Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Stessa efficacia per la dieta mediterranea e una dieta ipolipidica nel controllo glicemico e nella riduzione del grasso addominale nel diabete di tipo 2

21-02-2014

Lasa A, Miranda J, Bulló M, Casas R, Salas-Salvadó J, Larretxi I, Estruch R, Ruiz-Gutiérrez V, Portillo MP.
Eur J Clin Nutr. 2014 Feb 12. doi: 10.1038/ejcn.2014.1. [Epub ahead of print]

Lo studio PREDIMED ha già dimostrato i benefici cardiovascolari della dieta mediterranea integrata con olio d'oliva extra vergine o con frutta secca con guscio, rispetto alla dieta di controllo a ridotto tenore di grassi, in termini di riduzione di eventi e del rischio di diabete.
Allo scopo di confrontare l’effetto delle due versioni della dieta mediterranea (e della dieta di confronto) su parametri di controllo glicemico in  pazienti diabetici, gli autori hanno analizzato un sottogruppo della popolazione reclutata per lo studio PREDIMED composto da pazienti di 55-80 anni  con diabete di tipo 2 e almeno due dei seguenti fattori di rischio: ipertensione, colesterolo-LDL elevato, basso colesterolo-HDL, BMI≥25, cardiopatia famigliare. A un anno dall’inizio dell’intervento le differenze più importanti tra i regimi alimentari sono state evidenziate per verdura, frutta, derivati del latte, olio d’oliva e frutta con guscio.  Inoltre, coloro che seguivano una dieta di tipo mediterraneo assumevano più calorie complessive, proteine e grassi rispetto ai soggetti che seguivano la dieta ipolipidica, ma consumavano anche più grassi insaturi (sia mono che polinsaturi). 
L'esame dei parametri antropometrici ha confermato l'efficacia di tutte e tre le diete, soprattutto nella popolazione femminile,  nella riduzione della massa grassa addominale, che però è risultata associata al calo del peso corporeo solo con la dieta mediterranea, indipendentemente dalla presenza di olio o di noci. Non sono state invece riscontrate differenze rilevanti tra le diete per quanto riguarda il controllo glicemico. Queste osservazioni suggeriscono che la dieta mediterranea, integrata con olio d’oliva extra-vergine o con frutta con guscio, ha lo stesso impatto di una dieta a ridotto contenuto di lipidi sulla riduzione del grasso addominale e sul controllo glicemico.  Gli autori  attribuiscono la responsabilità dell’effetto sul peso della sola dieta mediterranea alla presenza dei grassi insaturi, che promuoverebbero l’ossidazione lipidica e la spesa energetica.

Glossario

  • Dieta mediterranea

    Regime alimentare a base di cereali integrali, legumi, ortaggi, frutta, olio d'oliva.

  • Diabete

    Una patologia che si verifica quando l’organismo non è in grado di utilizzare il glucosio ematico. I livelli di glicemia sono controllati dall’insulina, un ormone prodotto dall’organismo che favorisce l’ingresso del glucosio nelle cellule muscolari e adipose. Il diabete insorge quando il pancreas non produce abbastanza insulina o l’organismo non risponde all’insulina che è stata prodotta.

  • Ipertensione

    Aumento della pressione arteriosa al di sopra dei valori normali (nell'adulto 80-90 mm Hg di minima e 130-140 mmHg di massima). Può essere di origine secondaria (renale, endocrina, neurologica, ecc.) o primitiva (essenziale).

  • Colesterolo

    Presente nel sangue, costituente essenziale della membrana cellulare, interviene nella formazione degli ormoni sessuali e corticosteroidei e dei sali biliari. Può essere di origine esogena (alimentare) ed endogena (sintesi epatica). Nel sangue il colesterolo è veicolato tramite i trigliceridi e le lipoproteine (HDL e LDL).

  • Grassi insaturi

    Grassi liquidi a temperatura ambiente. Gli oli vegetali sono grassi insaturi. Possono essere monoinsaturi o polinsaturi. Si trovano nelle olive, nel mais, negli oli di semi di girasole e nelle noci. Consumare cibi ad elevato contenuto di grassi monoinsaturi può aiutare ad abbassare il colesterolo. Tuttavia l’apporto calorico resta lo stesso, pertanto un consumo eccessivo può contribuire all’aumento di peso.

Comparative effect of two Mediterranean diets versus a low-fat diet on glycaemic control in individuals with type 2 diabetes.

Background/Objectives:Although benefits have been attributed to the Mediterranean diet, its effect on glycaemic control has not been totally elucidated. The aim of this work was to compare the effect of two Mediterranean diets versus a low-fat diet on several parameters and indices related to glycaemic control in type 2 diabetic subjects.Subjects/Methods:A multicentric parallel trial was conducted on 191 participants (77 men and 114 women) of the PREDIMED study in order to compare three dietary interventions: two Mediterranean diets supplemented with virgin olive oil (n=67; body mass index (BMI)=29.4±2.9) or mixed nuts (n=74; BMI=30.1±3.1) and a low-fat diet (n=50; BMI=29.8±2.8). There were no drop-outs. Changes in body weight and waist circumference were determined. Insulin resistance was measured by HOMA-IR index, adiponectin/leptin and adiponectin/HOMA-R ratios after 1 year of follow-up.Results:Increased values of adiponectin/leptin ratio (P=0.043, P=0.001 and P<0.001 for low-fat, olive oil and nut diets, respectively) and adiponectin/HOMA-IR ratio (P=0.061, P=0.027 and P=0.069 for low-fat, olive oil and nut diets, respectively) and decreased values of waist circumference (P=0.003, P=0.001 and P=0.001 for low-fat, olive oil and nut diets, respectively) were observed in the three groups. In both Mediterranean diet groups, but not in the low-fat diet group, this was associated with a significant reduction in body weight (P=0.347, P=0.003 and P=0.021 for low-fat, olive oil and nut diets, respectively).Conclusions:Mediterranean diets supplemented with virgin olive oil or nuts reduced total body weight and improved glucose metabolism to the same extent as the usually recommended low-fat diet.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419