Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Effetti dell’assunzione quotidiana di un estratto di curcuma sulla cognitività di uomini e donne (età media 66 anni), complessivamente sani

13-05-2016

Rainey-Smith SR, Brown BM, Sohrabi HR, Shah T, Goozee KG, Gupta VB, Martins RN
Br J Nutr. 2016 Apr 22:1-8. [Epub ahead of print]

E’ ormai continua la segnalazione di dati sperimentali sui possibili benefici della curcumina sulla funzionalità cognitiva. Finora, però, i dati positivi ottenuti in laboratorio non sono stati confermati in modo evidente anche nell’uomo. Questo studio longitudinale, invece, ha confrontato gli effetti dell’assunzione di un estratto di curcuma, con quelli di un preparato placebo, in uomini e donne di età media 66 anni, autosufficienti, senza patologie cardiovascolari o neurologiche che ne compromettessero la capacità cognitiva e lo svolgimento delle attività quotidiane.
L’estratto, che conteneva l’88% di curcuminoidi (curcumina, bisdemetossicurcumina e demetossicurcumina) ed era formulato in capsule, veniva assunto dopo i pasti principali (500 mg per 3 volte al giorno). I risultati hanno mostrato che, nei primi sei mesi, le performance cognitive dei soggetti che assumevano l’estratto di curcumina erano significativamente migliori rispetto a quelle dei soggetti del gruppo placebo. L’effetto di protezione del declino cognitivo si attenuava però al termine dei 12 mesi. Gli Autori sottolineano due aspetti: la necessità di valutare i possibili effetti della curcumina per periodi molto più lunghi e su soggetti più anziani, a maggior rischio di compromissione della cognitività. Inoltre, suggeriscono di includere nelle future valutazioni anche i marcatori della demenza di Alzheimer, per inquadrare l’efficacia della curcumina nella modulazione dei processi neurodegenerativi.

Curcumin and cognition: a randomised, placebo-controlled, double-blind study of community-dwelling older adults.

Curcumin therapy in animals has produced positive cognitive and behavioural outcomes; results of human trials, however, have been inconsistent. In this study, we report the results of a 12-month, randomised, placebo-controlled, double-blind study that investigated the ability of a curcumin formulation to prevent cognitive decline in a population of community-dwelling older adults. Individuals (n 96) ingested either placebo or 1500 mg/d BiocurcumaxTM for 12 months. A battery of clinical and cognitive measures was administered at baseline and at the 6-month and 12-month follow-up assessments. A significant time×treatment group interaction was observed for the Montreal Cognitive Assessment (repeated-measures analysis; time×treatment; F=3·85, P<0·05). Subsequent analysis revealed that this association was driven by a decline in function of the placebo group at 6 months that was not observed in the curcumin treatment group. No differences were observed between the groups for all other clinical and cognitive measures. Our findings suggest that further longitudinal assessment is required to investigate changes in cognitive outcome measures, ideally in conjunction with biological markers of neurodegeneration.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419