Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Sale e rischio di tumore gastrico

14-11-2012

Ge S, Feng X, Shen L, Wei Z, Zhu Q, Sun J.
Gastroenterol Res Pract. 2012;2012:808120. doi: 10.1155/2012/808120. Epub 2012 Oct 22.

Gli effetti negativi per la salute dell’eccessivo consumo di sale sono ampiamente riconosciuti dalla comunità medico-scientifica che è ormai concorde nel ritenere che un elevato apporto di sale si associ ad un rischio maggiore di sviluppare numerose malattie croniche, sia cardiovascolari che tumorali.
Per questa metanalisi sono stati analizzati 11 studi (di cui 7 studi caso-controllo e 4 di coorte), scelti partendo da un campione iniziale di 1.580 studi, che avevano coinvolto oltre due milioni di individui, e più di 12.000 casi, che hanno valutato la relazione tra sale e rischio di tumore allo stomaco. Dall’analisi dei risultati emerge un’associazione positiva piuttosto marcata tra elevato apporto di sale e rischio di tumore gastrico; tra le persone con elevato consumo di sale il rischio è circa raddoppiato rispetto a quello rilevato tra le persone con un apporto ridotto (Odds Ratio o OR=2,05). Va osservato che i limiti di classificazione degli apporti di sale (elevato o ridotto) variavano da studio a studio. Valutando i dati in funzione della zona geografica in cui sono stati condotti gli studi, emergono OR più elevati per gli studi realizzati in Asia rispetto a quelli condotti in Europa; stratificando invece in funzione della fonte di sale, si rilevano OR pari a 1,20 e 2,41 per consumi rispettivamente di sale tal quale e di cibi salati. Queste osservazioni suggeriscono che in Asia la sensibilità agli effetti del sale sia maggiore che in Europa e che l’effetto di elevati consumi di sale sia potenziato da altri componenti degli alimenti tipicamente salati.
La metanalisi conferma quindi l’esistenza di un’associazione tra apporto di sale e rischio di tumore gastrico, e supporta quindi l’importanza della riduzione del consumo di sale. Come affermato dagli stessi autori, questo studio ha comunque alcune limitazioni, principalmente legate all’elevata variabilità dei valori di cut-off utilizzati per discriminare tra “elevato apporto” e “basso apporto”, che potrebbero avere influito sui risultati emersi.

Glossario

  • Metanalisi

    Tecnica che combina i risultati di molti studi, di impianto simile e che hanno esaminato quesiti simili, per aumentare la numerosità del campione di valori su cui si ragiona e quindi l'affidabilità delle conclusioni.

Association between Habitual Dietary Salt Intake and Risk of Gastric Cancer: A Systematic Review of Observational Studies.

Purpose. Systematic reviews of case-control and prospective studies showed a positive association between habitual salt intake and gastric cancer. Given new studies published thereafter, we carried out a meta-analysis to assess the association between dietary salt intake and gastric cancer. Methods. Case-control studies and cohort studies published between January 1992 and January 2012 on PubMed and Embase were searched. We quantified associations between salt intake and gastric cancer with meta-analysis. Results. Eleven studies (7 case controls and 4 cohorts) finally were included in the meta-analysis (total population: n = 2076498; events: n = 12039). The combined odds ratio showed significantly positive association between high salt intake and gastric cancer compared with low salt intake (OR = 2.05, 95% CI [1.60, 2.62]; P < 0.00001). In subgroup meta-analysis, findings were slightly different when analyses were restricted to salty food intake (OR = 2.41, 95% CI [2.08, 2.78]; P < 0.00001) as well as in Asia (OR = 1.27 95% CI [1.22, 1.32]; P < 0.00001). There was no evidence that sample size, exposure assessment substantially influenced the estimate of effects. Conclusions. The systemic review supports the hypothesis that dietary salt intake is positively associated with the risk of gastric cancer.
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419