Tutte le news

28-04-2016 Un pasto con più carboidrati e meno grassi promuove il senso di sazietà meglio di un pasto più grasso e con pochi carboidrati, in uomini e donne sovrappeso/obesi

In soggetti con eccesso ponderale, privilegiare i carboidrati e ridurre i grassi favorisce un effetto saziante maggiore rispetto a un pasto con più grassi e meno carboidrati, e limita inoltre il desiderio di consumare grassi.

28-04-2016 Il consumo regolare di caffè contrasterebbe la fibrosi epatica, mentre la maggiore assunzione di caffè e tè si associa a minore prevalenza di sindrome metabolica

Caffè e tè eserciterebbero effetti protettivi ad ampio spettro: il caffè contrasterebbe la fibrosi nella steatoepatite non alcolica, mentre tè e caffé si assocerebbero a ridotta prevalenza di sindrome metabolica.

06-04-2016 Lo xantumolo, flavonoide del luppolo, conferma anche nell’uomo l’attività antiossidante, protettiva per il DNA

Lo xantumolo, flavonoide prevalente del luppolo, dimostra anche nell’essere umano le proprietà antiossidanti evidenziate dalla ricerca di base e sull’animale, stabilizzando il DNA e dimezzando i livelli dei marker di stress ossidativo.

06-04-2016 Una maggiore assunzione di grassi da latte e latticini si associa a minore incidenza di diabete di tipo 2

Le analisi del Nurses’ Health Study e dello Health Professionals Follow-up Study mettono in luce una chiara associazione tra maggiore assunzione dei grassi del latte e dei latticini e ridotta incidenza (nuovi casi) di diabete di tipo 2 in entrambi i sessi.

06-04-2016 Il consumo quotidiano di cioccolato si associa a riduzione sia della resistenza all’insulina sia degli enzimi di danno epatico

Il consumo di cioccolato, nonostante il contenuto in grassi e zuccheri, si associa sia a un miglior profilo glucidico, e ad una minore resistenza all’insulina, sia alla riduzione dei valori degli enzimi che indicano danno epatico.

24-03-2016 Una porzione la settimana di pesce grasso riduce il rischio di infarto nelle donne se sostituisce carni bianche, rosse, trasformate o pesce magro

Il consumo di una porzione alla settimana di pesce grasso in sostituzione di carne o pesce magro, ridurrebbe, nella donna, il rischio di infarto. La carne rossa (lavorata o meno), il pollame e il pesce magro, in sostituzione l’uno dell’altro, non influenzano invece il rischio.

24-03-2016 Gli alimenti salati promuovono un’assunzione elevata di cibi grassi, fortemente energetici, riducendo il loro effetto saziante

Consumare alimenti ad alto contenuto di sale stimola il consumo di cibi grassi, con un aumento medio dell’assunzione di energia dell’11%, probabilmente mediato da una riduzione dell’effetto saziante dei grassi stessi.

24-03-2016 Consumare cibi dei gruppi alimentari suggeriti dalle linee-guida nutrizionali, come il latte, riduce il rischio di mortalità in uomini di mezza età

L’assunzione di alcuni cibi presenti nei gruppi alimentari raccomandati dalle linee-guida nutrizionali si associa ad una riduzione del rischio di mortalità totale in uomini di 45-60 anni, seguiti per 15 anni.

10-03-2016 L’assunzione regolare di alimenti in grado di ridurre lo stress ossidativo diminuisce il rischio di mortalità, soprattutto tra le fumatrici

Una dieta bilanciata, con un regolare apporto di alimenti in grado di antagonizzare lo stress ossidativo, riduce la mortalità, sia totale sia per cause specifiche nelle donne, soprattutto se fumatrici.

10-03-2016 Interventi di comunità sulla popolazione di 40-79 anni migliorano in 5 anni il profilo dei principali fattori di rischio cardiovascolare

L’adesione per 5 anni a programmi integrati di intervento, che coinvolgono in modo ampio la popolazione tra 40 e 79 anni, riduce significativamente pressione arteriosa, colesterolo LDL, glicemia e mantiene il peso sotto controllo.

... 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20  ... 

Stampa

Condividi