Un’alimentazione ricca di vegetali, frutta e alimenti integrali fino dalla prima infanzia riduce il rischio di sovrappeso e obesità

Pala V, Lissner L, Hebestreit A, Lanfer A, Sieri S, Siani A, Huybrechts I, Kambek L, Molnar D, Tornaritis M, Moreno L, Ahrens W, Krogh V.
Eur J Clin Nutr.

29-08-2013

In questo ampio studio osservazionale, per il quale sono state rilevate e controllate, per 5 anni, le abitudini alimentari di oltre 14 mila bambini europei di età compresa tra 2 e 10 anni, sono state individuate quattro modalità alimentari prevalenti: la tipologia “fast food and snack” (con consumo frequente di hamburger, kebab, pane bianco, barrette dolci …), la tipologia “zuccheri e grassi” (con consumo frequente di carni lavorate e salsicce, dolci e caramelle, patatine fritte, salse confezionate, soft drinks …), la tipologia “vegetali e alimenti integrali” (basata su consumi di verdura, sia fresca sia cotta, frutta, pane e cereali integrali, latte senza aggiunte …) ed infine la tipologia “proteine e acqua” (con prevalenza di consumo di pesce, uova, carne, acqua…). Nell’arco di due anni nessuno dei pattern dietetici è risultato significativamente associato al rischio di diventare sovrappeso; tuttavia, tra i bambini con una dieta più ricca di verdura, frutta, latte e cereali integrali si è evidenziata una riduzione del 30% circa del rischio di sviluppare sovrappeso o obesità, confermando il probabile effetto favorevole, sull’incremento ponderale, associato a questo modello alimentare.

 

Glossario

  • Prevalenza

    La percentuale dei soggetti della popolazione che ha una certa condizione in un dato momento. Dire che la prevalenza della malattia diabetica è del 5% significa che, nella popolazione in esame, al momento del rilievo, 5 soggetti su 100 sono diabetici. Da non confondere con "incidenza"(vedi).

Dietary patterns and longitudinal change in body mass in European children: a follow-up study on the IDEFICS multicenter cohort.

BACKGROUND/OBJECTIVES: Longitudinal studies investigating dietary patterns (DPs) and their association with childhood overweight/obesity are lacking in Europe. We identified DPs and investigated their association with overweight/obesity and changes in body mass index (BMI) in a cohort of European children.
SUBJECTS/METHODS: Children aged 2-10 from eight European countries were recruited in 2007-2008. Food frequency questionnaires were collected from 14 989 children. BMI and BMI z-scores were derived from height and weight and were used to identify overweight/obese children. After 2 years (mean), anthropometric measurements were repeated in 9427 children. Principal component analysis was used to identify DPs. Simplified DPs (SDPs) were derived from DPs. Adjusted odds ratios (ORs) for overweight/obesity with increasing DP intake were estimated using multilevel logistic regression. Associations of BMI change with DP and SDP were assessed by multilevel mixed regression. Models were adjusted for baseline BMI, age, sex, physical activity and family income.

Stampa

Condividi