Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Un’alimentazione ricca di Solanacee fornisce all’organismo nicotina, che sembra essere associata alla riduzione del rischio di malattia di Parkinson idiopatica

15-05-2013

Nielsen SS, Franklin GM, Longstreth WT, Swanson PD, Checkoway H.
Ann Neurol. 2013 May 9.

prova caricamento

Una delle più consistenti e controverse osservazioni epidemiologiche in tema di fattori ambientali e morbo di Parkinson riguarda l’associazione tra riduzione del rischio e fumo di sigaretta o tabagismo, abitudine che peraltro va fortemente scoraggiata per ovvi motivi. Dal momento che i risultati di studi di base indicano l’effetto neuroprotettivo della nicotina, che è uno dei componenti del tabacco, ma che è contenuta anche nei vegetali edibili appartenenti alla famiglia delle Solanacee (la stessa del tabacco), gli autori di questo studio ne hanno valutato i livelli di assunzione con la dieta in una gruppo di pazienti con una recente diagnosi di malattia di Parkinson idiopatica (non familiare) e in un gruppo di soggetti di controllo (non affetti da Parkinson e malattie neurodegenerative).
Ebbene, la frequenza del consumo di Solanacee (peperoni, pomodori come tali e sotto forma di succo, patate) è risultata inversamente correlata al rischio di malattia di Parkinson. L’associazione era particolarmente forte per i peperoni, al cui consumo superiore alle 2-4 porzioni alla settimana è stata associata una riduzione del rischio di circa il 30 % sia per gli uomini che per le donne, soprattutto che non avevano mai fumato o che avevano fumato per meno di 10 anni. Gli autori sottolineano la necessità di ricerche più approfondite a supporto di queste osservazioni preliminari.

Glossario

  • Morbo di Parkinson

    Malattia che si manifesta in età avanzata in seguito a lesione del sistema extrapiramidale ed è caratterizzata da lentezza dei movimenti volontari con andatura a piccoli passi, tipica espressione del volto, ipertonia muscolare, iperidrosi, tremore, e turbe neuropsichiche. Sin.: paralisi agitante.

Nicotine from edible Solanaceae and risk of Parkinson disease.

OBJECTIVE: To test whether risk of Parkinson disease (PD) is associated with consumption of nicotine-containing edibles from the same botanical family as tobacco, Solanaceae, including peppers, tomatoes, and potatoes.
METHODS: In a population-based study with 490 newly diagnosed idiopathic PD cases diagnosed during 1992-2008 at the University of Washington Neurology Clinic or Group Health Cooperative in western Washington State and 644 unrelated, neurologically normal controls, we examined whether PD was associated with self-reported typical frequency of consumption of peppers, tomatoes, tomato juice, and potatoes during adulthood, while adjusting for consumption of other vegetables, age, sex, race/ethnicity, tobacco use, and caffeine.
RESULTS: PD was inversely associated with consumption of all edible Solanaceae combined (relative risk [RR] = 0.81, 95% confidence interval [CI] = 0.65-1.01 per time per day), but not consumption of all other vegetables combined (RR = 1.00, 95% CI = 0.92-1.10). The trend strengthened when we weighted edible Solanaceae by nicotine concentration (ptrend  = 0.004). An inverse association was also evident for peppers specifically (ptrend  = 0.005). The potentially protective effect of edible Solanaceae largely occurred in men and women who had never used tobacco or who had smoked cigarettes <10 years.
INTERPRETATION: Dietary nicotine or other constituents of tobacco and peppers may reduce PD risk. However, confirmation and extension of these findings are needed to strengthen causal inferences that could suggest possible dietary or pharmaceutical interventions for PD prevention.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419