Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home

Tutte le news

La contemporanea assunzione di quercetina (flavonolo presente in frutta, verdura, tè e vino rosso) non migliora in modo significativo la conversione dell’acido alfa-linolenico (omega-3 vegetale) in EPA e DHA

In cibi e bevande, la sostituzione dello zucchero con i carboidrati non digeribili, come l’inulina e i frutto-oligosaccaridi, riduce la risposta glicemica post-prandiale e il conseguente rilascio di insulina

La supplementazione con vitamina E o di selenio (o di entrambi) per una media di 5,4 anni, non ha ridotto l’incidenza di demenza di Alzheimer in uomini sani dai 60 anni in poi

L’assunzione di adeguate dosi di calcio, costante nel tempo, migliora la densità minerale ossea di bambini sani, misurata a 7 anni, ponendo le basi per la costruzione di uno scheletro adulto più resistente.

L’assunzione in acuto di cioccolato extra-fondente (85% di cacao) aumenta, dopo due ore, la capacità degli eritrociti di adattarsi al calibro dei vasi, riducendo la viscosità del sangue e migliorando perciò il flusso ematico anche nei vasi più piccoli.

Il consumo di zuccheri aggiunti e di bevande zuccherate è in continua diminuzione in Australia dal 1980; ma l’obesità è aumentata in modo lineare. Gli autori discutono sulla validità delle misure preventive mirate sul controllo dei soli alimenti e bevande dolci.

Oltre alla Dieta Mediterranea, anche il modello della sana Nordic Diet, basata su cibi caratteristici del Nord Europa, si dimostra efficace nel ridurre il rischio di infarto miocardico in uomini e donne oltre i 50 anni di età

In anziani ambosessi, il consumo di latte, yogurt e formaggi, secondo le indicazioni delle linee guida, mantiene la densità minerale ossea vertebrale e riduce la perdita d’osso femorale se è associato ad una regolare supplementazione con vitamina D

Negli adulti, consumare i pasti davanti a video o TV e preferire cibi preconfezionati si dimostrano fattori predittivi di obesità, più del consumo limitato dei pasti in famiglia

Negli uomini fumatori che consumano almeno 5 porzioni di frutta e verdura al giorno, il rischio di broncopneumopatia cronica ostruttiva si riduce fino al 40%

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10  ... 
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419