Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

La presenza di latte e formaggio nella dieta attenua l'aumento dei livelli di colesterolo attribuibile ai grassi saturi

24-03-2014

Soerensen KV, Thorning TK, Astrup A, Kristensen M, Lorenzen JK.
Am J Clin Nutr. 2014 Mar 12. [Epub ahead of print]

La riduzione del consumo di alimenti a base di grassi saturi, e quindi la sostituzione dei grassi saturi della dieta con grassi polinsaturi, rappresenta una delle strategie raccomandate per la prevenzione del rischio cardiovascolare. Evidenze recenti, tuttavia, suggeriscono che l’interazione tra grassi alimentari e salute possa essere più complessa e dipendere anche dalla presenza degli altri nutrienti nella dieta e dalla matrice alimentare.  Studi epidemiologici hanno dimostrato, ad esempio, come il consumo di latte e derivati, che pure contengono grassi saturi, si associ spesso a benefici per il cuore che, secondo alcuni Autori, sarebbero attribuibili all’apporto di calcio.    
In questo studio di intervento randomizzato, volontari sani di sesso maschile hanno assunto per 2 settimane, in tempi diversi, 3 diete isocaloriche e simili per composizione in nutrienti (al 31,5% di grassi), differenti solo per l’apporto di calcio, che era inferiore alla RDA in quella priva di latticini, e  superiore (circa 1 grammo al giorno) con le due che comprendevano rispettivamente 670 ml di latte scremato e  120 grammi di  formaggio a pasta semidura. Le diete arricchite in latte e formaggio hanno causato un ridotto aumento della colesterolemia, sia totale e sia LDL, associato all’elevato contenuto di grassi saturi (identico in tutti e 3 i casi e pari al 60% dei lipidi totali), grazie ad un aumento dell’escrezione fecale di grassi. L’assenza di differenze significative tra latte e formaggio suggerisce, secondo gli Autori, un ruolo attivo del calcio a questo proposito, i cui meccanismi d’azione non sono tuttavia ancora chiari.

Glossario

  • Grassi saturi

    Grasso solidi a temperatura ambiente. Negli alimenti si trovano combinazioni di acidi grassi monoinsaturi, polinsaturi e saturi. I saturi si trovano nei latticini ricchi di grassi come formaggio, latte intero, burro, nelle carni, nella pelle e nel grasso di pollo e tacchino, nel lardo, nell’olio di palma e di cocco. Hanno lo stesso apporto calorico degli altri grassi e possono contribuire all’aumento di peso se consumati in eccesso. Una dieta ricca di grassi saturi può anche elevare il tasso di colesterolo nel sangue e quindi il rischio di patologie cardiache.

Effect of dairy calcium from cheese and milk on fecal fat excretion, blood lipids, and appetite in young men.

BACKGROUND: Calcium from different dairy sources might affect blood lipids and fecal fat excretion differently because of differences in the food matrix and nutritional composition.
OBJECTIVE: We investigated whether milk- and cheese-based diets with similar calcium contents affect a saturated fatty acid-induced increase in blood lipids differently.
DESIGN: Fifteen healthy, young men participated in a randomized 3 × 2-wk crossover study in which the following 3 isocaloric diets that were similar in fat contents and compositions were compared: control diet [nondairy diet (∼500 mg Ca/d)], milk diet [semiskimmed milk-based diet (1700 mg Ca/d)], and cheese diet [semihard cow-cheese-based diet (1700 mg Ca/d)]. Blood was drawn before and after each period, and feces were collected for 5 d during each period.
RESULTS: Saturated fatty acid-induced increases in total and low-density lipoprotein (LDL) cholesterol were lower with the milk diet (mean ± SD: 0.57 ± 0.13 and 0.53 ± 0.11 mmol/L, respectively) (P < 0.01) and cheese diet (0.41 ± 0.15 and 0.47 ± 0.12 mmol/L, respectively) (P < 0.05) than with the control diet (0.89 ± 0.12 and 0.84 ± 0.11 mmol/L, respectively). Fecal fat excretion increased more with the consumption of both the milk (5.2 ± 0.4 g/d) and cheese (5.7 ± 0.4 g/d) diets than with the control diet (3.9 ± 0.3 g/d) (P < 0.001). Changes in blood pressure, high-density lipoprotein cholesterol, triglycerides, and lipid ratios did not differ.
CONCLUSIONS: Compared with the control diet, milk- and cheese-based diets attenuated saturated fatty acid-induced increases in total and LDL cholesterol and resulted in increased fecal fat excretion; however, effects of milk and cheese did not differ. Because the diets contained similar amounts of saturated fat, similar increases in total and LDL cholesterol could be expected; however, both milk and cheese attenuated these responses, which seem to be explained by their calcium contents. This trial was registered at clinicaltrials.gov as NCT01317251.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419