Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Consumo di frutta e verdura e rischio di diabete di tipo 2

08-08-2012

Cooper AJ, Forouhi NG, Ye Z, Buijsse B, Arriola L, Balkau B, Barricarte A, Beulens JW, Boeing H, Büchner FL, Dahm CC, de Lauzon-Guillain B, Fagherazzi G, Franks PW, Gonzalez C, Grioni S, Kaaks R, Key TJ, Masala G, Navarro C, Nilsson P, Overvad K, Panico
Eur J Clin Nutr. 2012 Aug 1. doi: 10.1038/ejcn.2012.85. [Epub ahead of print]

Numerose evidenze della letteratura suggeriscono che lo stile dietetico possa influenzare il rischio di incorrere nel diabete di tipo 2; il consumo di frutta e verdura, in particolare, svolgerebbe effetti protettivi su questo rischio. Tuttavia, gli studi prospettici finora condotti per valutare il contributo del consumo di frutta e verdura sul rischio di diabete di tipo 2 hanno portato a risultati non conclusivi.
Nel presente studio caso-controllo, realizzato nell’ambito del progetto European Prospective Investigation into Cancer-InterAct (EPIC-InterAct), sono stati coinvolti 16.154 soggetti sani, provenienti da 8 diversi Paesi europei, e 12.403 casi di diabete di tipo 2, selezionati all’interno della corte EPIC.
Il consumo di frutta e verdura, stimato mediante la compilazione di questionari di frequenza di consumo, è risultato molto diverso nei Paesi europei considerati (ad esempio, in Spagna è stato registrato un consumo medio di 531 g/die contro i 237 g /die della Germania). L’apporto di frutta e verdura è risultato inversamente associato, seppur in misura non significativa sul piano statistico, con il rischio di diabete di tipo 2: nel quartile di maggiore consumo globale di frutta e verdura tale rischio era infatti ridotto del 10% rispetto al quartile di minore consumo; la riduzione era invece dell’11% per il consumo della sola frutta e del 6% per le sole verdure. Considerando le diverse categorie di vegetali considerati, l’unica associazione protettiva significativa emersa era quella con il consumo delle verdure a radice (tra cui carote, barbabietole e rape) (HR=0,87, p=0,001).
Gli autori del presente lavoro hanno inoltre condotto una meta-analisi considerando i dati di 5 diversi studi prospettici sul tema (includendo i risultati del loro studio EPIC-InterAct). Nella meta-analisi, un elevato consumo totale di frutta e verdura risultava associato ad una modesta riduzione del rischio di diabete di tipo 2 (HR=0,93) mentre, considerando le diverse tipologie di vegetali, solo il consumo dei vegetali a foglia verde (come spinaci, lattuga e invidia) era inversamente associato a tale rischio (HR=0,84).

Glossario

  • Diabete

    Una patologia che si verifica quando l’organismo non è in grado di utilizzare il glucosio ematico. I livelli di glicemia sono controllati dall’insulina, un ormone prodotto dall’organismo che favorisce l’ingresso del glucosio nelle cellule muscolari e adipose. Il diabete insorge quando il pancreas non produce abbastanza insulina o l’organismo non risponde all’insulina che è stata prodotta.

Fruit and vegetable intake and type 2 diabetes: EPIC-InterAct prospective study and meta-analysis.

Fruit and vegetable intake (FVI) may reduce the risk of type 2 diabetes (T2D), but the epidemiological evidence is inconclusive. The aim of this study is to examine the prospective association of FVI with T2D and conduct an updated meta-analysis. In the European Prospective Investigation into Cancer-InterAct (EPIC-InterAct) prospective case-cohort study nested within eight European countries, a representative sample of 16 154 participants and 12 403 incident cases of T2D were identified from 340 234 individuals with 3.99 million person-years of follow-up. For the meta-analysis we identified prospective studies on FVI and T2D risk by systematic searches of MEDLINE and EMBASE until April 2011. In EPIC-InterAct, estimated FVI by dietary questionnaires varied more than twofold between countries. In adjusted analyses the hazard ratio (95% confidence interval) comparing the highest with lowest quartile of reported intake was 0.90 (0.80-1.01) for FVI; 0.89 (0.76-1.04) for fruit and 0.94 (0.84-1.05) for vegetables. Among FV subtypes, only root vegetables were inversely associated with diabetes 0.87 (0.77-0.99). In meta-analysis using pooled data from five studies including EPIC-InterAct, comparing the highest with lowest category for FVI was associated with a lower relative risk of diabetes (0.93 (0.87-1.00)). Fruit or vegetables separately were not associated with diabetes. Among FV subtypes, only green leafy vegetable (GLV) intake (relative risk: 0.84 (0.74-0.94)) was inversely associated with diabetes. Subtypes of vegetables, such as root vegetables or GLVs may be beneficial for the prevention of diabetes, while total FVI may exert a weaker overall effect.
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419