Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Consumo di latte durante l’infanzia e performance fisica a 70 anni

28-11-2012

Birnie K, Ben-Shlomo Y, Gunnell D, Ebrahim S, Bayer A, Gallacher J, Holly JM, Martin RM.
Age Ageing. 2012 Nov;41(6):776-84. doi: 10.1093/ageing/afs052. Epub 2012 Apr 26.

E’ ben noto come la capacità di svolgere autonomamente le attività quotidiane nell’età più avanzata sia determinata anche dall’esposizione a fattori favorevoli durante tutta l’età adulta (dieta, attività fisica, fumo) e nei primi anni di vita (livello socio-economico e crescita adeguata). Un contributo importante alla conoscenza dell’impatto dello stile di vita fin dall’infanzia sulla qualità della vita dell’anziano, è stato apportato dallo studio della coorte Boyd Orr, che comprendeva circa 5000 bambini inglesi nel 1930, e che è stata seguita per 65 anni.
Dall’analisi dei dati ottenuti da questo studio, unitamente a quelli emersi da un altro studio prospettico avviato all’inizio degli anni ‘80 su una popolazione adulta (Caerphilly), è emersa una relazione diretta tra il consumo di latte e l’apporto con la dieta di calcio, proteine, grassi, calorie totali e la performance fisica dai 65 anni in poi, misurata come velocità della camminata e capacità di equilibrio. In particolare un elevato consumo di latte durante l’infanzia è risultato associato ad una maggiore velocità (+5%) e alla riduzione del rischio (del 25%) di perdere l’equilibrio equilibrio. E’ stata anche rilevata un’associazione positiva tra i livelli di assunzione di calcio e la velocità della camminata (+4% per ogni incremento logaritmico di consumo di una deviazione standard) e tra l’apporto di proteine e l’equilibrio (rischio di scarso equilibrio ridotto del 29%). Per quanto riguarda invece l’apporto di componenti con la dieta in età adulta, solo i livelli di proteine sono risultati associati con la velocità del passo (+2% per ogni incremento di consumo di una deviazione standard).
I risultati di questa analisi suggeriscono pertanto che l’abitudine a bere latte da bambini influenza positivamente la mobilità e l’equilibrio nell’età avanzata.

Childhood milk consumption is associated with better physical performance in old age.

BACKGROUND:
studies have shown that milk and dairy consumption in adulthood have beneficial effects on health.
METHODS:
we examined the impact of childhood and adult diet on physical performance at age 63-86 years. The Boyd Orr cohort (n = 405) is a 65-year prospective study of children who took part in a 1930\'s survey; the Caerphilly Prospective Study (CaPS; n = 1,195) provides data from mid-life to old age. We hypothesised that higher intakes of childhood and adult milk, calcium, protein, fat and energy would be associated with a better performance.
RESULTS:
in fully adjusted models, a standard deviation (SD) increase in natural log-transformed childhood milk intake was associated with 5% faster walking times from the get-up and go test in Boyd Orr (95% CI: 1 to 9) and 25% lower odds of poor balance (OR: 0.75; 0.55 to 1.02). Childhood calcium intake was positively associated with walking times (4% faster per SD; 0 to 8) and a higher protein intake was associated with lower odds of poor balance (OR: 0.71; 0.54 to 0.92). In adulthood, protein intake was positively associated with walking times (2% faster per SD; 1 to 3; Boyd Orr and CaPS pooled data).
CONCLUSION:
this is the first study to show positive associations of childhood milk intake with physical performance in old age.
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419