Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Il consumo di un uovo al giorno contribuisce al miglioramento del profilo lipidemico e aumenta i livelli di antiossidanti nel sangue

03-02-2017

DiMarco DM, Norris GH, Millar CL, Blesso CN, Fernandez ML.
J Nutr. 2017 Jan 11. pii: jn241877. doi: 10.3945/jn.116.241877. [Epub ahead of print]

Consumare regolarmente uova (da uno a tre al giorno) si assocerebbe a un migliore profilo lipidico, e quindi a un’aumentata protezione cardiovascolare. Il dato emerge da uno studio di 14 settimane, condotto su uomini e donne sani, tra i 18 e 30 anni, nel Dipartimento di Scienza della Nutrizione dell’Università del Connecticut (Usa), che ha preso le mosse dalle nuove conoscenze sul ruolo del colesterolo HDL (cosiddetto “buono”) e su quello LDL (“cattivo”). Oggi sappiamo che le HDL esercitano la loro funzione protettiva per cuore sia perché eliminano il colesterolo in eccesso (“trasporto inverso”), sia perché trasportano antiossidanti, riducendo così il rischio di formazione delle placche aterosclerotiche.  Le HDL di maggiori dimensioni sembrerebbero essere le più efficienti al proposito. Le dimensioni sono ancora più importanti per le LDL che, se di maggiori dimensioni, sono meno pericolose delle più piccole (spesso anche più dense).
Questa ricerca ha valutato l’associazione tra consumo di uova, profilo lipidemico e funzionalità delle lipoproteine in soggetti sani, privi di restrizioni dietetiche e che non assumevano alcun farmaco in cronico, che hanno seguito per due settimane un’alimentazione priva di uova, seguita da 3 periodi di 4 settimane ciascuno, durante i quali hanno consumato rispettivamente 1 uovo, 2 uova e 3 uova al giorno.  L’analisi dei dati raccolti ha permesso di rilevare che già all’assunzione di 1 uovo al giorno corrispondeva il miglioramento di tutti gli indicatori di protezione considerati rispetto al consumo di una dieta priva di uova: sia le HDL e sia le LDL sintetizzate durante la dieta con uova avevano un volume maggiore (HDL + 6-13%, LDL + 21-37%); anche l’attività dell’enzima LCAT, importante nell’esterificazione del colesterolo e quindi nel suo trasporto da parte delle HDL, aumentava dopo il consumo di uova. Inoltre, le HDL di nuova sintesi erano più ricche di antiossidanti (soprattutto carotenoidi, luteina e zeaxantina) la cui concentrazione nel sangue risultava quindi maggiore.

Glossario

  • Colesterolo

    Presente nel sangue, costituente essenziale della membrana cellulare, interviene nella formazione degli ormoni sessuali e corticosteroidei e dei sali biliari. Può essere di origine esogena (alimentare) ed endogena (sintesi epatica). Nel sangue il colesterolo è veicolato tramite i trigliceridi e le lipoproteine (HDL e LDL).

  • Enzima

    Sostanza di natura proteica dotata di attività catalitica, cioè di attivare ed accelerare una reazione chimica. Risulta costituito da una parte proteica (apoenzima) e di un gruppo prostetico (coenzima).

Intake of up to 3 Eggs per Day Is Associated with Changes in HDL Function and Increased Plasma Antioxidants in Healthy, Young Adults.

BACKGROUND: HDL function may be more important than HDL concentration in determining risk for cardiovascular disease. In addition, HDL is a carrier of carotenoids and antioxidant enzymes, which protect HDL and LDL particles against oxidation.
OBJECTIVE: The goal of this study was to determine the impact of consuming 0-3 eggs/d on LDL and HDL particle size, HDL function, and plasma antioxidants in a young, healthy population.
METHODS: Thirty-eight healthy men and women [age 18-30 y, body mass index (in kg/m2) 18.5-29.9] participated in this 14-wk crossover intervention. Subjects underwent a 2-wk washout (0 eggs/d) followed by sequentially increasing intake of 1, 2, and 3 eggs/d for 4 wk each. After each period, fasting blood was collected for analysis of lipoprotein subfractions, plasma apolipoprotein (apo) concentration, lutein and zeaxanthin concentration, and activities of lecithin-cholesterol acyltransferase, cholesteryl ester transfer protein, and paraoxonase-1.
RESULTS: Compared with intake of 0 eggs/d, consuming 1-3 eggs/d resulted in increased large-LDL (21-37%) and large-HDL (6-13%) particle concentrations, plasma apoAI (9-15%), and lecithin-cholesterol acyltransferase activity (5-15%) (P < 0.05 for all biomarkers). Intake of 2-3 eggs/d also promoted an 11% increase in apoAII (P < 0.05) and a 20-31% increase in plasma lutein and zeaxanthin (P < 0.05), whereas intake of 3 eggs/d resulted in a 9-16% increase in serum paraoxonase-1 activity compared with intake of 1-2 eggs/d (P < 0.05). Egg intake did not affect cholesteryl ester transfer protein activity.
CONCLUSIONS: Intake of 1 egg/d was sufficient to increase HDL function and large-LDL particle concentration; however, intake of 2-3 eggs/d supported greater improvements in HDL function as well as increased plasma carotenoids. Overall, intake of ≤3 eggs/d favored a less atherogenic LDL particle profile, improved HDL function, and increased plasma antioxidants in young, healthy adults.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419