Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Interventi educativi in ambito scolastico finalizzati alla riduzione del peso corporeo

25-01-2012

Lavelle HV, Mackay DF, Pell JP.
J Public Health (Oxf). 2012 Jan 20. [Epub ahead of print]

L’aumento della prevalenza di obesità infantile rappresenta un problema rilevante di salute pubblica che interessa un numero crescente di bambini: secondo i dati del progetto Okkio alla Salute, del 2008, si può stimare che in Italia questo problema riguardi il 12,3% dei bambini (a cui si deve aggiungere il 23,6% di bambini sovrappeso). Dato che un bambino obeso ha maggiori probabilità di essere obeso in età adulta rispetto ad un bambino normopeso, è importante prevedere strategie educative già dai primi anni di età, anche utilizzando la scuola come veicolo per questo tipo di interventi.
Nel presente lavoro è stata effettuata una metanalisi degli studi presenti in letteratura che valutavano l’efficacia di interventi educativi in ambito scolastico sull’indice di massa corporeo (BMI) di bambini e adolescenti con meno di 18 anni.
A tal fine sono stati selezionati 43 studi pubblicati: in 11 l’intervento valutato consisteva nell’aumento dell’attività fisica, in 3 un miglioramento dell’educazione nutrizionale e in 29 una combinazione delle due attività. Dall’analisi dei risultati emerge un effetto combinato di riduzione del BMI pari a 0,17. Considerando però la tipologia dell’intervento realizzato si rileva una riduzione di BMI maggiore negli interventi che prevedevano l’aumento dell’attività fisica, da sola o in combinazione con un miglioramento delle abitudini alimentari (-0,13 e -0,17 rispettivamente), mentre l’effetto del solo intervento nutrizionale non risultava significativo. Inoltre, si rivelavano più efficaci gli interventi mirati ai bambini sovrappeso e obesi, rispetto a quelli indirizzati a tutti i bambini (-0,35 e -0,16 rispettivamente).
La presente metanalisi dimostra pertanto che interventi educativi in ambito scolastico che prevedano un aumento dell’attività fisica, eventualmente combinato ad un miglioramento dell’alimentazione, sono utili strategie per ridurre il peso corporeo del bambino.

Glossario

  • Prevalenza

    La percentuale dei soggetti della popolazione che ha una certa condizione in un dato momento. Dire che la prevalenza della malattia diabetica è del 5% significa che, nella popolazione in esame, al momento del rilievo, 5 soggetti su 100 sono diabetici. Da non confondere con "incidenza"(vedi).

  • Obesità

    Accumulo abnorme di grasso nell'organismo sotto forma di tessuto adiposo.

  • Obeso

    Aumento del peso corporeo di oltre il 20% di quello ideale. Indice di massa corporea (BMI) superiore o uguale a 30.

  • Metanalisi

    Tecnica che combina i risultati di molti studi, di impianto simile e che hanno esaminato quesiti simili, per aumentare la numerosità del campione di valori su cui si ragiona e quindi l'affidabilità delle conclusioni.

Systematic review and meta-analysis of school-based interventions to reduce body mass index.

BACKGROUND: Childhood obesity predisposes to adult obesity and increases the risk of many diseases. Schools provide a vehicle to deliver public health interventions to all children.
METHODS: Medline and Embase were used to undertake a systematic review of published studies of school-based interventions aimed at reducing the body mass index (BMI) of children ≤ 18 years. Preferred reporting items for systematic reviews and meta-analyses guidelines were followed, and eligible studies subjected to a random effects meta-analysis.
RESULTS: Between 1991 and 2010, 43 published studies provided 60 measurements of effect. The pooled effect was a 0.17 (95% CI: 0.08, 0.26, P< 0.001) reduction in BMI. Heterogeneity was high (I(2)= 93.4%) but there was no significant small study bias (Egger\'s test, P= 0.422) nor significant variation by length of follow-up. The intervention comprised physical activity only in 11 (26%) studies, education only in three (7%), and combinations of these and improved nutrition in the remaining 29 (67%). On stratified analysis, physical activity used in isolation (-0.13, 95% CI: -0.22, -0.04, P= 0.001) or combined with improved nutrition (-0.17, 95% CI: -0.29, -0.06, P< 0.001) was associated with significant improvements in BMI. Interventions targeted at overweight/obese children reduced their BMI by 0.35 (95% CI: 0.12, 0.58, P= 0.003). Those delivered to all children reduced it by 0.16 (95% CI: 0.06, 0.25, P= 0.002).
CONCLUSIONS: There is growing evidence that school-based interventions that contain a physical activity component may be effective in helping to reduce BMI in children.
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419