Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Trattare l’obesità dei genitori permette di ridurre il tasso di sovrappeso/obesità nei figli, anche senza un loro coinvolgimento diretto

13-06-2017

Boutelle KN, Rhee KE, Liang J, Braden A, Douglas J, Strong D, Rock CL, Wilfley DE, Epstein LH, Crow SJ.
JAMA Pediatr. 2017 May 30. doi: 10.1001/jamapediatrics.2017.0651. [Epub ahead of print]

L’efficacia di un programma di trattamento dell’obesità mirato sui genitori si estende ai figli sovrappeso/obesi, che perdono peso anche in assenza di terapia mirata. Questa la conclusione dello studio FRESH (Family, Responsibility, Education, Support and Health) condotta a San Diego (California) dove 150 ragazzini tra gli 8 e i 12 anni, sovrappeso o obesi, e i loro genitori ugualmente sovrappeso o obesi, sono stati assegnati in modo casuale a due diversi programmi semestrali di trattamento mirato: il primo prevedeva il coinvolgimento dell’intero gruppo familiare, il secondo escludeva i figli, concentrando gli sforzi soltanto sui genitori. Dopo il trattamento, genitori e figli sono stati seguiti per ulteriori 12 mesi, per un totale di 18 mesi tra terapia e monitoraggio.
I parametri misurati in tutti i partecipanti (genitori e figli) sono stati: altezza, peso e BMI (Body Mass Index), assunzione calorica quotidiana, attività fisica (durata e intensità). Nei figli è stata valutata la percezione del comportamento del padre e della madre durante il trattamento; ai genitori è stato invece chiesto su quali convinzioni basassero e quale comportamento tenessero rispetto all’offerta alimentare ai propri figli; i questionari sono stati completati con alcune domande sull’accettazione del tipo di programma seguito e sulla sua fattibilità.
Ecco i risultati: nell’arco dei 6 mesi previsti, entrambi i programmi hanno permesso di ottenere risultati favorevoli sia nei figli e sia nei genitori, in termini di perdita di peso, di riduzione dell’introito calorico, di impegno in attività fisica moderata-vigorosa. I risultati sono stati mantenuti nei figli anche nei mesi successivi; nel corso del follow-up i genitori avviati al programma che non comprendeva i figli hanno riguadagnato qualche chilo più rispetto agli altri. Infine, il programma diretto su tutta la famiglia è stato globalmente valutato come più accettabile e fattibile.
Gli Autori sottolineano vantaggi e limiti dei due approcci, che in questa ricerca hanno fornito risultati sovrapponibili nell’immediato. Se il programma coinvolge esclusivamente i genitori è sicuramente più semplice (e economico) da organizzare e da gestire. Se coinvolge tutta la famiglia, tuttavia comporta altri vantaggi: i figli imparano le tecniche di intervento con l’aiuto di personale specializzato e trovano, negli altri coetanei coinvolti, un gruppo di simili con cui condividere l’esperienza, mentre a casa hanno comunque il supporto genitoriale. Questa molteplicità di fonti sembra favorire la “tenuta” nel tempo dei risultati conseguiti, soprattutto per i più grandicelli che entrano nel turbolento periodo adolescenziale.
Ciò detto, la sostanziale buona riuscita di entrambi i programmi consente di optare per quello che il gruppo familiare ritiene più adatto alle proprie caratteristiche ed esigenze.

Effect of Attendance of the Child on Body Weight, Energy Intake, and Physical Activity in Childhood Obesity Treatment: A Randomized Clinical Trial.

IMPORTANCE: Family-based weight loss treatment (FBT) is considered the gold-standard treatment for childhood obesity and is provided to the parent and child. However, parent-based treatment (PBT), which is provided to the parent without the child, could be similarly effective and easier to disseminate.
OBJECTIVE: To determine whether PBT is similarly effective as FBT on child weight loss over 24 months. Secondary aims evaluated the effect of these 2 treatments on parent weight loss, child and parent dietary intake, child and parent physical activity, parenting style, and parent feeding behaviors.
DESIGN, SETTING, AND PARTICIPANTS: Randomized 2-arm noninferiority trial conducted at an academic medical center, University of California, San Diego, between July 2011 and July 2015. Participants included 150 overweight and obese 8- to 12-year-old children and their parents.
INTERVENTIONS: Both PBT and FBT were delivered in 20 one-hour group meetings with 30-minute individualized behavioral coaching sessions over 6 months. Treatments were similar in content; the only difference was the attendance of the child.
MAIN OUTCOMES AND MEASURES: The primary outcome measure was child weight loss (body mass index [BMI] and BMI z score) at 6, 12, and 18 months post treatment. Secondary outcomes were parent weight loss (BMI), child and parent energy intake, child and parent physical activity (moderate to vigorous physical activity minutes), parenting style, and parent feeding behaviors.
RESULTS: One hundred fifty children (mean BMI, 26.4; mean BMI z score, 2.0; mean age, 10.4 years; 66.4% girls) and their parent (mean BMI, 31.9; mean age, 42.9 years; 87.3% women; and 31% Hispanic, 49% non-Hispanic white, and 20% other race/ethnicity) were randomly assigned to either FBT or PBT. Child weight loss after 6 months was -0.25 BMI z scores in both PBT and FBT. Intention-to-treat analysis using mixed linear models showed that PBT was noninferior to FBT on all outcomes at 6-, 12-, and 18-month follow-up with a mean difference in child weight loss of 0.001 (95% CI, -0.06 to 0.06).
CONCLUSIONS AND RELEVANCE: Parent-based treatment was as effective on child weight loss and several secondary outcomes (parent weight loss, parent and child energy intake, and parent and child physical activity). Parent-based treatment is a viable model to provide weight loss treatment to children.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419