Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Italia: gli antiossidanti alimentari proteggono di più cuore e arterie dei maschi

09-01-2013

Pounis G, Costanzo S, di Giuseppe R, de Lucia F, Santimone I, Sciarretta A, Barisciano P, Persichillo M, de Curtis A, Zito F, Di Castelnuovo AF, Sieri S, Benedetta Donati M, de Gaetano G, Iacoviello L.
Eur J Clin Nutr adv online pub, 19 Dec 2012; doi:10.1038/ejcn.2012.201

Il rapporto tra una dieta attenta ai principi dell’alimentazione mediterranea e la salute nel suo complesso è ben noto. Inoltre, è accertato che, tra i vegetariani, i valori pressori tendono a essere inferiori. Lo studio osservazionale Moli-sani, condotto per 5 anni (2005-2010) su 13770 soggetti (6892 uomini e 6879 donne, omogenei per età, stato sociale, stato di salute all’arruolamento) ha approfondito, tra gli altri, il rapporto tra contenuto in antiossidanti (vitamine A,C,E, carotene, licopene, luteina, flavonoidi) degli alimenti di normale consumo e fattori di rischio cardiovascolare noti a tutti, come ipertensione e livelli di proteina C-reattiva. Gli alimenti sono stati suddivisi in due gruppi: ad alto (HAC) o a medio-basso (LAC) contenuto di antiossidanti. Inoltre è stato considerato anche l’indice FAC, che valuta il rapporto tra HAC e LAC nella dieta individuale. Sono considerati HAC i vegetali a foglia larga crudi e cotti, l\'olio d’oliva, gli agrumi, il pesce, la frutta secca e i semi, i pomodori crudi e cotti. Tra i LAC: legumi, cereali, carne bianca, latte e yogurt scremati, altri oli vegetali, olive, altra frutta. Le analisi sono state condotte separatamente negli uomini e nelle donne. Ed ecco la sorpresa: soltanto tra gli uomini, è emersa una significativa correlazione tra la dieta ad alto contenuto di HAC (o un aumento dell’indice FAC) e un buon controllo sia dei valori pressori sistolici e diastolici, sia della proteina C-reattiva. Queste osservazioni confermano ancora una volta come l’alimentazione possa contribuire alla prevenzione cardiovascolare nella popolazione ancora sana.

Glossario

  • Ipertensione

    Aumento della pressione arteriosa al di sopra dei valori normali (nell'adulto 80-90 mm Hg di minima e 130-140 mmHg di massima). Può essere di origine secondaria (renale, endocrina, neurologica, ecc.) o primitiva (essenziale).

  • Correlazione

    Valutazione della relazione esistente tra differenti variabili, che non implica necessariamente un rapporto di causa ed effetto tra loro. Il tipo di relazione più frequentemente studiato è quello lineare (una retta in un piano cartesiano) in questo caso la forza della correlazione viene espressa con un numero (r) che varia da -1 (la maggiore correlazione negativa possibile) a +1 (la maggiore correlazione positiva possibile) un valore pari a 0 indica assenza di qualsiasi correlazione.

Consumption of healthy foods at different content of antioxidant vitamins and phytochemicals and metabolic risk factors for cardiovascular disease in men and women of the Moli–sani study

Background: To categorize healthy food groups into categories of low-antioxidant (LAC) or high-antioxidant vitamins and phytochemicals content (HAC) and comparatively associate them with metabolic risk factors for cardiovascular disease (CVD).
Methods: A total of 6879 women (55±12 years) and 6892 men (56±12 years) were analyzed from the Moli-sani cohort, randomly recruited from the general population. The European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition Food Frequency Questionnaire was used for dietary assessment. The antioxidant content of each food group was evaluated using Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione and United States Department of Agriculture (USDA) food composition tables. Healthy foods, according to a Mediterranean dietary pattern, were categorized into HAC or LAC; total food antioxidant content (FAC) score was constructed for a comparative evaluation of the consumption of these two groups.
Results:In men, an increase in FAC score, which represents an increased consumption of HAC with respect to LAC foods, was associated with a decrease in systolic blood pressure, diastolic blood pressure and C-reactive protein (CRP) (β=-0.5, P=0.02, β=-0.3, P=0.02 and β=-0.03, P=0.03, respectively). Logistic regression analyses showed that in men 15% (30 units) increase in FAC score was associated with 6% decrease in the likelihood of having hypertension (odds ratio (OR)=0.94, 95% confidence interval (CI) 0.91-0.98) and 3% decrease in the likelihood of having a high CRP risk level (OR=0.97, 95% CI 0.94-0.99). No significant associations were observed in women.
Conclusions:A possible greater protective role of healthy HAC as compared with healthy LAC foods on hypertension and inflammation was detected in men. These results stress the importance of studying healthy foods according to their content in antioxidant vitamins and phytochemicals, in primary prevention of CVD
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419