Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Latte e derivati contro l’ipertensione

03-10-2012

Soedamah-Muthu SS, Verberne LD, Ding EL, Engberink MF, Geleijnse JM.
Hypertension. 2012 Sep 17. [Epub ahead of print]

Gli effetti positivi sulla pressione arteriosa del consumo di latticini, soprattutto se a ridotto contenuto di grassi, trovano conferma in numerosi studi sia osservazionali che clinici. Tali effetti vengono attribuiti sia all’elevato contenuto in Calcio biodisponibile di questi prodotti, sia alla possibile azione antipertensiva di piccoli peptidi (lactotripeptidi) che si formano per idrolisi di alcune sieroproteine. Alcuni studi, inoltre, hanno documentato una favorevole azione di latte e derivati sulla probabilità, per soggetti normotesi, di sviluppare ipertensione.
In questa metanalisi, tra gli studi prospettici che hanno valutato l’associazione tra consumo di latte e derivati e rischio di ipertensione, ne sono stati selezionati 9, per un totale di 577.256 soggetti e 15.367 casi di ipertensione, seguiti per un follow-up che variava da 2 a 15 anni.
Dall’analisi dei risultati è emersa una relazione inversa tra il rischio di sviluppare ipertensione e i livelli di assunzione sia di latte e derivati complessivamente (range di consumo compreso tra 100 e 700 g/die circa), sia di latte e derivati a ridotto contenuto di grassi (tra 100 e 500 g/die circa), sia di solo latte (tra 100 e 500 g/die circa).
In particolare, il consumo di 200 g al giorno di latte e derivati a basso tenore lipidico, è risultato associato ad una riduzione del 3% del rischio stesso.
Queste osservazioni confermano pertanto che il consumo di prodotti lattiero-caseari a ridotto contenuto di grassi può contribuire alla prevenzione dell’ipertensione.

Glossario

  • Pressione arteriosa

    Pressione del sangue nelle arterie dovuto all'attività contrattile del muscolo cardiaco e alla resistenza vascolare periferica, distinta in sistolica o massima e diastolica o minima.

  • Ipertensione

    Aumento della pressione arteriosa al di sopra dei valori normali (nell'adulto 80-90 mm Hg di minima e 130-140 mmHg di massima). Può essere di origine secondaria (renale, endocrina, neurologica, ecc.) o primitiva (essenziale).

  • Metanalisi

    Tecnica che combina i risultati di molti studi, di impianto simile e che hanno esaminato quesiti simili, per aumentare la numerosità del campione di valori su cui si ragiona e quindi l'affidabilità delle conclusioni.

Dairy Consumption and Incidence of Hypertension: A Dose-Response Meta-Analysis of Prospective Cohort Studies.

Observational and clinical studies suggest that dairy intake, particularly low-fat dairy, could have a beneficial effect on blood pressure. We performed a dose-response meta-analysis of prospective cohort studies on dairy intake and risk of hypertension in the general population. A systematic literature search for eligible studies was conducted until July 2011, using literature databases and hand search. Study-specific dose-response associations were computed according to the generalized least squares for trend estimation method, and linear and piecewise regression models were created. Random-effects models were performed with summarized dose-response data. We included 9 studies with a sample size of 57 256, a total of 15 367 incident hypertension cases, and a follow-up time between 2 and 15 years. Total dairy (9 studies; range of intake, ≈100-700 g/d), low-fat dairy (6 studies; ≈100-500 g/d), and milk (7 studies; ≈100-500 g/d) were inversely and linearly associated with a lower risk of hypertension. The pooled relative risks per 200 g/d were 0.97 (95% CI, 0.95-0.99) for total dairy, 0.96 (95% CI, 0.93-0.99) for low-fat dairy, and 0.96 (95% CI, 0.94-0.98) for milk. High-fat dairy (6 studies), total fermented dairy (4 studies), yogurt (5 studies), and cheese (8 studies) were not significantly associated with hypertension incidence (pooled relative risks of ≈1). This meta-analysis of prospective cohort studies suggests that low-fat dairy and milk could contribute to the prevention of hypertension, which needs confirmation in randomized controlled trials.
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419