Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home

Tutte le news

Secondo lo studio PREDIMED, condotto su soggetti ad alto rischio cardiovascolare, l’adesione alla Dieta Mediterranea, in particolare se arricchita con olio di oliva extravergine, migliora le funzionalità delle lipoproteine HDL rispetto a una dieta ipolipidica

Il consumo moderato e preferenziale di vino, o di birra, o di superalcolici, o di bevande alcoliche in generale, non influisce in modo differente sul rischio di diabete di tipo 2

In presenza delle metilxantine teobromina e caffeina gli effetti benefici dei flavanoli del cacao sulle funzioni cardiovascolari sono significativamente potenziati

Per non rinunciare ad un’alimentazione bilanciata, chi mangia spesso fuori casa può affidarsi alle informazioni nutrizionali riportate sulle confezioni di cibi pronti e sui menu

Il consumo regolare di più di 3 porzioni alla settimana di pesce, rispetto a un consumo di meno di 3 porzioni al mese, riduce l’incidenza di infarto miocardico nei soggetti con diabete di tipo 2

Dallo studio PREDIMED: il consumo di olio extravergine d’oliva (56,5 g al giorno in media) è un fattore decisivo per ridurre il rischio di fratture da osteoporosi, in uomini e donne già penalizzati da un alto rischio cardiovascolare.

L’assunzione di uova, 1-3 al giorno, da parte di uomini e donne sani tra i 18 e i 30 anni, favorisce la funzionalità antiaterogena delle HDL e la sintesi di LDL meno aterogene; inoltre aumenta le concentrazioni plasmatiche di antiossidanti.

L’uso regolare (2 volte al dì, 2 minuti per volta) di un dentifricio fortificato con cianocobalamina (100 mcg/g) aumenta in modo significativo i livelli di vitamina B12 nel sangue di soggetti a dieta vegana, a rischio di carenza.

La Nordic Diet, modello di sana alimentazione sviluppato nei paesi a Nord del bacino mediterraneo, dimostra di ridurre il rischio totale di ictus, e specie di ictus ischemico.

L’attività fisica, anche se limitata ai weekend, è comunque efficace nel ridurre il rischio di mortalità totale, cardiovascolare e oncologica sia negli uomini che nelle donne.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10  ... 
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419