Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Celiachia e rischio di cataratta

15-06-2011

Mollazadegan K, Kugelberg M, Lindblad BE, Ludvigsson JF.
Am J Epidemiol. 2011 May 30. [Epub ahead of print]

La malattia celiaca è una patologia autoimmune scatenata dal glutine che, secondo i dati più recenti interessa circa l’1% della popolazione mondiale. Questa malattia è stata messa in relazione con una serie di disturbi endocrinologici e neurologici, ma anche con l’aumento del rischio di patologie su base ossidativa, dal momento che l’alterazione dell’equilibrio tra ossidanti e antiossidanti a livello della mucosa intestinale che si osserva nel soggetto celiaco, comporta una riduzione della capacità antiossidante. Lo stress ossidativo gioca un ruolo fondamentale anche nello sviluppo della cataratta, insieme ad altri fattori di rischio tipici della malattia celiaca, come le carenze vitaminiche secondarie al malassorbimento e l’infiammazione cronica.
Gli autori di questo studio hanno confrontato una popolazione composta da 27856 svedesi con malattia celiaca diagnosticata tra il 1969 e il 2008 mediante biopsia, con una popolazione composta da 142000 soggetti di controllo . Al termine di un periodo di follow-up di 9 anni, tra i pazienti sono stati identificati 1159 casi di cataratta (Hazard Ratio [HR]=1.28) contro i 909 casi attesi, senza differenze significative in termini di rischio tra uomini (HR=1.37) e donne (HR=1.23). Il rischio assoluto è risultato pari a 397/100000 persone per anno. Da un’analisi successiva è inoltre emerso che il rischio di cataratta era aumentato per i pazienti nei quali la celiachia era stata diagnosticata ad un’ età compresa tra 40 e 49 anni (HR=1.40) e tra 50 e 59 anni (HR=1.23).
Queste osservazioni indicano che i soggetti con malattia celiaca hanno un rischio più elevato di sviluppare cataratta, plausibilmente attribuibile al alcuni fattori di rischio comuni ad entrambe le patologie.

Glossario

  • Mucosa

    Membrana di colore roseo che riveste la superficie interna delle cavità presenti nell'organismo.

  • Antiossidante

    Sostanza che impedisce o rallenta l'ossidazione.

  • Infiammazione

    Complesso di reazioni che si verificano localmente in risposta ad un agente lesivo. Clinicamente è caratterizzata da 4 sintomi: tumefazione, arrossamento, aumento della temperatura localmente, dolore.

  • Rischio assoluto

    La probabilità che un certo evento si manifesti in un intervallo di tempo predeterminato. Un rischio assoluto di infarto del 2% nei dieci anni successivi indica appunto che il soggetto ha due probabilità su cento di essere colpito da un simile evento nel tempo indicato.

Increased Risk of Cataract Among 28,000 Patients With Celiac Disease.

Vitamin deficiencies are prevalent in celiac disease (CD) and are associated with cataract formation, but it is unknown whether persons with CD are at increased risk of cataract. The authors\' objective in this population-based cohort study was to determine the risk of cataract among persons with biopsy-verified CD. Data on CD were collected from reports on small intestinal biopsies performed between July 1969 and February 2008 in the 28 regional pathology departments in Sweden. The authors identified 28,756 persons with CD (villous atrophy, Marsh pathology stage 3). For each person with CD, Statistics Sweden selected up to 5 controls matched for age and sex from the Total Population Register. Data on cataract were obtained from the Swedish National Hospital Discharge Register and the National Day-Surgery Register. Cox regression analysis was used to estimate the risk of cataract. During a median follow-up period of 9 years, the authors identified 1,159 cataracts among persons with CD (909 were expected) (hazard ratio = 1.28, 95% confidence interval: 1.19, 1.36). The absolute risk of cataract was 397/100,000 person-years in CD, with an excess risk of 86/100,000 person-years. In conclusion, this study found an increased risk of developing cataract in patients with CD.
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419