Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Attività fisica e sedentaria, predisposizione genetica e indice di massa corporea

19-09-2012

Qi Q, Li Y, Chomistek AK, Kang JH, Curhan GC, Pasquale LR, Willett WC, Rimm EB, Hu FB, Qi L.
Circulation. 2012 Sep 4. [Epub ahead of print]

E’ ormai ben noto che fattori sia genetici e sia ambientali contribuiscono all’andamento, nel tempo, dell’indice di massa corporeo (BMI). In particolare, è ben dimostrato che elevati livelli di attività fisica possono attenuare la predisposizione genetica all’aumento del BMI che si osserva in molte persone, mentre il ruolo delle attività sedentarie su tale associazione è meno chiaro.
Nel presente lavoro è stata valutata l’associazione tra tempo speso davanti alla TV, attività fisica svolta durante il tempo libero e propensione genetica all’aumento ponderale ed il BMI di 7.740 donne e 4.564 uomini appartenenti alle coorti del Nurses\' Health Study e dell’Health Professionals Follow-up Study.
I dati relativi all’attività fisica e al tempo speso davanti alla TV sono stati raccolti nei 2 anni precedenti alla misurazione del BMI, mentre la predisposizione genetica (espressa come genetic risk score, o GRS) è stata valutata mediante la valutazione di 32 varianti genetiche che si ritengono associate al BMI.
Analizzando i risultati emerge, sia negli uomini che nelle donne, che l’associazione tra GRS e BMI tende a rafforzarsi all’aumentare del tempo passato davanti alla TV: più precisamente, un incremento di 10 punti del GRS si associa ad un aumento del BMI di 0,8, 0,8, 1,4, 1,5 e 3,4 kg/m2 nei cinque quintili di tempo trascorso davanti alla televisione (rispettivamente 0-1, 2-5, 6-20, 21-40 e >40h/settimana). Al contrario, l’associazione tra GRS e BMI appare più debole all’aumentare dell’attività fisica: l’aumento del GRS di 10 punti risulta infatti associato ad aumenti di 1,5, 1,3, 1,2, 1,2 e 0,8 kg/m2 nei cinque quintili di attività fisica crescente.
I risultati di questo studio dimostrano pertanto che uno stile di vita sedentario può accentuare la predisposizione genetica all’adiposità, mentre elevati livelli di attività fisica possono attenuare tale associazione.

Glossario

  • Quintili

    Gruppi pari ad un quinto della popolazione in esame, ottenuti disponendo i soggetti in ordine crescente secondo un certo parametro (ad es. l'altezza, o il consumo di un alimento, e cosi via), e separando poi il 20% dei soggetti con i valori più bassi del parametro in esame (I quintile), il 20% successivo (II quintile) e cosi via fino al 20% con valori più elevati (V quintile). Analoghe operazioni possono portare a suddividere la popolazione in terzili (tre gruppi) quartili (quattro gruppi) o percentili (cento gruppi).

Television Watching, Leisure-Time Physical Activity and the Genetic Predisposition in Relation to Body Mass Index in Women and Men.

BACKGROUND:
Previous studies on gene-lifestyle interaction and obesity have mostly focused on the FTO gene and physical activity, while little attention has been paid to sedentary behavior as indicated by television (TV) watching.
METHODS AND RESULTS:
We analyzed interactions between TV watching, leisure-time physical activity and genetic predisposition in relation to body mass index (BMI) in 7740 women and 4564 men from 2 prospective cohorts: the Nurses\' Health Study and Health Professionals Follow-up Study. Data on physical activity and TV watching were collected 2 years prior to assessment of BMI. A weighted genetic risk score (GRS) was calculated on the basis of 32 established BMI-associated variants. In both women and men, the genetic associations with BMI strengthened with increased hours of TV watching. An increment of 10 points in the weighted GRS was associated with 0.8 [SE 0.4], 0.8 [0.2], 1.4 [0.2], 1.5 [0.2] and 3.4 [1.0] kg/m(2) higher BMI across the 5 categories of TV watching (0-1, 2-5, 6-20, 21-40, and >40h/wk) (P for interaction=0.001). In contrast, the genetic association with BMI weakened with increased levels of physical activity. An increment of 10 points in the weighted GRS was associated with 1.5 [0.2], 1.3 [0.2], 1.2 [0.2], 1.2 [0.2] and 0.8 [0.2] kg/m(2) higher BMI across the quintiles of physical activity. The interactions of TV watching and physical activity with genetic predisposition in relation to BMI were independent of each other.
CONCLUSIONS:
Sedentary lifestyle indicated by prolonged TV watching may accentuate predisposition to elevated adiposity, whereas greater leisure-time physical activity may attenuate the genetic association.
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419