Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Dedicare più tempo al riposo notturno si riflette positivamente sulla qualità della dieta degli adolescenti

21-02-2014

Kruger AK, Reither EN, Peppard PE, Krueger PM, Hale L
Br J Nutr. 2014 Feb 13:1-7. [Epub ahead of print]

Sempre più evidenze supportano il ruolo del sonno, considerato in termini sia quantitativi che qualitativi, nel mantenimento della salute e nella prevenzione di importanti fattori di rischio, primo tra tutti l’obesità.
In una popolazione di adolescenti statunitensi è stato osservato come le scelte alimentari dipendano in modo statisticamente significativo dal tempo dedicato al riposo notturno: i ragazzi che dormivano meno di 7 ore hanno riferito consumi più bassi di frutta e verdura (oltre ad uno stile di vita meno attivo) e più elevati di cibo da fast food, rispetto ai coetanei che dormivano almeno 8 ore.
Questa osservazione contribuisce a spiegare i meccanismi alla base della relazione tra carenza di sonno e obesità.  Gli autori ipotizzano che il riposo più o meno adeguato possa condizionare in modo rispettivamente positivo e negativo le decisioni che portano alla scelta dei cibi che compongono la dieta. Ancora, secondo questo studio la mancanza di riposo adeguato è un problema piuttosto diffuso: il 18% dei giovani intervistati dormiva regolarmente meno di 7 ore per notte e solo il 21% della popolazione allo studio ammetteva un riposo notturno di almeno 8 ore. L’impatto del sonno sullo stile alimentare è ancora più rilevante se si pensa che le scelte fatte in età giovanile (periodo del vita nel quale si acquisisce particolare autonomia) possono condizionare il comportamento nell’età adulta. 
Sebbene siano necessari altri studi per stabilire i meccanismi alla base dell’associazione tra sonno e bilancio energetico, questi risultati indicano il possibile ruolo di strategie mirate al miglioramento del riposo (in aggiunta a quelle su dieta e stile di vita) nei programmi di promozione della salute e di prevenzione dell’obesità negli adolescenti.

Do sleep-deprived adolescents make less-healthy food choices?

Short sleep duration among children and adolescents has been reported to be associated with elevated BMI and other adverse health outcomes. Food choices are one proposed mechanism through which this association may occur. In the present study, we examined whether self-reported habitual sleep duration is associated with vegetable and fruit consumption and fast food consumption. Using cross-sectional data from the National Longitudinal Study of Adolescent Health (n 13 284), we estimated three nested logistic regression models for two outcome variables: daily vegetable and fruit consumption and previous week's fast food consumption. The adjusted models included demographic and social/behavioural covariates. Self-reported habitual short sleep duration ( < 7 h/night) was associated with reduced odds of vegetable and fruit consumption compared with the recommended sleep duration (>8 h/night) (OR 0•66, P <0•001), even after adjusting for demographic and social/behavioural factors (OR 0•75, P <0•001). Short sleep duration was also associated with increased odds of fast food consumption (OR 1•40, P <0•001) even after adjustment (OR 1•20, P <0•05). Food choices are significantly associated with sleep duration and may play an important role in the mediation of the association between sleep and health among adolescents.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419