Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Consumare alimenti o bevande in cui gli zuccheri sono sostituiti da inulina o frutto-oligosaccaridi migliora la risposta glicemica post-prandiale

13-04-2017

Lightowler H, Thondre S, Holz A, Theis S.
Eur J Nutr. 2017 Mar 3. doi: 10.1007/s00394-017-1409-z. [Epub ahead of print]

Ridurre la risposta glicemica post-prandiale contribuisce a tenere sotto controllo, nel lungo periodo, il rischio di malattie metaboliche e croniche, prima tra tutte il diabete. È noto che le fibre, rallentando l’assorbimento intestinale, modulano verso il basso la risposta glicemica, controllando anche il conseguente rilascio di insulina.
In questo studi sono stati esaminati gli effetti in acuto sulla risposta glicemica dell’inulina, fibra solubile estratta principalmente dalla radice di cicoria e dei frutto-oligosaccaridi, che derivano comunque dall’inulina.
Nel primo esperimento, un gruppo di giovani adulti (uomini e donne) sani ha consumato, nell’arco di 10 minuti, una bevanda a base di yogurt, in cui il 20% dello zucchero era stato sostituito da oligofruttosio; come controllo, un gruppo di soggetti simile per età e condizioni ha consumato la stessa bevanda a base di yogurt, ma al 100% di zucchero.  Nel secondo studio, ad altri due gruppi di giovani adulti sono stati somministrati 110 g di gelatina di frutta preparata rispettivamente con il 100% di zucchero, o con la sostituzione del 30% di zucchero con inulina.
Questi i risultati: la presenza, nello yogurt da bere, del 20% di oligofruttosio al posto dello zucchero ha ridotto del 14% la risposta glicemica post-prandiale, con una concomitante diminuzione del rilascio di insulina.  Anche con la gelatina di frutta i risultati sono stati più che positivi, con una riduzione della risposta glicemica del 16% in associazione all’inulina, e una parallela diminuzione dell’insulinemia.
Gli Autori tengono a sottolineare che inulina e oligofruttosio non alterano in alcun modo le qualità organolettiche dei due prodotti, vale a dire consistenza, aroma, sapore e aspetto, offrendo invece un vantaggio in termini di salute. Va ricordato infine che questi studi hanno contribuito alla decisione dell’Autorità europea per la Sicurezza degli alimenti (EFSA) di concedere a inulina e frutto-oligosaccaridi il claim relativo: «Il consumo di alimenti/bevande contenenti carboidrati non digeribili in sostituzione degli zuccheri induce un picco glicemico post-prandiale inferiore a confronto con alimenti/bevande contenenti zucchero».

Glossario

  • Diabete

    Una patologia che si verifica quando l’organismo non è in grado di utilizzare il glucosio ematico. I livelli di glicemia sono controllati dall’insulina, un ormone prodotto dall’organismo che favorisce l’ingresso del glucosio nelle cellule muscolari e adipose. Il diabete insorge quando il pancreas non produce abbastanza insulina o l’organismo non risponde all’insulina che è stata prodotta.

  • Carboidrati

    Rappresentano la principale fonte energetica della dieta. Sono di due tipi: semplici e complessi. I semplici sono gli zuccheri, i complessi includono amido e fibra. Forniscono 4 calorie per grammo. Si trovano naturalmente in pane, cereali, frutta, verdura, latte e latticini. Torte, biscotti, gelati, caramelle, succhi di frutta e altri alimenti di questo tipo sono ricchi di zuccheri.

Replacement of glycaemic carbohydrates by inulin-type fructans from chicory (oligofructose, inulin) reduces the postprandial blood glucose and insulin response to foods: report of two double-blind, randomized, controlled trials.

PURPOSE: Inulin-type fructans are recognized as prebiotic dietary fibres and classified as non-digestible carbohydrates that do not contribute to glycaemia. The aim of the present studies was to investigate the glycaemic response (GR) and insulinaemic response (IR) to foods in which sucrose was partially replaced by inulin or oligofructose from chicory.
METHODS: In a double-blind, randomized, controlled cross-over design, 40-42 healthy adults consumed a yogurt drink containing oligofructose or fruit jelly containing inulin and the respective full-sugar variants. Capillary blood glucose and insulin were measured in fasted participants and at 15, 30, 45, 60, 90, and 120 min after starting to drink/eat. For each test food, the incremental area under the curve (iAUC) for glucose and insulin was calculated and the GR and IR determined.
RESULTS: Consumption of a yogurt drink with oligofructose which was 20% reduced in sugars significantly lowered the glycaemic response compared to the full-sugar reference (iAUC120min 31.9 and 37.3 mmol/L/min, respectively; p < 0.05). A fruit jelly made with inulin and containing 30% less sugars than the full-sugar variant likewise resulted in a significantly reduced blood glucose response (iAUC120min 53.7 and 63.7 mmol/L/min, respectively; p < 0.05). In both studies, the postprandial insulin response was lowered in parallel (p < 0.05). The reduction of postprandial glycaemia was positively correlated to the proportion of sugars replaced by inulin-type fructans (p < 0.001).
CONCLUSIONS: In conclusion, the studies confirmed that substitution of glycaemic sugars by inulin or oligofructose from chicory may be an effective strategy to reduce the postprandial blood glucose response to foods.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419