Tutte le news

13-06-2017 Trattare l’obesità dei genitori permette di ridurre il tasso di sovrappeso/obesità nei figli, anche senza un loro coinvolgimento diretto

L’intervento finalizzato a ridurre sovrappeso/obesità dei genitori ha un effetto rilevante anche sul sovrappeso/obesità dei figli, che è indipendente dal loro coinvolgimento diretto nel programma di controllo ponderale

13-06-2017 Il cioccolato, consumato regolarmente a dosi moderate, riduce in entrambi i sessi, dopo i 50 anni, il rischio di fibrillazione atriale

L’assunzione regolare di 30 g di cioccolato (con almeno il 30% di cacao), risulta associata a un minor rischio di fibrillazione atriale, in uomini e donne oltre i 50 anni

26-05-2017 In uomini e donne obesi, si raggiungerebbero risultati sovrapponibili su perdita di peso e cardioprotezione sia con il digiuno intermittente, sia con la restrizione calorica

Il digiuno intermittente darebbe risultati sovrapponibili a quelli di un regime di restrizione calorica in adulti obesi (uomini e donne), sia dal punto di vista del calo ponderale, sia dal punto di vista della protezione cardiometabolica

26-05-2017 In termini di salute, è meglio raggiungere il posto di lavoro in modo comunque attivo; ma l'uso della bicicletta consente di ottenere risultati globalmente migliori rispetto al camminare

Utilizzare la bicicletta per raggiungere il posto di lavoro riduce il rischio cardiometabolico e oncologico, diminuendo la mortalità per tutte le cause. Andare al lavoro a piedi protegge soltanto il versante cardiovascolare

26-05-2017 Oltre i 60 anni, la frequenza di consumo di yogurt si associa in modo diretto a maggior densità ossea e funzionalità fisica migliore in entrambi i sessi

Dopo i 60 anni, la frequenza di consumo di yogurt si associa in modo diretto al miglioramento dei marker di salute ossea e a un minor rischio di riduzione della funzionalità fisica per uomini e donne

05-05-2017 Secondo i dati dello studio Moli-sani, il consumo regolare di caffè espresso contribuisce, negli ultra 50enni, a dimezzare il rischio di carcinoma prostatico

Il consumo di almeno tre tazzine di espresso (o moka) al giorno, da parte di 6.989 uomini ultra 50enni dello studio Moli-sani, ha dimostrato di ridurre il rischio di carcinoma prostatico fino al 53%, rispetto alle assunzioni inferiori

05-05-2017 Ecco quali sono in Europa le barriere che ostacolano, specie tra le persone più giovani e le donne, un corretto approccio alle scelte alimentari

Il corretto comportamento alimentare è fortemente condizionato, secondo i giovani e le donne di 5 paesi europei, da scarsa volontà, mancanza di tempo e gusti personali

05-05-2017 Tenere sotto controllo l’Indice Glicemico (IG) degli alimenti e il Carico Glicemico (CG) dei pasti contribuisce a ridurre la pressione arteriosa

Ridurre l’Indice Glicemico dei cibi e il Carico Glicemico dei pasti permette di controllare anche la pressione arteriosa, uno dei principali fattori di rischio cardiovascolare

13-04-2017 La presenza di quercetina, antiossidante tra i più diffusi, non è decisiva per la sintesi di EPA e DHA (omega-3 a lunga catena) a partire dall’acido alfa-linolenico

La contemporanea assunzione di quercetina (flavonolo presente in frutta, verdura, tè e vino rosso) non migliora in modo significativo la conversione dell’acido alfa-linolenico (omega-3 vegetale) in EPA e DHA

13-04-2017 Consumare alimenti o bevande in cui gli zuccheri sono sostituiti da inulina o frutto-oligosaccaridi migliora la risposta glicemica post-prandiale

In cibi e bevande, la sostituzione dello zucchero con i carboidrati non digeribili, come l’inulina e i frutto-oligosaccaridi, riduce la risposta glicemica post-prandiale e il conseguente rilascio di insulina

... 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20  ... 

Stampa

Condividi