Tutte le news

22-11-2013 Il fruttosio non aumenta livelli di trigliceridi postprandiali, purché la quota calorica fornita dai carboidrati al pasto rimanga invariata

Sostituire lo zucchero (saccarosio) con il fruttosio non ha effetti negativi sulla trigliceridemia postprandiale, a patto che le calorie del fruttosio non aumentino la quota di energia derivante dai carboidrati.

22-11-2013 Si riduce il rischio di sviluppare in futuro diabete di tipo 2 per la mamma che allatta, anche se ha sofferto di diabete in gravidanza

Una significativa correlazione inversa emerge tra la durata del periodo di allattamento al seno e la riduzione del rischio di diabete di tipo 2 nella madre, indipendentemente da fattori come BMI, fumo, alcol, attività fisica, diabete gestazionale e storia familiare di diabete.

22-11-2013 Confermato il rapporto tra consumo moderato di caffè e salute di cuore e vasi. E senza rischi per chi ne beve di più

Consumare 3-5 tazze di caffè al giorno protegge il sistema vascolare. Secondo una metanalisi di 36 studi, per un totale di oltre 1 milione di soggetti nel mondo, anche superare questa soglia non espone a rischi.

22-11-2013 Meno cibo e meno calorie ad ogni singolo pasto se si mastica più a lungo

Aumentare del 50% o raddoppiare il numero di masticazioni riduce in proporzione la quantità di cibo assunta in un pasto. Il risultato è identico in soggetti normopeso, sovrappeso od obesi, senza differenze di sesso.

07-11-2013 La supplementazione con vitamina D, soprattutto oltre i 70 anni, riduce il rischio di infezioni

Valutando la necessità di antibioticoterapia in una popolazione australiana dai 60 agli 84 anni, si è visto che la supplementazione mensile con 60mila UI di vitamina D risulta protettiva nei confronti delle infezioni batteriche.

07-11-2013 BMI nella norma e girovita più snello per gli adolescenti europei che consumano cioccolato

I dati raccolti su oltre 1.400 adolescenti in 9 Paesi europei mostrano che chi consuma circa 40 g al giorno di cioccolato o prodotti con prevalenza di cioccolato ha più facilmente un BMI nella norma e un girovita inferiore.

07-11-2013 L’adiposità addominale negli adolescenti è direttamente correlata con i livelli di assunzione di grassi con la dieta, indipendentemente dall’attività fisica

L’apporto di grassi con la dieta, in età adolescenziale, è in rapporto diretto con l’incremento di massa grassa totale e addominale. Tale associazione non sembra influenzata dalla durata e dall’intensità dell’esercizio fisico praticato.

07-11-2013 Il fumo attivo o passivo durante la gravidanza influenza, a distanza di tempo, il peso delle figlie.

L’esposizione delle gestanti al fumo, sia diretto che passivo, aumenta il rischio di eccesso ponderale per le figlie, dall’adolescenza fino all’età adulta.

24-10-2013 L’assunzione di fitosteroli con la dieta ridurrebbe il rischio di infarto cardiaco negli uomini, ma non nelle donne

Secondo una ricerca svedese condotta su uomini e donne di diverse età, alti livelli di assunzione di steroli vegetali con gli alimenti diminuirebbe significativamente il rischio di primo infarto miocardico nel sesso maschile.

24-10-2013 Flavanoli e flavonoli, antiossidanti presenti nei vegetali, hanno un effetto protettivo nei confronti del diabete di tipo 2

Lo studio europeo EPIC conferma che l’assunzione regolare di flavonoidi (flavanoli e flavonoli soprattutto), ottenibili in dosi adeguate attraverso un’alimentazione ricca di frutta e vegetali in generale, correla in modo inverso con il rischio di sviluppare diabete di tipo 2.

... 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40  ... 

Stampa

Condividi