Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Latte arricchito con probiotici e malattie respiratorie nel bambino

27-06-2012

Kumpu M, Kekkonen RA, Kautiainen H, Järvenpää S, Kristo A, Huovinen P, Pitkäranta A, Korpela R, Hatakka K.
Eur J Clin Nutr. 2012 Jun 13. doi: 10.1038/ejcn.2012.62. [Epub ahead of print]

Numerose evidenze in letteratura hanno dimostrato l’efficacia del consumo di probiotici nel controllo di alcune forme di diarrea e delle infezioni acute del tratto respiratorio superiore. In particolare, il Lactobacillus rhamnosus ha mostrato risultati promettenti nei confronti nella riduzione dei sintomi respiratori.
Lo studio di 523 bambini con età compresa tra 2 e 6 anni, 261 dei quali ricevevano (3 volte al giorno per 28 settimane) il latte arricchito con microrganismi probiotici Lactobacillus rhamnosus GG (latte GG) mentre 262 assumevano secondo lo stesso schema il latte di controllo privo di probiotici, ha permesso di valutare l’associazione tra il consumo giornaliero di latte ed il rischio di malattie respiratorie.
Dall’analisi dei dati relativi ai due gruppi di bambini partecipanti allo studio non sono emerse differenze significative tra coloro che assumevano latte GG e coloro che assumevano il placebo: infatti il numero di giorni al mese con almeno un sintomo respiratorio era pari a 5,03 nel gruppo che aveva consumato latte GG e 5,17 nel gruppo placebo (rapporto tra i tassi di incidenza (IRR)=0,97; P=0,098). Tuttavia per i soli 128 soggetti nelle cui feci era stata determinata una concentrazione rilevabile di Lactobacillus rhamnosus GG, i giorni al mese con almeno un sintomo respiratorio erano 4,71 per coloro che assumevano latte GG e 5,67 per coloro che assumevano placebo.
I risultati di questo lavoro dimostrano quindi che il consumo di latte arricchito con Lactobacillaus rhamnosus GG riduce il rischio di eventi respiratori nei bambini (nell’ordine di circa 1 giorno al mese in più senza sintomi), seppur limitatamente ai soggetti con una concentrazione rilevabile di Lactobacillaus rhamnosus GG nelle feci.

Glossario

  • Incidenza

    Il numero di nuovi casi osservati in una popolazione nell'unità di tempo (in genere un anno). Un'incidenza dell'infarto in una popolazione dell'1 per mille indica che, ogni anno, un soggetto su mille viene colpito dalla malattia. Da non confondere con "prevalenza" (vedi).

Milk containing probiotic Lactobacillus rhamnosus GG and respiratory illness in children: a randomized, double-blind, placebo-controlled trial.

Background/Objectives: To determine whether long-term daily consumption of milk containing probiotic Lactobacillus rhamnosus GG (GG) decreases respiratory illness in children. Subjects/Methods: A randomized, double-blind, placebo-controlled trial was conducted with 523 children aged 2-6 years attending day care centers in Finland. Subjects received either normal milk or the same milk with GG on three daily meals for 28 weeks. Daily recording of childrens\' symptoms was done by parents. Primary outcome data from 501 subjects were available for analysis, and data from 128 subjects were analyzed as completed cases in terms of recovery of GG in fecal samples. Results: Number of days with at least one respiratory symptom in all subjects was 5.03/month (95% confidence interval (CI): 4.92-5.15) in the GG group and 5.17/month (95% CI: 5.05-5.29) in the placebo group incidence rate ratio (IRR) 0.97; 95% CI: 0.94-1.00; P=0.098). In the completed cases, the figures were 4.71 days/month (95% CI: 4.52-4.90) in the GG group and 5.67 days/month (95% CI: 5.40-5.94) in the placebo group (IRR 0.83; 95% CI: 0.78-0.88; P<0.001). Conclusions: Consumption of GG reduced the occurence of respiratory illness in children attending day care centers in the completed cases subgroup, but not in the total population. Thus, future clinical trials are warranted to clarify the association between fecal recovery of a probiotic and the symptom prevalence.
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419