Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Un regime dietetico corretto ed equilibrato è importante anche nella prevenzione dei tumori del collo e della testa

24-01-2014

Li WQ, Park Y, Wu JW, Goldstein AM, Taylor PR, Hollenbeck AR, Freedman ND, Abnet CC.
Am J Clin Nutr. 2014 Jan 8. [Epub ahead of print]

I risultati di questo studio su larga scala suggeriscono l’esistenza di una correlazione inversa tra la qualità della dieta, e cioè l’adesione alle indicazioni nutrizionali condivise in prevenzione, e i tumori del collo e della testa, che occupano il settimo posto a livello mondiale tra le diverse tipologie di cancro, con una prognosi infausta in circa la metà dei casi. E’ quindi particolarmente rilevante l’osservazione dei dati provenienti dall’ampia coorte (566.000 soggetti di 50-71 anni) dello studio statunitense NIH-AARP Diet and Health, seguita per 10 anni. L’incidenza di nuove diagnosi nel corso del follow-up è risultata significativamente ridotta per quei pazienti che si presentavano con una buona adesione ad uno stile di vita attivo e alle indicazioni per una dieta di tipo mediterraneo o comunque più salutare rispetto a quelli meno virtuosi, e ancora di più per le donne che per gli uomini. La correzione per i consumi di alcol e l’abitudine al fumo non sembra influenzare sostanzialmente gli effetti positivi di una sana alimentazione, che erano già evidenti dopo i primi due anni di osservazione.

Glossario

  • Correlazione

    Valutazione della relazione esistente tra differenti variabili, che non implica necessariamente un rapporto di causa ed effetto tra loro. Il tipo di relazione più frequentemente studiato è quello lineare (una retta in un piano cartesiano) in questo caso la forza della correlazione viene espressa con un numero (r) che varia da -1 (la maggiore correlazione negativa possibile) a +1 (la maggiore correlazione positiva possibile) un valore pari a 0 indica assenza di qualsiasi correlazione.

  • Incidenza

    Il numero di nuovi casi osservati in una popolazione nell'unità di tempo (in genere un anno). Un'incidenza dell'infarto in una popolazione dell'1 per mille indica che, ogni anno, un soggetto su mille viene colpito dalla malattia. Da non confondere con "prevalenza" (vedi).

Index-based dietary patterns and risk of head and neck cancer in a large prospective study.

BACKGROUND: Head and neck cancer (HNC) is the seventh most common cancer worldwide. Although diet has been proposed to play an important role in HNC, few associations with diet have been convincing other than alcohol intake. Studies of dietary patterns that examine overall diets may provide broader insight than studies of individual foods. Little is known about the association between dietary patterns and risk of HNC.
OBJECTIVE: We prospectively evaluated the association between 2 index-based dietary patterns [ie, the Healthy Eating Index-2005 (HEI-2005) and alternate Mediterranean Diet Score (aMED)] and risk of head and neck squamous cell carcinoma.
DESIGN: We included 494,967 participants from the NIH-AARP Diet and Health study (1995-2006). HRs (95% CIs) were estimated by using Cox regression. Scores for the HEI-2005 and aMED were calculated on the basis of diet assessed by using a baseline food-frequency questionnaire. Higher scores reflected adherence to dietary recommendations for healthy eating. Our main outcome was the incidence of HNC, including cancer of the larynx, oral cavity, and orohypopharynx.
RESULTS: A total of 1868 HNC cases were identified during follow-up. Higher HEI-2005 scores were associated with reduced risk of HNC in men [HR: 0.74 (95% CI: 0.61, 0.89) for highest compared with lowest quintiles; P-trend = 0.0008] and women [HR: 0.48; 95% CI: 0.33, 0.70; P-trend < 0.0001]. High aMED scores were also associated with lower HNC risk in men (HR: 0.80; 95% CI: 0.64, 1.01; P-trend = 0.002) and women (HR: 0.42; 95% CI: 0.24, 0.74; P-trend < 0.0001). Associations were similar among subsites. We did not find significant interactions between smoking and alcohol intake and each index on HNC risk.
CONCLUSIONS:HEI-2005 and aMED scores were associated inversely with risk of HNC. Large interventional studies are required to assess the causality before conveying definite public health messages. This trial was registered at clinicaltrials.gov as NCT00340015.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419