Tutte le news

24-11-2017 Il consumo di cereali integrali correla negativamente con il rischio di mortalità totale, cardiovascolare e per tumore

Ad ogni incremento di 28 grammi della quota giornaliera di cereali integrali corrisponde una riduzione significativa del rischio di mortalità totale, cardiovascolare e per tumore

24-11-2017 Frazionare una porzione di cibo in più unità aumenta la percezione della quantità e il senso di sazietà attesa, aiutando a controllare il volume totale dell’assunzione

Frazionare in più unità una porzione di qualsiasi cibo lo fa percepire più abbondante di quanto sia, stimola un maggior senso di sazietà attesa e aiuta a controllare l’assunzione complessiva dell’alimento

24-11-2017 Dopo i 70 anni, un consumo abituale e consistente di crucifere, oltre a cipolle, aglio e porri, riduce il rischio di mortalità per patologie aterosclerotiche nelle donne

Aumentare il consumo di crucifere (broccoli, broccoletti, cavoli, cavolfiore), insieme a quello delle agliacee (cipolle, aglio, porri) riduce il rischio di mortalità cardiovascolare nelle donne dopo i 70 anni

10-11-2017 Dieta vegetariana: tutte le raccomandazioni della Società Italiana di Nutrizione Umana per assicurare l’apporto adeguato di proteine, vitamine, minerali e grassi essenziali

Proteine, vitamine, minerali e grassi polinsaturi nella dieta vegetariana: queste le raccomandazioni della Società Italiana di Nutrizione Umana per non incorrere in possibili carenze

10-11-2017 Dopo i 70 anni, l’assunzione proteica quotidiana da parte di uomini sani dovrebbe essere aumentata per evitare la perdita di massa e forza muscolari

Uno studio di 10 settimane in ultra 70enni sani conferma l’aumento dell’apporto di proteine come strategia per contribuire a mantenere massa e forza muscolari

10-11-2017 L’analisi delle abitudini di oltre 120mila donne seguite per vent’anni chiarisce solo in parte la relazione tra consumo di determinati alimenti e dipendenza da cibo

I dati dei due Nurses’ Health Study, condotti su infermiere di 25-55 anni, confermano la complessità dell’associazione tra abitudini alimentari e “food addiction” e non supportano l’esistenza di una dipendenza da zuccheri e carboidrati

23-10-2017 Soltanto carni ben cotte sulla tavola degli anziani per assicurare la migliore assimilazione delle proteine

L’assimilazione delle proteine della carne, nelle persone oltre i 65 anni, è assicurata soltanto da un’accurata cottura

23-10-2017 L’assunzione quotidiana di fibre ad alta viscosità da parte di soggetti ipertesi migliora i valori pressori sistolici e diastolici

Un consumo compreso tra 1,45 e 30 g al giorno di fibre ad alta viscosità (psillio, guar, beta-glucani da orzo e avena, pectina, konjac) riduce in circa 7 settimane la pressione sisto-diastolica in soggetti ipertesi

23-10-2017 Livelli circolanti elevati di omega-6 correlano con la riduzione del rischio di diabete di tipo 2 dai 18 anni in poi

Il rischio di sviluppare diabete di tipo 2 in età adulta risulta correlato negativamente con i livelli circolanti di acidi grassi polinsaturi omega-6, soprattutto acido linoleico, che dipendono in larga parte dall’apporto con la dieta

06-10-2017 Consumare regolarmente pesce grasso migliora il profilo di rischio cardiovascolare, riducendo la trigliceridemia e aumentando il colesterolo HDL

Un consumo regolare di pesce grasso (salmone, aringhe, pesce azzurro), compreso tra 20 e 150 g/die, migliora il profilo di rischio cardiovascolare, riducendo i livelli di trigliceridi e aumentando la colesterolemia legata alle HDL

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10  ... 

Stampa

Condividi