Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Seguire con costanza le indicazioni su alimentazione e stile di vita contribuisce a ridurre significativamente la mortalità e promuove lo stato di salute a lungo termine

07-04-2013

Vergnaud AC, Romaguera D, Peeters PH, van Gils CH, Chan DS, Romieu I, Freisling H, Ferrari P, Clavel-Chapelon F, Fagherazzi G, Dartois L, Li K, Tikk K, Bergmann MM, Boeing H, Tjønneland A, Olsen A, Overvad K, Dahm CC, Redondo ML, Agudo A, Sánchez MJ, Ami
Am J Clin Nutr. 2013 Apr 3

Nel 2007 il Fondo mondiale per la Ricerca sul Cancro (WCRF) e l’Istituto Americano per la Ricerca sul Cancro (AICR), sulla base delle evidenze scientifiche disponibili, hanno reso pubblico un set di raccomandazioni su dieta, attività fisica e mantenimento del peso, mirate alla prevenzione dei tumori. La relazione tra l’adesione ai comportamenti definiti da queste linee guida e la mortalità, sia totale che per cause specifiche, è stata oggetto di analisi da parte dei ricercatori dello studio EPIC (European Prospective Investigation into Nutrition and Cancer). Gli autori hanno suddiviso le coorti di adulti reclutate in 10 paesi europei, in base al punteggio ottenuto sommando i seguenti valori: 1 quando la raccomandazione era stata seguita con costanza, 0,5 quando non era stata sempre seguita, 0 quando non era mai stata seguita. Queste le raccomandazioni considerate: mantenersi snelli (ma non in sottopeso), fare attività fisica moderata tutti i giorni, limitare il consumo di alimenti troppo calorici, consumare molti alimenti di origine vegetale, limitare l’assunzione di carni rosse e soprattutto processate, limitare il consumo di alcolici; per le mamme, allattare il neonato al seno fino a 6 mesi. Dopo 12,8 anni di follow-up si è visto che il rischio di mortalità per tumori, eventi cardiovascolari e malattie respiratorie era inferiore del 46% tra i soggetti del gruppo con maggiore adesione alle raccomandazioni WCRF/AICR rispetto ai soggetti meno aderenti. Il risultato era modificato solo marginalmente aggiustando i dati per abitudine al fumo, numero di sigarette, scolarità e, per la popolazione femminile, condizione menopausale (rischio inferiore del 34%). Questi risultati confermano quindi l’opportunità di seguire con costanza le raccomandazioni alimentari e di stile di vita stilate dagli organismi internazionali (e nazionali).

Adherence to the World Cancer Research Fund/American Institute for Cancer Research guidelines and risk of death in Europe: results from the European Prospective Investigation into Nutrition and Cancer cohort study.

BACKGROUND: In 2007, the World Cancer Research Fund (WCRF) and the American Institute for Cancer Research (AICR) issued recommendations on diet, physical activity, and weight management for cancer prevention on the basis of the most comprehensive collection of available evidence.
OBJECTIVE: We investigated whether concordance with WCRF/AICR recommendations is related to risk of death.
DESIGN: The current study included 378,864 participants from 9 European countries enrolled in the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition study. At recruitment (1992-1998), dietary, anthropometric, and lifestyle information was collected. A WCRF/AICR score, which incorporated 6 of the WCRF/AICR recommendations for men [regarding body fatness, physical activity, foods and drinks that promote weight gain, plant foods, animal foods, and alcoholic drinks (score range: 0-6)] and 7 WCRF/AICR recommendations for women [plus breastfeeding (score range: 0-7)], was constructed. Higher scores indicated greater concordance with WCRF/AICR recommendations. Associations between the WCRF/AICR score and risks of total and cause-specific death were estimated by using Cox regression analysis.
RESULTS: After a median follow-up time of 12.8 y, 23,828 deaths were identified. Participants within the highest category of the WCRF/AICR score (5-6 points in men; 6-7 points in women) had a 34% lower hazard of death (95% CI: 0.59, 0.75) compared with participants within the lowest category of the WCRF/AICR score (0-2 points in men; 0-3 points in women). Significant inverse associations were observed in all countries. The WCRF/AICR score was also significantly associated with a lower hazard of dying from cancer, circulatory disease, and respiratory disease.
CONCLUSION: Results of this study suggest that following WCRF/AICR recommendations could significantly increase longevity.
Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419