dalla presenza di potassio, fosforo, calcio (di cui sono ricchi) e ferro. Rispetto ai fagiolini, forniscono meno vitamina C, ma contengono più tiamina (vitamina B1). Da segnalare il contenuto di lecitina.

 

 

Che cosa bisogna sapere

In cucina i fagiolini sono consumati a partire preferibilmente dal prodotto fresco (o surgelato). Leggeri al gusto, rappresentano una buona fonte di fibre, che favoriscono il benessere intestinale. I fagioli sono offerti come prodotto fresco in baccello, ma anche surgelati, secchi (necessitano quindi di un lungo ammollo), infine come conserve, da utilizzare tal quale (sgocciolati e lavati per eliminare il sale in eccesso). Da ricordare: l’abbinamento dei fagioli con i cereali (pasta e riso) consente di assumere il panel completo degli aminoacidi essenziali. Gli amidi dei fagioli, poco digeribili dal nostro sistema enzimatico intestinale, possono essere poco tollerati, soprattutto da chi soffre di colon irritabile. Infine il consumo di fagioli (ma non quello dei fagiolini) è sconsigliato a chi presenta diverticoli del colon.

 
 Scarica questo articolo

Glossario

  • Antiossidante

    Sostanza che impedisce o rallenta l'ossidazione.

  • Carboidrati

    Rappresentano la principale fonte energetica della dieta. Sono di due tipi: semplici e complessi. I semplici sono gli zuccheri, i complessi includono amido e fibra. Forniscono 4 calorie per grammo. Si trovano naturalmente in pane, cereali, frutta, verdura, latte e latticini. Torte, biscotti, gelati, caramelle, succhi di frutta e altri alimenti di questo tipo sono ricchi di zuccheri.

  • Aterosclerosi

    Patologia delle arterie caratterizzata da depositi di grassi, infiammazione, fibrosi e calcificazione nella parete vascolare. Le placche aterosclerotiche sono le tipiche lesioni di questa patologia.

  • Ipertensione

    Aumento della pressione arteriosa al di sopra dei valori normali (nell'adulto 80-90 mm Hg di minima e 130-140 mmHg di massima). Può essere di origine secondaria (renale, endocrina, neurologica, ecc.) o primitiva (essenziale).

  • Sindrome metabolica

    La Sindrome Metabolica è una condizione metabolica caratterizzata dalla contemporanea associazione di diversi fattori di rischio metabolici nello stesso paziente, che incrementano la possibilità di sviluppare patologie cardiovascolari e diabete.

  • Infiammazione

    Complesso di reazioni che si verificano localmente in risposta ad un agente lesivo. Clinicamente è caratterizzata da 4 sintomi: tumefazione, arrossamento, aumento della temperatura localmente, dolore.

  • Diabete

    Una patologia che si verifica quando l’organismo non è in grado di utilizzare il glucosio ematico. I livelli di glicemia sono controllati dall’insulina, un ormone prodotto dall’organismo che favorisce l’ingresso del glucosio nelle cellule muscolari e adipose. Il diabete insorge quando il pancreas non produce abbastanza insulina o l’organismo non risponde all’insulina che è stata prodotta.

  • Dieta mediterranea

    Regime alimentare a base di cereali integrali, legumi, ortaggi, frutta, olio d'oliva.

  • Ictus

    Manifestazione acuta di lesione focale cerebrale.

  • Incidenza

    Il numero di nuovi casi osservati in una popolazione nell'unità di tempo (in genere un anno). Un'incidenza dell'infarto in una popolazione dell'1 per mille indica che, ogni anno, un soggetto su mille viene colpito dalla malattia. Da non confondere con "prevalenza" (vedi).

  • Supplementazione

    Se i soggetti trattati sono ignari del fatto di aver ricevuto l'uno o l'altro dei trattamento testati, lo studio si definisce "in cieco". Se anche lo sperimentatore lo è, almeno fino al termine della raccolta dati, lo studio si definisce "in doppio cieco".

ALLEGATI

AP&B n. 4_2018

Stampa

Condividi