Uno stile di vita sano può ridurre il rischio di ictus anche in presenza di un profilo genetico poco favorevole

Rutten-Jacobs LC, Larsson SC, Malik R, Rannikmäe K; MEGASTROKE consortium; International Stroke Genetics Consortium, Sudlow CL, Dichgans M, Markus HS, Traylor M.
BMJ. 2018 Oct 24;363:k4168.

09-11-2018

Il profilo genetico individuale influisce sul rischio di ictus cerebrale, ma l’adesione a uno stile di vita complessivamente corretto è in grado di esercitare una protezione significativa, riducendo il rischio di eventi cerebrovascolari anche nei portatori di una genetica poco favorevole.
Lo dimostra l’analisi dei dati emersi da un monitoraggio della durata media di circa 7 anni, condotto su 306.473 uomini e donne britannici, sani all’arruolamento, di età compresa tra 40 e 73 anni, già coinvolti nella più ampia UK Biobank, ricerca prospettica che sta seguendo mezzo milione tra Inglesi, Gallesi e Scozzesi.
I ricercatori hanno valutato la correttezza dello stile di vita basandosi sulle linee guida dell’American Heart Association: assenza di abitudine al fumo, sana alimentazione (definita da un elevato consumo di frutta, verdura e pesce e da un basso consumo di carni rosse e lavorate), mantenimento di un BMI inferiore a 30 kg/m2, attività fisica moderata (pari a 150 minuti a settimana di attività moderata, o a 75 minuti a settimana di attività intensa).
Il campione è stato quindi suddiviso in tre gruppi, secondo lo stile di vita adottato: favorevole (adesione a tre o quattro fattori positivi), intermedio (adesione a due soli fattori positivi), sfavorevole (nessun fattore rispettato o adesione a un solo elemento positivo).
È stato successivamente indagato il profilo genetico delle persone arruolate, ricercando la presenza di varianti genetiche (SNP) associate, negli studi epidemiologici, a una maggiore probabilità di ictus. Il rischio di ictus di ogni individuo, sulla base del numero delle varianti genetiche “sfavorevoli” identificate, è stato quindi classificato in tre categorie: basso, medio e alto.
Combinando le due serie di valutazioni, i ricercatori hanno rilevato, durante il follow-up, un maggiore rischio di ictus nei soggetti con stile di vita meno corretto, anche all’interno di ciascun livello di rischio genetico. Ancor più nel dettaglio, l’abitudine al fumo e l’eccesso ponderale erano gli elementi dello stile di vita che più incidevano sul rischio di ictus.
In conclusione: in un soggetto con il profilo genetico meno favorevole, e che non segue alcuna indicazione al corretto stile di vita, il rischio di ictus raddoppia rispetto a chi rispetta il complesso dello stile di vita corretto e può contare su un profilo genetico più favorevole.
D’altro canto, anche nei soggetti meno favoriti dalla genetica, l’adesione ad uno stile di vita corretto si dimostra la migliore strategia di prevenzione degli eventi cerebrovascolari, riducendo il rischio del 40% circa, rispetto alle persone con assetto genetico simile, ma stile di vita sfavorevole.

Glossario

  • Ictus cerebrale

    patologia di origine vascolare caratterizzata dall'improvvisa comparsa di un deficit neurologico focale la cui gravità può essere molto variabile, da una lieve turba neurologica, alla paralisi di uno o più arti (emi-paraplegia), alla perdita della parola, dello stato di coscienza o della vita. Corrisponde alla necrosi di cellule cerebrali che non sono più in grado di svolgere la funzione cui erano deputate. Si distinguono un ictus di tipo emorragico, allorché la causa è la rottura di un vasellino cerebrale, e un ictus di tipo ischemico, determinato dall'ostruzione del flusso attraverso un vaso a valle del quale si ha ischemia.

  • Ictus

    Manifestazione acuta di lesione focale cerebrale.

Genetic risk, incident stroke, and the benefits of adhering to a healthy lifestyle: cohort study of 306?473 UK Biobank participants.

OBJECTIVE: To evaluate the associations of a polygenic risk score and healthy lifestyle with incident stroke.
DESIGN: Prospective population based cohort study.
SETTING: UK Biobank Study, UK.
PARTICIPANTS: 306 473 men and women, aged 40-73 years, recruited between 2006 and 2010.
MAIN OUTCOME MEASURE: Hazard ratios for a first stroke, estimated using Cox regression. A polygenic risk score of 90 single nucleotide polymorphisms previously associated with stroke was constructed at P<1×10-5 to test for an association with incident stroke. Adherence to a healthy lifestyle was determined on the basis of four factors: non-smoker, healthy diet, body mass index <30 kg/m2, and regular physical exercise.
RESULTS: During a median follow-up of 7.1 years (2 138 443 person years), 2077 incident strokes (1541 ischaemic stroke, 287 intracerebral haemorrhage, and 249 subarachnoid haemorrhage) were ascertained. The risk of incident stroke was 35% higher among those at high genetic risk (top third of polygenic score) compared with those at low genetic risk (bottom third): hazard ratio 1.35 (95% confidence interval 1.21 to 1.50), P=3.9×10-8. Unfavourable lifestyle (0 or 1 healthy lifestyle factors) was associated with a 66% increased risk of stroke compared with a favourable lifestyle (3 or 4 healthy lifestyle factors): 1.66 (1.45 to 1.89), P=1.19×10-13. The association with lifestyle was independent of genetic risk stratums.
CONCLUSION:In this cohort study, genetic and lifestyle factors were independently associated with incident stroke. These results emphasise the benefit of entire populations adhering to a healthy lifestyle, independent of genetic risk.

Stampa

Condividi