Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Fibre, carboidrati e mortalità

05-09-2012

Burger KN, Beulens JW, van der Schouw YT, Sluijs I, Spijkerman AM, Sluik D, Boeing H, Kaaks R, Teucher B, Dethlefsen C, Overvad K, Tjønneland A, Kyrø C, Barricarte A, Bendinelli B, Krogh V, Tumino R, Sacerdote C, Mattiello A, Nilsson PM, Orho-Melander M,
PLoS One. 2012;7(8):e43127. Epub 2012 Aug 23.

L’esistenza di una relazione tra indice glicemico e mortalità è ormai ben consolidata in letteratura; tuttavia l’associazione tra qualità e quantità dei carboidrati consumati ed il rischio di mortalità totale e per malattie cardiovascolari (CVD) in soggetti diabetici è stata finora poco studiata.
In questo studio prospettico il consumo di carboidrati, fibre e zuccheri e l’indice ed il carico glicemico della dieta di 6.192 diabetici sono stati messi in relazione con il rischio di mortalità. Durante il follow-up di 9,2 anni sono stati registrati 791 decessi, 309 dei quali dovuti a CVD.
Il consumo di fibre è risultato inversamente associato al rischio di mortalità totale (Hazard Ratio, o HR, = 0,83) e per CVD (HR=0,76), mentre non è emersa alcuna associazione per carico ed indice glicemico, carboidrati, zuccheri e amido consumati. Il carico glicemico e l’apporto di carboidrati e zuccheri semplici, tuttavia, sono risultati associati ad un aumento della mortalità totale nei soggetti normopeso (HR rispettivamente 1,42, 1,67 e 1,53) ma non nei soggetti sovrappeso (HR pari a 0,93, 0,92 e 0,96).
Questi risultati dimostrano che un elevato apporto di fibra riduce il rischio di mortalità nei soggetti diabetici; al contrario, il consumo di alti livelli carboidrati e zuccheri e un elevato carico glicemico della dieta possono aumentare tale rischio, seppur limitatamente ai soggetti normopeso.

Glossario

  • Indice glicemico

    L'Indice Glicemico (Glycemic Index, o GI della letteratura anglosassone) è un indice della risposta glicemica indotta, nello stesso soggetto, da una quantità specifica di carboidrati in rapporto a un’equivalente quantità di carboidrati proveniente da un alimento standard.

  • Carboidrati

    Rappresentano la principale fonte energetica della dieta. Sono di due tipi: semplici e complessi. I semplici sono gli zuccheri, i complessi includono amido e fibra. Forniscono 4 calorie per grammo. Si trovano naturalmente in pane, cereali, frutta, verdura, latte e latticini. Torte, biscotti, gelati, caramelle, succhi di frutta e altri alimenti di questo tipo sono ricchi di zuccheri.

  • Carico glicemico

    Il carico glicemico (Glycemic Load, GL) è il prodotto dell'indice glicemico medio della dieta giornaliera per la quantità totale di carboidrati consumati in una giornata. E' quindi un indice sia di qualità che di quantità dei carboidrati ed ha lo scopo di valutare l'effetto complessivo della dieta sulla glicemia.

Dietary fiber, carbohydrate quality and quantity, and mortality risk of individuals with diabetes mellitus.

BACKGROUND: Dietary fiber, carbohydrate quality and quantity are associated with mortality risk in the general population. Whether this is also the case among diabetes patients is unknown.
OBJECTIVE: To assess the associations of dietary fiber, glycemic load, glycemic index, carbohydrate, sugar, and starch intake with mortality risk in individuals with diabetes.
METHODS: This study was a prospective cohort study among 6,192 individuals with confirmed diabetes mellitus (mean age of 57.4 years, and median diabetes duration of 4.4 years at baseline) from the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC). Dietary intake was assessed at baseline (1992-2000) with validated dietary questionnaires. Cox proportional hazards analysis was performed to estimate hazard ratios (HRs) for all-cause and cardiovascular mortality, while adjusting for CVD-related, diabetes-related, and nutritional factors.
RESULTS: During a median follow-up of 9.2 y, 791 deaths were recorded, 306 due to CVD. Dietary fiber was inversely associated with all-cause mortality risk (adjusted HR per SD increase, 0.83 [95% CI, 0.75-0.91]) and CVD mortality risk (0.76[0.64-0.89]). No significant associations were observed for glycemic load, glycemic index, carbohydrate, sugar, or starch. Glycemic load (1.42[1.07-1.88]), carbohydrate (1.67[1.18-2.37]) and sugar intake (1.53[1.12-2.09]) were associated with an increased total mortality risk among normal weight individuals (BMI≤25 kg/m(2); 22% of study population) but not among overweight individuals (P interaction≤0.04). These associations became stronger after exclusion of energy misreporters.
CONCLUSIONS: High fiber intake was associated with a decreased mortality risk. High glycemic load, carbohydrate and sugar intake were associated with an increased mortality risk in normal weight individuals with diabetes.
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419