Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto

Nutrition foundation of italy

Ricerca

Compila i campi

Lingua

English

Ti trovi in: Home /Tutte le news

Un'elevata aderenza alla dieta mediterranea riduce il livello di numerosi fattori di rischio cardiovascolare

07-02-2014

Grosso G, Pajak A, Mistretta A, Marventano S, Raciti T, Buscemi S, Drago F, Scalfi L, Galvano F.
Nutr Metab Cardiovasc Dis. doi: 10.1016/j.numecd.2013.09.020. [Epub ahead of print]

La dieta mediterranea è in genere considerata protettiva nei riguardi del rischio cardiovascolare; il suo effetto sui fattori di rischio di malattia cardiovascolare (e specificamente sui fattori cardio-metabolici) è invece meno noto. Alcuni autori, osservando come la prevalenza dell'obesità cresca passando dalle aree settentrionali alle aree meridionali dell'Europa, hanno infatti messo in dubbio alcuni effetti favorevoli della dieta mediterranea. In questo studio, condotto su oltre 3.000 soggetti residenti in Sicilia, l'aderenza alla dieta mediterranea (valutata mediante un questionario) è stata correlata con la presenza di vari fattori di rischio cardiovascolari. Gli autori hanno osservato come al crescere dell'aderenza al modello mediterraneo si riducessero sia il rischio di obesità (-65%, confrontando il terzo con il primo terzile), e sia quello di ipertensione (-27%) e di diabete (-57%). Anche la circonferenza addominale, uno dei determinanti della sindrome metabolica, correla negativamente con l'aderenza alla dieta mediterranea. Non è stato invece valutato l'effetto della dieta mediterranea sui parametri lipidici (colesterolo totale, LDL, HDL), che curiosamente non sono stati rilevati dai ricercatori.

Glossario

  • Dieta mediterranea

    Regime alimentare a base di cereali integrali, legumi, ortaggi, frutta, olio d'oliva.

  • Malattia cardiovascolare

    Che interessa sia il cuore sia i vasi.

  • Prevalenza

    La percentuale dei soggetti della popolazione che ha una certa condizione in un dato momento. Dire che la prevalenza della malattia diabetica è del 5% significa che, nella popolazione in esame, al momento del rilievo, 5 soggetti su 100 sono diabetici. Da non confondere con "incidenza"(vedi).

  • Ipertensione

    Aumento della pressione arteriosa al di sopra dei valori normali (nell'adulto 80-90 mm Hg di minima e 130-140 mmHg di massima). Può essere di origine secondaria (renale, endocrina, neurologica, ecc.) o primitiva (essenziale).

  • Diabete

    Una patologia che si verifica quando l’organismo non è in grado di utilizzare il glucosio ematico. I livelli di glicemia sono controllati dall’insulina, un ormone prodotto dall’organismo che favorisce l’ingresso del glucosio nelle cellule muscolari e adipose. Il diabete insorge quando il pancreas non produce abbastanza insulina o l’organismo non risponde all’insulina che è stata prodotta.

  • Circonferenza addominale

    Una misura del girovita. Il grasso che si concentra a livello dell\'addome aumenta il rischio di incorrere in problemi di salute collegati all\'obesità.

  • Sindrome metabolica

    La Sindrome Metabolica è una condizione metabolica caratterizzata dalla contemporanea associazione di diversi fattori di rischio metabolici nello stesso paziente, che incrementano la possibilità di sviluppare patologie cardiovascolari e diabete.

  • Colesterolo

    Presente nel sangue, costituente essenziale della membrana cellulare, interviene nella formazione degli ormoni sessuali e corticosteroidei e dei sali biliari. Può essere di origine esogena (alimentare) ed endogena (sintesi epatica). Nel sangue il colesterolo è veicolato tramite i trigliceridi e le lipoproteine (HDL e LDL).

Protective role of the Mediterranean diet on several cardiovascular risk factors: Evidence from Sicily, southern Italy

Background and aims Epidemiological studies conducted in European countries demonstrated that the adoption of a Mediterranean diet protect against clustered risk factors but those evaluating such benefits specifically in southern Italy are scarce. Thus, the aim of this study was to assess the association between the adherence to the Mediterranean diet and cardiovascular risk factors obesity, diabetes, and hypertension.
Methods and results A cross-sectional population-based survey including 3090 subjects was conducted in Sicily, southern Italy. Food intake was evaluated through a validated food frequency questionnaire and adherence to the dietary pattern was assessed using the MedDietScore. Linear and logistic regression models were performed to estimate odds ratios (ORs) and respective confidence intervals (CIs). After adjusting for confounding factors such as age and gender, participants in the highest tertile of the MedDietScore were less likely to be obese (OR 0.35, 95% CI: 0.24–0.51), hypertensive (OR 0.73, 95% CI: 0.55–0.97), and diabetic (OR 0.43, 95% CI: 0.24–0.77). Linear inverse relation between the MedDietScore and BMI (r2 = 0.34, P < 0.001), waist circumference (r2 = 0.17, P < 0.001), and waist-to-hip ratio (r2 = 0.06, P < 0.001) was found.
Conclusion Despite the prevalence rates of nutrition-related diseases are high in Sicily, greater adherence to the Mediterranean dietary pattern is still associated with a better health status.

Condividi

NFI - Nutrition Foundation of Italy
Viale Tunisia 38, 20124 Milano - info@nutrition-foundation.it
C.F./P.IVA 04062430154 - r.e.a 1510419