Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Più attività fisica, specie al di sotto dei 5 anni, per proteggere cuore e vasi dell’adulto che verrà

30-05-2013

Bel-Serrat S, Mouratidou T, Santaliestra-Pasías AM, Iacoviello L, Kourides YA, Marild S, Molnár D, Reisch L, Siani A, Stomfai S, Vanaelst B, Veidebaum T, Pigeot I, Ahrens W, Krogh V, Moreno LA
Eur J Clin Nutr. 2013 May 1

Esiste già una correlazione tra lo stile di vita ed i fattori di rischio cardiovascolare tra i bambini? La risposta, parzialmente positiva, viene dai risultati di questo studio osservazionale nell’ambito del quale, tra il 2007 e il 2009, sono stati seguiti oltre 4.500 bambini, maschi e femmine, di età tra 2 e 9 anni al momento del coinvolgimento nello studio.
Gli autori hanno classificato lo stile di vita dei bambini in 5 “clusters” (attivo, sedentario, sedentario e con alto consumo di soft drink, con un’alimentazione sana ricca di frutta e verdura, con basso consumo di soft drink e non sedentario), e correlato l’appartenenza ai vari clusters con un punteggio globale di rischio cardiovascolare. Tra i bambini più piccoli (fino a 5 anni), di ambo i sessi, il cluster con maggiore attività fisica presentava il minore punteggio di rischio cardiovascolare; oltre tale età, curiosamente, le differenze nel punteggio tra i vari gruppi di bambini erano di fatto irrilevanti.
Lo studio conferma l’importanza, in età pediatrica, di uno stile di vita attivo; l’attività fisica prevarrebbe, secondo questo studio, su molti aspetti del pattern alimentare nel condizionare un minore rischio cardiovascolare.

Glossario

  • Correlazione

    Valutazione della relazione esistente tra differenti variabili, che non implica necessariamente un rapporto di causa ed effetto tra loro. Il tipo di relazione più frequentemente studiato è quello lineare (una retta in un piano cartesiano) in questo caso la forza della correlazione viene espressa con un numero (r) che varia da -1 (la maggiore correlazione negativa possibile) a +1 (la maggiore correlazione positiva possibile) un valore pari a 0 indica assenza di qualsiasi correlazione.

Clustering of multiple lifestyle behaviours and its association to cardiovascular risk factors in children: the IDEFICS study.

BACKGROUND/OBJECTIVES: Individual lifestyle behaviours have independently been associated with cardiovascular diseases (CVD) risk factors in children. This study aimed to identify clustered lifestyle behaviours (dietary, physical activity (PA) and sedentary indicators) and to examine their association with CVD risk factors in children aged 2-9 years.
SUBJECTS/METHODS: Participants included 4619 children (51.6% boys) from eight European countries participating in the IDEFICS cross-sectional baseline survey (2007-2008). Insulin resistance, total cholesterol/high-density lipoprotein cholesterol ratio, triglycerides, sum of two skinfolds and systolic blood pressure (SBP) z-scores were summed to compute a CVD risk score. Cluster analyses stratified by sex and age groups (2 to <6 years; 6-9 years) were performed using parental-reported data on fruit, vegetables and sugar-sweetened beverages (SSB) consumption, PA performance and television video/DVD viewing.
RESULTS: Five clusters were identified. Associations between CVD risk factors and score, and clusters were obtained by multiple linear regression using cluster 5 ('low beverages consumption and low sedentary') as the reference cluster. SBP was positively associated with clusters 1 ('physically active'; β=1.34; 95% confidence interval (CI): 0.02, 2.67), 2 ('sedentary'; β=1.84; 95% CI: 0.57, 3.11), 3 ('physically active and sedentary'; β=1.45; 95% CI: 0.15, 2.75) and 4 ('healthy diet'; β=1.83; 95% CI: 0.50, 3.17) in older boys. A positive association was observed between CVD risk score and clusters 2 (β=0.60; 95% CI: 0.20, 1.01), 3 (β=0.55; 95% CI: 0.14, 0.97) and 4 (β=0.60, 95% CI: 0.18, 1.02) in older boys.
CONCLUSIONS: Low television/video/DVD viewing levels and low SSB consumption may result in a healthier CVD profile rather than having a diet rich in fruits and vegetables or being physically active in (pre-)school children

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419