Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Nei diabetici di tipo 2, un modesto sovrappeso si associa ad una riduzione della mortalità totale. La prognosi peggiore è per i sottopeso

21-05-2015

Costanzo P, Cleland JG, Pellicori P, Clark AL, Hepburn D, Kilpatrick ES, Perrone-Filardi P, Zhang J, Atkin SL.
Ann Intern Med. 2015 May 5;162(9):610-8. doi: 10.7326/M14-1551.

Questo interessante studio inglese, condotto su 10.568 diabetici di tipo 2 (uomini e donne, età media 63 anni), senza malattie cardiovascolari al momento dell’inclusione, seguiti per oltre 10 anni, ha esaminato in dettaglio la correlazione tra l’indice di massa corporea o BMI dei soggetti arruolati e la loro prognosi. Nei diabetici sovrappeso o obesi, con BMI >25 kg/m(2), si registra un incremento dell’incidenza di malattie cardiovascolari (coronaropatia e insufficienza cardiaca) rispetto ai diabetici normopeso (BMI 19-24.9 kg/m(2)); la mortalità totale (per tutte le cause) è invece minima tra i diabetici in sovrappeso (BMI 25 – 29.9 kg/m(2)) rispetto a quanto si osserva tra i soggetti normopeso e tra i soggetti obesi. Ulteriormente più elevata la mortalità rilevata tra i soggetti sottopeso. Lo studio non ha differenziato tra le varie cause di morte; esso si aggiunge tuttavia alle crescenti evidenze che associano un moderato sovrappeso ad una prognosi non necessariamente peggiore rispetto a quella dei normopeso. I risultati, secondo gli autori, suggeriscono anche che la malattia diabetica possa essere diversa in presenza o meno dello stress metabolico associato all’obesità. I diabetici più magri, inoltre, potrebbero essere portatori di altri fattori di rischio indipendenti (es.: fumo di tabacco).

Glossario

  • Correlazione

    Valutazione della relazione esistente tra differenti variabili, che non implica necessariamente un rapporto di causa ed effetto tra loro. Il tipo di relazione più frequentemente studiato è quello lineare (una retta in un piano cartesiano) in questo caso la forza della correlazione viene espressa con un numero (r) che varia da -1 (la maggiore correlazione negativa possibile) a +1 (la maggiore correlazione positiva possibile) un valore pari a 0 indica assenza di qualsiasi correlazione.

  • Incidenza

    Il numero di nuovi casi osservati in una popolazione nell'unità di tempo (in genere un anno). Un'incidenza dell'infarto in una popolazione dell'1 per mille indica che, ogni anno, un soggetto su mille viene colpito dalla malattia. Da non confondere con "prevalenza" (vedi).

The obesity paradox in type 2 diabetes mellitus: relationship of body mass index to prognosis: a cohort study.

BACKGROUND: Whether obesity is associated with a better prognosis in patients with type 2 diabetes mellitus is controversial.
OBJECTIVE: To investigate the association between body weight and prognosis in a large cohort of patients with type 2 DIABETES followed for a prolonged period.
DESIGN: Prospective cohort.
SETTING: National Health Service, England.
PATIENTS: Patients with diabetes.
MEASUREMENTS: The relationship between body mass index (BMI) and prognosis in patients with type 2 diabetes without known cardiovascular disease at baseline was investigated. Information on all-cause mortality and cardiovascular morbidity (such as the acute coronary syndrome, cerebrovascular accidents, and heart failure) was collected. Cox regression survival analysis, corrected for potential modifiers, including cardiovascular risk factors and comorbid conditions (such as cancer, chronic kidney disease, and lung disease), was done.
RESULTS: 10 568 patients were followed for a median of 10.6 years (interquartile range, 7.8 to 13.4). Median age was 63 years (interquartile range, 55 to 71), and 54% of patients were men. Overweight or obese patients (BMI >25 kg/m(2)) had a higher rate of cardiac events (such as the acute coronary syndrome and heart failure) than those of normal weight (BMI, 18.5 to 24.9 kg/m(2)). However, being overweight (BMI, 25 to 29.9 kg/m(2)) was associated with a lower mortality risk, whereas obese patients (BMI >30 kg/m(2)) had a mortality risk similar to that of normal-weight persons. Patients with low body weight had the worst prognosis.
LIMITATION: Data about cause of death were not available.
CONCLUSION: In this cohort, patients with type 2 diabetes who were overweight or obese were more likely to be hospitalized for cardiovascular reasons. Being overweight was associated with a lower mortality risk, but being obese was not.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419