Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Il fumo di sigaretta e l'obesità si associano ad una minore percezione dei grassi e degli zuccheri alimentari nella donna

07-02-2014

Pepino MY, Mennella JA.
Obesity (2014) 00, 00-00. doi:10.1002/oby.20697

In questo piccolo ma ben condotto studio controllato gli autori hanno somministrato un budino, preparato in formulazioni con diverso contenuto di grassi e di zuccheri, a donne normopeso o sovrappeso, fumatrici e non fumatrici, valutando la loro capacità di riconoscere le differenti composizioni dell'alimento test. Il risultato principale dello studio è la ridotta capacità delle donne obese di identificare le differenze nella quantità di grassi o zuccheri nel cibo consumato, e quindi di riconoscere le versioni più caloriche: una caratteristica che, secondo gli autori, potrebbe contribuire a spiegare la minore capacità delle donne obese di controllare il proprio apporto di cibo, facilitando così un’eccessiva introduzione di calorie. Il fumo di sigaretta (spesso considerato, tra la popolazione femminile, uno strumento per il controllo del peso) peggiorerebbe la situazione, riducendo ulteriormente la percezione della componente calorica degli alimenti.

Cigarette Smoking and Obesity are Associated with Decreased Fat Perception in Women

Objective: Smoking and obesity are independently associated with high consumption of high-fat foods in women. We tested whether the co-occurrence of smoking and obesity associates with reduced oral fat perception.
Design and Methods: Four groups of women (14 obese smokers, 11 obese never-smokers, 10 normalweight smokers, 12 normal-weight never-smokers) rated vanilla puddings that varied in fat content for perceived intensity of creaminess and sweetness, using the general Labeled Magnitude Scale (gLMS),
and degree of pleasantness, using the hedonic gLMS. To determine the role of retronasal smell, subjects rated puddings with and without noseclips.
Results: For all groups, perception of creaminess grew with increasing fat concentrations; puddings with any amount of fat were perceived as sweeter than fat-free pudding, and sweetness was enhanced when tasted without noseclips. Overall, obese smokers perceived less creaminess, sweetness, and pleasure while tasting the puddings than did the other three groups (all P values<0.02).
Conclusion: The ability to perceive fat and sweetness in and derive pleasure from foods is particularly compromised in obese women who smoke, which could contribute to excess calorie intake in this population already at high risk for cardiovascular and metabolic disease. Retronasal olfaction appears not to
contribute to blunted flavor perception observed in obese smokers.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419