Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home

Tutte le news

Il ritmo circadiano della melatonina, principale fattore di regolazione del sonno, condizionerebbe il metabolismo notturno della cena e il peso corporeo, più dell’ora effettiva del pasto

Dopo i 65 anni, l’adesione ai principi di un corretto stile di vita indicati per la prevenzione cardiovascolare e oncologica si dimostra un fattore predittivo di salute più importante dei tradizionali parametri metabolici e pressori

Il valore aggiunto del consumo corrente di pesce, specie se grasso, per il mantenimento della salute cardiovascolare si mette in luce anche in una popolazione italiana che già segue i principi della Dieta Mediterranea

L’effetto sulla sopravvivenza delle indicazioni nutrizionali e di stile di vita è cumulativo: chi le segue tutte con costanza aggiunge anni alla vita (in media più di 4), secondo due ricerche prospettiche durate 16 anni

La fortificazione di succhi di frutta e biscotti con vitamina D3 si rivela una scelta migliore rispetto a quella con vitamina D2 per colmare la carenza tipica dei mesi invernali, che riguarda soprattutto il sesso femminile

Già dalla prima colazione, un alto apporto di fibre, che sia fornito dagli alimenti oppure assunto come supplemento, riduce, nei soggetti con diabete di tipo 2, la glicemia dopo il pasto

Il consumo di peperoncino, sotto qualunque forma, si associa a un marcato miglioramento del profilo lipidemico, riducendo il tasso del colesterolo legato alle LDL e aumentando quello legato alle HDL, con un effetto positivo sul rischio cardiovascolare

Assicurare una costante ed elevata assunzione di magnesio con l’alimentazione riduce il rischio di fratture da osteoporosi, soprattutto nelle donne in post-menopausa

In una dieta finalizzata alla riduzione della colesterolemia, il consumo di 43 g al giorno di mandorle come snack, invece di un muffin alla banana, migliora l’efficienza anti-aterosclerotica delle HDL in soggetti normopeso con LDL elevate

Dai dati del Nurses’ Health Study emerge un’associazione diretta tra assunzione regolare di flavonoidi con l’alimentazione e riduzione del rischio di mortalità sia specifica, sia per tutte le cause

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10  ... 
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419