Tutte le news

21-05-2015 Nei diabetici di tipo 2, un modesto sovrappeso si associa ad una riduzione della mortalità totale. La prognosi peggiore è per i sottopeso

Nel diabete di tipo 2 si osserverebbe una correlazione a “J” tra peso (BMI) e mortalità per tutte le cause: il sovrappeso si associa ad una ridotta mortalità totale, mentre la magrezza è correlata alla prognosi peggiore.

21-05-2015 La supplementazione con livelli elevati di omega-3 migliora nei ciclisti agonisti sia la risposta adattativa allo sforzo sia la performance complessiva

Uno studio su ciclisti professionisti, che praticano gare su strada, dimostra che 1,3 g di PUFA n-3 o omega-3 per due volte al giorno, aggiunti alla dieta, migliorano la funzionalità dell’endotelio vascolare, ma anche la captazione massimale di ossigeno.

30-04-2015 Scegliere frutta e verdura secondo la regola dei 5 colori offre benefici sia per il controllo ponderale, sia per il profilo lipidico

La varietà aumenta le ricadute positive dell’assunzione regolare di frutta e verdura. Seguendo la regola dei 5 colori, vegetali rossi e viola concorrono al controllo del peso e del grasso addominale, mentre gialli, verdi e bianchi favoriscono il riequilibrio dei parametri lipidici plasmatici.

30-04-2015 Alimentarsi correttamente prima dei 50 anni rallenta l’invecchiamento biologico segnalato dalla lunghezza dei telomeri dei globuli bianchi

La lunghezza dei telomeri (che proteggono il DNA cellulare dallo stress ossidativo e infiammatorio), è un indicatore di invecchiamento biologico. Una corretta nutrizione prima dei 50 anni preserva i telomeri nelle età successive, documentando un rallentamento dell'invecchiamento stesso.

30-04-2015 I livelli circolanti di carotenoidi correlano con la riduzione del rischio di tumore mammario nel Nurses' Health Study

20 anni di osservazioni su oltre 18mila donne hanno messo in luce che livelli ematici più elevati di carotenoidi (in particolare alfa e beta carotene e in misura minore licopene) sono associati alla riduzione fino al 28% del rischio di tumore mammario, soprattutto di tipo più aggressivo.

15-04-2015 Il consumo abituale di caffè si associa a una ridotta mortalità cardiaca, cerebrovascolare, respiratoria e totale in una popolazione adulta e anziana sana

Uno studio su oltre 80 mila Giapponesi sani, di età compresa tra 40 e 69 anni e seguiti per oltre 18 anni, ha messo in luce un’associazione inversa tra consumo abituale di caffè e mortalità totale, per cause cardiache, cerebrovascolari e respiratorie.

15-04-2015 Proteine da fonti “magre” e carboidrati a basso carico glicemico promuovono e mantengono nel tempo un miglior controllo ponderale

Dai dati di Nurses’ Health Study I e II e Health Professionals Follow-up Study emerge l’associazione tra consumo di yogurt, frutta secca, pollo senza pelle, formaggio magro, pesce, molluschi e crostacei e miglior controllo ponderale nel tempo.

15-04-2015 L'acido folico, alla dose di 0,8 mg/die, riduce il rischio di ictus ischemico in una popolazione di soggetti ipertesi in uno studio randomizzato

Secondo questo studio, condotto su 20.702 Cinesi ipertesi, ma senza storia di ictus o infarto miocardico, associare alla terapia antipertensiva con enalapril la supplementazione di acido folico alla dose di 800 microgrammi al dì riduce il rischio di ictus e di eventi cardiovascolari combinati.

24-03-2015 Nei vegetariani aumenta la frequenza di carie ed erosioni dentali. Il rischio è minore tra chi usa dentifrici e applicazioni topiche al fluoro

L’assunzione di frutta, ricca di monosaccaridi (fruttosio, glucosio), senza un’adeguata igiene orale immediata e successiva, espone i vegetariani stretti a maggior rischio di carie ed erosione dentale. Una certa protezione viene fornita dall’applicazione locale di fluoro.

24-03-2015 Il rischio di fratture da osteoporosi si riduce negli uomini che, dai 65 anni, hanno elevati consumi di acidi grassi polinsaturi omega-3

La maggiore assunzione di omega-3 si associa con un ridotto rischio di fratture da osteoporosi negli uomini che consumano i polinsaturi a partire dai 65 anni. Nelle donne la riduzione non è significativa e si manifesta solo se il consumo è iniziato attorno ai 50 anni.

... 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20  ... 

Stampa

Condividi