Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

L’assunzione costante e adeguata di flavonoli, non solo con il tè, riduce nelle donne over 75 la mortalità vascolare

15-05-2013

Ivey KL, Lewis JR, Prince RL, Hodgson JM.
Br J Nutr. 2013 Apr 29:1-8.

La relazione tra flavonoidi (antiossidanti) di origine alimentare, ed in particolare tra flavonoli –una classe di flavonoidi contenuti soprattutto nel tè, in alcuni frutti (come le mele e le pere), nelle cipolle- e salute cardiovascolare è già stata oggetto di numerosi studi epidemiologici.
Anche in questo studio, per il quale i livelli di assunzione delle principali classi di flavonoidi sono stati determinati in una popolazione di più di mille donne con più di 75 anni, tra tutti i composti considerati, proprio i flavonoli (soprattutto quercetina, miricetina e kempferolo), seguiti dai flavan-3-oli (presenti nel tè, nel cioccolato e nel vino rosso), sono risultati correlati alla riduzione della mortalità per cause vascolari nell’arco di 5 anni. In questa popolazione di donne australiane i flavonoli provenivano per più del 50% dal tè, confermando la già dimostrata relazione tra consumo di tè e protezione vascolare. Tuttavia da questa ricerca emerge in più che i flavonoli sono comunque vasculoprotettori, indipendente dalla fonte alimentare di provenienza. Infatti, tra le donne over 75 che assumevano almeno 36 mg/die di questi composti, da tè o da altri vegetali, è emersa una riduzione del 72% del rischio di malattia vascolare aterosclerotica e di eventi correlati (ictus e coronaropatia) rispetto a coloro che seguivano una dieta povera di flavonoli. Tale associazione si mantiene anche escludendo dalle fonti di flavonoli il tè.
La definizione dei meccanismi dell’effetto protettivo dei flavonoli a livello vascolare non è stata oggetto di questa ricerca, ma gli autori ipotizzano che svolgano un ruolo importante effetti già dimostrati da altri studi, come il miglioramento della funzionalità endoteliale e del profilo pressorio.

Glossario

  • Ictus

    Manifestazione acuta di lesione focale cerebrale.

Tea and non-tea flavonol intakes in relation to atherosclerotic vascular disease mortality in older women.

Epidemiological studies have indicated that dietary flavonoids generally, and flavonols specifically, may contribute to cardiovascular health. Tea consumption, which is often the main dietary source of flavonoids and flavonols, is associated with a reduced risk of cardiovascular outcomes. The primary objective of the present study was to explore the association of the habitual intake of flavonols from tea and non-tea sources with the risk of atherosclerotic vascular disease mortality in a population of elderly women. A total of 1063 women, aged over 75 years, were randomly selected from ambulant Caucasian women living in Perth, Western Australia. Flavonoid consumption was assessed using the US Department of Agriculture Flavonoid, Flavone and Proanthocyanidin databases. Atherosclerotic vascular disease mortality was assessed over 5 years of follow-up through the Western Australian Data Linkage System. During the follow-up, sixty-four women died from atherosclerotic vascular disease. Women in the highest compared with the lowest tertile of flavonol intake had a lower risk of atherosclerotic vascular disease death (OR 0•27, 95 % CI 0•13, 0•59; P≤ 0•01 for trend in multivariate-adjusted models). Similar relationships were observed for flavonol intake derived from both tea (OR 0•38, 95 % CI 0•18, 0•79; P< 0•01) and non-tea (OR 0•41, 95 % CI 0•20, 0•85; P= 0•05) sources. Tea was the main contributor to flavonol intake (65 %), and the intakes of flavonols from tea and non-tea sources were not significantly correlated. In conclusion, increased consumption of flavonols was independently associated with a lower risk of atherosclerotic vascular disease mortality. Both tea and non-tea sources of flavonols were independently associated with this benefit.
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419