Tutte le news

12-09-2013 I soggetti sovrappeso e obesi mostrano reazioni facciali più rapide e intense all’assaggio di un cibo amaro

Le reazioni di rifiuto e disgusto per gli alimenti meno dolci (quindi meno palatabili) risultano più marcate tra gli adulti con un più elevato indice di massa corporea

12-09-2013 Il profilo dietetico tipico dei vegetariani stretti si correla con la minore incidenza di sovrappeso od obesità rispetto a tutti gli altri profili alimentari

I vegetariani, che escludono dalla dieta qualunque alimento di origine animale (latticini, uova, carni e pesce), mostrano un indice di massa corporea (BMI) inferiore rispetto a chi segue ogni altro profilo alimentare

12-09-2013 Il consumo di latte vaccino in gravidanza incrementa altezza e peso alla nascita; l’effetto si prolunga per tutta l’adolescenza

Le future madri che assumono almeno 150 ml di latte al giorno favoriscono la crescita del feto e danno alla luce figli più alti e robusti. L’effetto positivo dura per almeno 20 anni

12-09-2013 L’assunzione di alti livelli di acidi grassi omega-3 è correlata, nelle donne, con una minore incidenza di sintomi depressivi, soprattutto di tipo somatico

Un adeguato apporto alimentare di omega-3, acidi grassi polinsaturi presenti soprattutto nel pesce, sembra rivestire nelle donne un ruolo protettivo nei confronti delle manifestazioni depressive

29-08-2013 La fibra alimentare protegge i non fumatori dal rischio di coronaropatia indotta dal fumo passivo

Questo studio dimostra che, in soggetti conviventi con forti fumatori, l’alto consumo di fibra è protettivo nei confronti dello sviluppo di malattia coronarica provocata dall’esposizione al fumo passivo

29-08-2013 Un’alimentazione ricca di vegetali, frutta e alimenti integrali fino dalla prima infanzia riduce il rischio di sovrappeso e obesità

Abituare i bambini a una dieta ricca di vegetali, frutta, cereali integrali e latte non zuccherato contribuisce a contrastare l’insorgenza di sovrappeso e obesità in età pediatrica

29-08-2013 L’esercizio fisico regolare riduce i segni di aterosclerosi anche se iniziato nella terza età

Intraprendere un’attività fisica regolare, anche nella terza età, aiuta a rallentare la progressione dell’aterosclerosi, mentre decidere per uno stile di vita sedentario peggiora sia la calcificazione arteriosa già presente, sia il profilo pressorio.

29-08-2013 Il latte scremato protegge la funzionalità delle arterie di soggetti obesi, limitando l’aumento della glicemia successiva al pasto

In soggetti obesi affetti da sindrome metabolica, l’apporto di latte a ridotto contenuto di grassi riduce l’iperglicemia post-prandiale, salvaguardando l’elasticità delle pareti vascolari mediata dall’ossido nitrico (NO).

25-07-2013 Un pasto ad alto Indice Glicemico stimola l’appetito, nelle ore successive, in maschi sovrappeso o obesi.

Il senso di sazietà indotto da un pasto con alto Indice Glicemico non è ottimale. In uomini sovrappeso/obesi, infatti, lo stimolo all’appetito nelle ore seguenti è maggiore rispetto a quello successivo ad un pasto a basso Indice Glicemico

25-07-2013 Un apporto alimentare adeguato di vitamina B6 potrebbe ridurre il rischio di depressione

I livelli serici di pirodossale, la forma biodisponibile della vitamina B6, correlano con la prevalenza di depressione. Un corretto apporto di vitamina B6 ridurrebbe perciò il rischio di disordini dell’umore secondo questo studio su adulti giapponesi

... 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40  ... 

Stampa

Condividi