Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Fumo e tumori

28-11-2012

Agudo A, Bonet C, Travier N, González CA, Vineis P, Bueno-de-Mesquita HB, Trichopoulos D, Boffetta P, Clavel-Chapelon F, Boutron-Ruault MC, Kaaks R, Lukanova A, Schütze M, Boeing H, Tjonneland A, Halkjaer J, Overvad K, Dahm CC, Quirós JR, Sánchez MJ, Lar
J Clin Oncol. 2012 Nov 19. [Epub ahead of print]

Al fumo di sigaretta è ormai ampiamente riconosciuto il ruolo di carcinogeno non solo a livello del polmone e delle vie aeree superiori. Si è infatti allungato negli ultimi anni l’elenco dei tumori che l’agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) riconosce associati al fumo da un rapporto di causalità (TRC: tobacco-related cancers).
Nell’ambito del progetto European Prospective Investigation Into Cancer and Nutrition (EPIC), condotto su più di 400.000 uomini e donne, sono state raccolte informazioni, non solo sull’abitudine al fumo, ma anche sull’età della prima sigaretta, sulla durata dell’esposizione al fumo e sul numero di sigarette fumate quotidianamente, che sono state messe in relazionee con il rischio di sviluppare tumori correlati al tabacco definito come rischio attribuibile di popolazione (ossia la differenza tra il rischio per la popolazione generale e quello per la popolazione non esposta, rapportata al rischio per la popolazione generale).
Durante il follow-up, della durata media di 11anni, sono stati diagnosticati 14.896 nuovi casi di TRC. Dall’analisi dei dati è emersa una proporzione di queste tipologie di tumori attribuibile al fumo di sigaretta pari al 34,9% considerando la prevalenza nei soli casi e del 36,2% considerando la prevalenza nella popolazione totale. Il rischio attribuibile di popolazione è risultato invece pari ad oltre l’80% per il cancro al polmone e alla laringe e tra il 20% e il 50% per la maggior parte dei tumori del tratto respiratorio e digerente e delle basse vie urinarie.
I risultati di questo studio dimostrano che negli 8 Paesi europei per i quali erano disponibili dati relativi sia agli uomini che alle donne (Italia, Spagna, Regno Unito, Olanda, Grecia, Svezia e Danimarca), più di un terzo dei tumori riconosciuti come associati al tabacco (circa un quinto di tutti i tumori) può essere effettivamente attribuito al fumo di sigaretta. In termini numerici, ciò si traduce in oltre 270.000 casi di nuovi casi diagnosticati ogni anno riconducibili al fumo. Considerando il tempo mediamente lungo che intercorre tra l’età della prima sigaretta e l’insorgenza del tumore, smettere di fumare risulta la via più efficace per ridurre la proporzione di tumori legati al tabacco nel medio termine.

Glossario

  • Prevalenza

    La percentuale dei soggetti della popolazione che ha una certa condizione in un dato momento. Dire che la prevalenza della malattia diabetica è del 5% significa che, nella popolazione in esame, al momento del rilievo, 5 soggetti su 100 sono diabetici. Da non confondere con "incidenza"(vedi).

Impact of Cigarette Smoking on Cancer Risk in the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition Study.

PURPOSE Our aim was to assess the impact of cigarette smoking on the risk of the tumors classified by the International Agency for Research on Cancer as causally associated with smoking, referred to as tobacco-related cancers (TRC). METHODS The study population included 441,211 participants (133,018 men and 308,193 women) from the European Prospective Investigation Into Cancer and Nutrition. We investigated 14,563 participants who developed a TRC during an average follow-up of 11 years. The impact of smoking cigarettes on cancer risk was assessed by the population attributable fraction (AF(p)), calculated using the adjusted hazard ratios and 95% CI for current and former smokers, plus either the prevalence of smoking among cancer cases or estimates from surveys in representative samples of the population in each country. RESULTS The proportion of all TRC attributable to cigarette smoking was 34.9% (95% CI, 32.5 to 37.4) using the smoking prevalence among cases and 36.2% (95% CI, 33.7 to 38.6) using the smoking prevalence from the population. The AF(p) were above 80% for cancers of the lung and larynx, between 20% and 50% for most respiratory and digestive cancers and tumors from the lower urinary tract, and below 20% for the remaining TRC. CONCLUSION Using data on cancer incidence for 2008 and our AF(p) estimates, about 270,000 new cancer diagnoses per year can be considered attributable to cigarette smoking in the eight European countries with available data for both men and women (Italy, Spain, United Kingdom, the Netherlands, Greece, Germany, Sweden, Denmark).
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419