Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Una dieta “consapevolmente sana”, bilanciata e composita, rafforza, nel tempo, la struttura ossea di uomini e donne oltre i 55 anni

20-09-2016

de Jonge EA, Rivadeneira F, Erler NS, Hofman A, Uitterlinden AG, Franco OH, Kiefte-de Jong JC.
Eur J Nutr. 2016 Aug 24. [Epub ahead of print]

Una scelta nutrizionale “consapevolmente sana” (health conscious), che privilegi frutta e verdura, pesce, uova e carni bianche come fonti proteiche e includa alcol a dosi moderate, dimostra di proteggere nel tempo la massa ossea. Mentre una dieta in cui prevalgono carni lavorate, alcol ad alte dosi e piatti pronti molto ricchi, senza un significativo apporto di vegetali e yogurt, penalizza invece la robustezza delle ossa. L’effetto protettivo della dieta “health conscious” sullo scheletro, tra l’altro, si manifesta indipendentemente dai parametri antropometrici (rapporto peso/altezza).
La dimostrazione viene dallo studio olandese condotto nell’area di Rotterdam che, fin dal 1990, ha coinvolto uomini e donne di 55 anni e oltre, monitorando nel tempo anche la densità minerale ossea, parametro di riferimento per la salute delle ossa.
È noto che, per mantenere lo scheletro in salute, sono indispensabili un adeguato apporto di calcio, vitamina D e una costante attività fisica di carico (almeno 30 minuti al giorno). L’accento infatti è sempre stato posto sull’apporto adeguato di latte e derivati (yogurt e formaggi), che certo non mancano nell’alimentazione della popolazione olandese, dove il consumo di questi prodotti è generalmente elevato e pari in media a 350 grammi al giorno.
Questo studio dimostra che, anche in questa popolazione, una scelta alimentare “health conscious”, con un elevato apporto di frutta e verdura e fonti proteiche diverse dalle carni processate protegge ulteriormente nel tempo la massa ossea.
Due osservazioni emergono su tutte: la protezione ossea esercitata dalla dieta “consapevolmente sana” si osserva in tutti i soggetti che la seguono con costanza, indipendentemente dal rapporto peso/altezza, quindi anche nei soggetti con BMI inferiore a 20 Kg/m2 o superiore a 25 Kg/m2; inoltre, nel complesso, la dieta “Health conscious” aderisce in gran parte ai principi della dieta mediterranea, che ha già dimostrato di proteggere la salute delle ossa nel tempo.

Glossario

  • Dieta mediterranea

    Regime alimentare a base di cereali integrali, legumi, ortaggi, frutta, olio d'oliva.

Dietary patterns in an elderly population and their relation with bone mineral density: the Rotterdam Study.

PURPOSE: Our aim was to identify dietary patterns that are associated with bone mineral density (BMD) against a background of relatively high dairy intake in elderly Dutch subjects.
METHODS: Participants were 55 years of age and older (n = 5144) who were enrolled in The Rotterdam Study, a population-based prospective cohort study. Baseline intake of 28 pre-defined food groups was determined using a validated food frequency questionnaire. Dietary patterns were identified using principal component analysis. BMD was measured using dual-energy X-ray absorptiometry at baseline and at three subsequent visits (between 1993 and 2004). Linear mixed modelling was used to longitudinally analyse associations of adherence to each pattern with repeatedly measured BMD (both in Z scores).
RESULTS: After adjustment for confounders, two dietary patterns were associated with high BMD: a "Traditional" pattern, characterized by high intake of potatoes, meat and fat (β = 0.06; 95 % CI 0.03, 0.09) and a "Health conscious" pattern, characterized by high intake of fruits, vegetables, poultry and fish (β = 0.06; 95 % CI 0.04, 0.08). The "Processed" pattern, characterized by high intake of processed meat and alcohol, was associated with low BMD (β = -0.03; 95 % CI -0.06, -0.01). Associations of adherence to the "Health conscious" and "Processed" pattern with BMD were independent of body weight and height, whereas the association between adherence to the "Traditional" pattern with BMD was not.
CONCLUSIONS: Against a background of high dairy intake and independent of anthropometrics, a "Health conscious" dietary pattern may have benefits for BMD, whereas a "Processed" dietary pattern may pose a risk for low BMD.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419