Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home

Tutte le news

Il digiuno intermittente darebbe risultati sovrapponibili a quelli di un regime di restrizione calorica in adulti obesi (uomini e donne), sia dal punto di vista del calo ponderale, sia dal punto di vista della protezione cardiometabolica

Utilizzare la bicicletta per raggiungere il posto di lavoro riduce il rischio cardiometabolico e oncologico, diminuendo la mortalità per tutte le cause. Andare al lavoro a piedi protegge soltanto il versante cardiovascolare

Dopo i 60 anni, la frequenza di consumo di yogurt si associa in modo diretto al miglioramento dei marker di salute ossea e a un minor rischio di riduzione della funzionalità fisica per uomini e donne

Il consumo di almeno tre tazzine di espresso (o moka) al giorno, da parte di 6.989 uomini ultra 50enni dello studio Moli-sani, ha dimostrato di ridurre il rischio di carcinoma prostatico fino al 53%, rispetto alle assunzioni inferiori

Il corretto comportamento alimentare è fortemente condizionato, secondo i giovani e le donne di 5 paesi europei, da scarsa volontà, mancanza di tempo e gusti personali

Ridurre l’Indice Glicemico dei cibi e il Carico Glicemico dei pasti permette di controllare anche la pressione arteriosa, uno dei principali fattori di rischio cardiovascolare

La contemporanea assunzione di quercetina (flavonolo presente in frutta, verdura, tè e vino rosso) non migliora in modo significativo la conversione dell’acido alfa-linolenico (omega-3 vegetale) in EPA e DHA

In cibi e bevande, la sostituzione dello zucchero con i carboidrati non digeribili, come l’inulina e i frutto-oligosaccaridi, riduce la risposta glicemica post-prandiale e il conseguente rilascio di insulina

La supplementazione con vitamina E o di selenio (o di entrambi) per una media di 5,4 anni, non ha ridotto l’incidenza di demenza di Alzheimer in uomini sani dai 60 anni in poi

L’assunzione di adeguate dosi di calcio, costante nel tempo, migliora la densità minerale ossea di bambini sani, misurata a 7 anni, ponendo le basi per la costruzione di uno scheletro adulto più resistente.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10  ... 
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419