Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Inquinamento ambientale e declino cognitivo

22-02-2012

Weuve J, Puett RC, Schwartz J, Yanosky JD, Laden F, Grodstein F.
Arch Intern Med. 2012 Feb 13;172(3):219-27.

Nonostante il declino cognitivo costituisca un importante problema di salute pubblica, sono pochi i fattori di rischio modificabili che ne faciltano la comparsa che sono stati individuati e studiati. Tra questi, l’esposizione all’inquinamento ambientale riveste notevole interesse, anche per la possibilità di condizionarne il livello mediante adeguati interventi di natura legislativa e tecnologica. Il presente lavoro è stato condotto al fine di valutare l’associazione tra esposizione al particolato atmosferico (PM) e il rischio cognitivo nella popolazione di studio dalla Nurses\' Health Study Cognitive Cohort, che comprende 19,409 donne americane con età da 70 a 81 anni.
Le donne venivano sottoposte ad una serie di test cognitivi, i cui risultati erano poi incrociati con i livelli di inquinamento dei luoghi di residenza, considerando sia il PM di dimensioni più grossolane (PM 2.5-10) che quello più fine (PM 2.5).
Dai risultati emerge che le donne esposte ai più alti livelli di particolato ambientale mostravano un declino cognitivo più veloce rispetto alle donne non esposte. Più precisamente, per ogni incremento di 10 μg/m3 di esposizione al particolato grossolano e fine, si registrava una riduzione del punteggio cognitivo, nell’arco di 2 anni, pari rispettivamente a 0,020 e 0,018.
In conclusione, i risultati di questo lavoro dimostrano che l’esposizione al particolato atmosferico accelera il declino cognitivo nelle donne anziane e rappresenta pertanto un fattore di rischio di rischio per lo sviluppo di questa tipica patologia della popolazione anziana.

Exposure to particulate air pollution and cognitive decline in older women.

BACKGROUND: Chronic exposure to particulate air pollution may accelerate cognitive decline in older adults, although data on this association are limited. Our objective was to examine long-term exposure to particulate matter (PM) air pollution, both coarse ([PM 2.5-10 μm in diameter [PM(2.5-10)]) and fine (PM <2.5 μm in diameter [PM(2.5)]), in relation to cognitive decline.
METHODS: The study population comprised the Nurses\' Health Study Cognitive Cohort, which included 19 409 US women aged 70 to 81 years. We used geographic information system-based spatiotemporal smoothing models to estimate recent (1 month) and long-term (7-14 years) exposures to PM(2.5-10), and PM(2.5) preceding baseline cognitive testing (1995-2001) of participants residing in the contiguous United States. We used generalized estimating equation regression to estimate differences in the rate of cognitive decline across levels of PM(2.5-10) and PM(2.5) exposures. The main outcome measure was cognition, via validated telephone assessments, administered 3 times at approximately 2-year intervals, includ-ing tests of general cognition, verbal memory, category fluency, working memory, and attention.
RESULTS: Higher levels of long-term exposure to both PM(2.5-10) and PM(2.5) were associated with significantly faster cognitive decline. Two-year decline on a global score was 0.020 (95% CI, -0.032 to -0.008) standard units worse per 10 μg/m(3) increment in PM(2.5-10) exposure and 0.018 (95% CI, -0.035 to -0.002) units worse per 10 μg/m(3) increment in PM(2.5) exposure. These differences in cognitive trajectory were similar to those between women in our cohort who were approximately 2 years apart in age, indicating that the effect of a 10-μg/m(3) increment in long-term PM exposure is cognitively equivalent to aging by approximately 2 years.
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419