Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Un’alimentazione ricca di flavonoidi da tè e vino rosso, peperoni, mirtilli e fragole, sembra associata a una riduzione del rischio di mortalità specifica e per tutte le cause

07-07-2017

Ivey KL, Jensen MK, Hodgson JM, Eliassen AH, Cassidy A, Rimm EB.
Br J Nutr. 2017 Jun 13:1-8. doi: 10.1017/S0007114517001325. [Epub ahead of print]

I flavonoidi, polifenoli vegetali, sono alla base di molte delle proprietà salutari di frutta, verdura e di bevande di derivazione vegetale, come il tè o il caffè. L’alimentazione ricca di flavonoidi stabilizza una molecole volatile e molto instabile, l’ossido nitrico, che agisce favorevolmente sulla funzionalità endoteliale (fungendo quindi da vasodilatatore naturale), ma riducendo anche l’aggregazione piastrinica e lo stress ossidativo. Inoltre si ritiene che i flavonoidi entrino nel complesso meccanismo di inattivazione della carcinogenesi, attraverso un effetto antiproliferativo e di stimolo all’apoptosi (morte cellulare programmata). Questo complesso di dati può spiegare l’associazione, rilevata in molti studi epidemiologici, tra consumo regolare di alimenti ricchi di flavonoidi e riduzione della mortalità per cause specifiche, vale a dire tumori, malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2, o per tutte le cause.
L’analisi più recente al proposito viene ancora una volta dalla mole di dati raccolta nell’ambito del Nurses’ Health Study II, che ha monitorato con cadenza biennale 93.145 infermiere, di età compresa tra 25 e 42 anni al momento dell’inclusione nello studio (nel 1989). La media di assunzione quotidiana di flavonoidi totali è risultata pari a 379 mg; di questi, 257 mg erano rappresentati dalle proantocianidine assunte con tè, mele e fragole, seguiti dai flavan-3-oli presenti anch’essi nel tè, oltre a mele e mirtilli; 33 mg di flavanoni venivano dal consumo di vino rosso, arance e pompelmi sia freschi, sia come succo; le altre classi di flavonoidi, assunte con cipolle e peperoni, risultavano le meno rappresentate.
Valutando l’associazione tra frequenza di consumo di questi alimenti e rischio di mortalità per tutte le cause, i ricercatori hanno messo in luce che, nei 18 anni di monitoraggio, il rischio di mortalità per tutte le cause è stato del 19% inferiore per le donne che avevano assunto più flavonoidi totali, rispetto a quelle con i livelli di consumo più bassi.
L’analisi ha poi approfondito la presenza di eventuali associazioni specifiche. È così emerso che:

  • Rispetto alle non consumatrici di tè e vino rosso, le infermiere che sceglievano queste bevande per più di una volta alla settimana presentavano la maggiore riduzione del rischio di mortalità per tutte le cause.
  • In confronto alle non consumatrici, le donne che mettevano più di frequente nel piatto fragole e mirtilli mostravano la maggiore riduzione del rischio di mortalità per cause oncologiche.
  • Il consumo frequente di peperoni, invece, si associava alla riduzione del rischio di mortalità per cause diverse da quelle oncologiche.

 Da questa analisi emergerebbe quindi che l’effetto protettivo nei confronti del rischio di mortalità per tutte le cause possa essere attribuito soprattutto all’apporto dei flavonoidi presenti in specifici alimenti, quali tè e vino rosso, fragole, mirtilli e peperoni.

Glossario

  • Diabete

    Una patologia che si verifica quando l’organismo non è in grado di utilizzare il glucosio ematico. I livelli di glicemia sono controllati dall’insulina, un ormone prodotto dall’organismo che favorisce l’ingresso del glucosio nelle cellule muscolari e adipose. Il diabete insorge quando il pancreas non produce abbastanza insulina o l’organismo non risponde all’insulina che è stata prodotta.

Association of flavonoid-rich foods and flavonoids with risk of all-cause mortality.

Flavonoids are bioactive compounds found in foods such as tea, red wine, fruits and vegetables. Higher intakes of specific flavonoids, and flavonoid-rich foods, have been linked to reduced mortality from specific vascular diseases and cancers. However, the importance of flavonoid-rich foods, and flavonoids, in preventing all-cause mortality remains uncertain. As such, we examined the association of intake of flavonoid-rich foods and flavonoids with subsequent mortality among 93 145 young and middle-aged women in the Nurses' Health Study II. During 1 838 946 person-years of follow-up, 1808 participants died. When compared with non-consumers, frequent consumers of red wine, tea, peppers, blueberries and strawberries were at reduced risk of all-cause mortality (P<0·05), with the strongest associations observed for red wine and tea; multivariable-adjusted hazard ratios 0·60 (95 % CI 0·49, 0·74) and 0·73 (95 % CI 0·65, 0·83), respectively. Conversely, frequent grapefruit consumers were at increased risk of all-cause mortality, compared with their non-grapefruit consuming counterparts (P<0·05). When compared with those in the lowest consumption quintile, participants in the highest quintile of total-flavonoid intake were at reduced risk of all-cause mortality in the age-adjusted model; 0·81 (95 % CI 0·71, 0·93). However, this association was attenuated following multivariable adjustment; 0·92 (95 % CI 0·80, 1·06). Similar results were observed for consumption of flavan-3-ols, proanthocyanidins and anthocyanins. Flavonols, flavanones and flavones were not associated with all-cause mortality in any model. Despite null associations at the compound level and select foods, higher consumption of red wine, tea, peppers, blueberries and strawberries, was associated with reduced risk of total and cause-specific mortality. These findings support the rationale for making food-based dietary recommendations.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419